Vai al contenuto

Patti successori e artt 1411, 1412 e 1920 cc

Rate this topic


Recommended Posts

Per quanto riguarda i patti successori:

1) sono vietati quelli indiretti come il contratto a favore del terzo ex art 1411 cc con designazione del beneficiario per testamento. Si tratta di una disposizione m.c. perché solo al momenti dell' apertura della successione si conosce il beneficiario.

2) è valido il contratto (Inter vivos ), ex art 1412cc, perché lo stipulante designa il beneficiario (la designazione potrebbe avvenire anche nel prosieguo, purché non per testamento).Pertanto, il contratto è valido perché l' attribuzione e' immediata ed e' solo l' esecuzione ad essere differita al momento dell' apertura della successione.

3) è valida la designazione per testamento del beneficiario ex art 1920 cc. Si tratta, secondo la tesi prevalente di atto Inter vivos con effetti post mortem perché il beneficiario acquista direttamente il diritto dall' assicuratore (diritto iure proprio) e non dal testore .

Vi trovate in questa mia sintesi?

Link di questo messaggio
Condividi

ciao, la prima e la terza ipotesi mi sembrano simili considerando che il testatore può designare il beneficiario terzo con testamento. Il punto è capire se l'art. 1920 contempli un patto successorio eccezionalmente ammesso, o un atto inter vivos suscettibile di avere efficacia post mortem con la designazione per testamento, pertanto valido anche al di fuori dell'ipotesi del 1920.

Non so a che tesi aderire ma ti segnalo che:

- per la tesi del patto successorio indiretto, Giampiccolo, Di giorgi, Capozzi (valevole solo nel caso del 1920);

- per la tesi del contratto con effetti post morte, Santoro Passarelli, Cariota Ferrara, Landini e mi pare Genghini, e senz'altro Cassazione.

Link di questo messaggio
Condividi
On 29/10/2020 at 19:49, jbentham dice:

ciao, la prima e la terza ipotesi mi sembrano simili considerando che il testatore può designare il beneficiario terzo con testamento. Il punto è capire se l'art. 1920 contempli un patto successorio eccezionalmente ammesso, o un atto inter vivos suscettibile di avere efficacia post mortem con la designazione per testamento, pertanto valido anche al di fuori dhe tesi aderire ma ti segnalo che:

- per la tesi del patto successorio indiretto, Giampiccolo, Di giorgi, Capozzi (valevole solo nel caso del 1920);

- per la tesi del contratto con effetti post morte, Santoro Paarelli, Cariota Ferrara, Landini e mi pare Genghini, e senz'altro Cassazione.

Grazie per avermi risposto! 

Il dubbio, infatti, mi era sorto in relazione all' art 1920cc confrontando  il testo di Capozzi con quello di Genghini!

Approfondirò l' argomento anche in base agli autori da te citati!

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...