Vai al contenuto

graduatoria concorso 500 posti

Rate this topic


Recommended Posts

In realtà sembra (per voci che mi sono arrivare e di cui non posso garantire l'autenticità) ce si siano verificate due cose:

- alcuni partecipanti (non so se 1 o più) avevano superato l'età per essere ammessi al concorso e vi avrebbero partecipato mediante sospensiva del tar

- altri partecipanti (non so se 1 o più) effettivamente avevano esaurito il numero delle consegna (però non mi è giunta voce di come avrebbero fatto a partecipare

Link di questo messaggio
Condividi
10 ore fa, riv.giuridica dice:

Scusate ho capito bene: ci sono delle persone che hanno vinto il concorso a 500 posti e non potevano sostenerlo  per avere finito le 3 consegne ?

Uno sicuramente ha superato scritti e orali, ma non è stato inserito in graduatoria e in base a ordinanza cautelare del TAR dovrebbe esservi inserito con riserva. Ma non è affatto detto che sia poi nominato notaio, perché il TAR ha sempre respinto i ricorsi in via cautelare per essere ammessi agli scritti.

Probabilmente aveva partecipato agli scritti perché il Ministero non aveva ancora fatto i controlli e lo ha escluso solo dopo. 

Modificato da Tiresia
Link di questo messaggio
Condividi

Mi ricordo che in una discussione avevano postato un parere e fatto riferimento al fatto che una candidata (oramai 53enne) aveva presentato un ricorso che aveva poi ritirato per carenza di interesse, avendo ottenuto la nomina a Notaio..mi pare che l'avesse postata "superg"..

Vorrei capire che cosa hanno dichiarato questi candidati, nella loro domanda di concorso, nelle parti in cui si deve dichiarare di rispettare i requisiti del bando (tra i quali i limiti di età e limite di consegne)..

Modificato da alexander1981
Link di questo messaggio
Condividi

Beh...se è così - fermo restando il fatto che meriterebbe il sigillo già solo per via del fatto che è una tostissima che ha retto la "tre giorni" alla sua non più verde età - non dovrebbe essere nominata perché se vivessimo in uno stato di diritto non si sarebbe potuta nemmeno sedere ai banchetti..(anche se questo è il meno peggio di ciò che si è visto nella storia di questo stupendo concorso)...

Link di questo messaggio
Condividi

Ma lei e altri avevano ottenuto il provvedimento del TAR che li ammetteva agli scritti. 

Praticamente il TAR ha accolto in via cautelare i ricorsi per il limite d’età e non quelli per il superamento delle tre/quattro consegne. Nel merito però per quella candidata ha detto che non poteva pronunciarsi. 

Altro non so: ho solo fatto una ricerca sul sito della giustizia amministrativa per capire.

Modificato da Tiresia
Link di questo messaggio
Condividi

Io credo che sia giusto che vincano i migliori a prescindere dagli anni che hanno o dal numero di prove che hanno sostenuto.

Numeri chiusi. preselezioni ecc. hanno già causato tanti danni ai cittadini ed all'Italia intera.

Se uno è idoneo è idoneo. Se uno vuole studiare 40 anni e diventare notaio a 60, è affar suo.

Il vero problema sono i tempi di correzione delle prove, che impediscono una programmazione di quello che si vuol fare da grandi.

Tutto questo logora e uno nell'attesa va anche a contare le guglie del duomo.

59 minuti fa, alexander1981 dice:

Hai perfettamente ragione...adesso vado a contare le guglie in Duomo.. 😉

 

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi
19 ore fa, alexander1981 dice:

Mi ricordo che in una discussione avevano postato un parere e fatto riferimento al fatto che una candidata (oramai 53enne) aveva presentato un ricorso che aveva poi ritirato per carenza di interesse, avendo ottenuto la nomina a Notaio..mi pare che l'avesse postata "superg"..

Vorrei capire che cosa hanno dichiarato questi candidati, nella loro domanda di concorso, nelle parti in cui si deve dichiarare di rispettare i requisiti del bando (tra i quali i limiti di età e limite di consegne)..

Non l’ho postata io. Ho partecipato solo alla discussione su concetti generali di diritto amministrativo e processuale amministrativo. Non ricordo chi l’abbia postata. 

Link di questo messaggio
Condividi
On 26/4/2019 at 10:47, albertone dice:

Io credo che sia giusto che vincano i migliori a prescindere dagli anni che hanno o dal numero di prove che hanno sostenuto.

Numeri chiusi. preselezioni ecc. hanno già causato tanti danni ai cittadini ed all'Italia intera.

Se uno è idoneo è idoneo. Se uno vuole studiare 40 anni e diventare notaio a 60, è affar suo.

Il vero problema sono i tempi di correzione delle prove, che impediscono una programmazione di quello che si vuol fare da grandi.

Tutto questo logora e uno nell'attesa va anche a contare le guglie del duomo.

 

Non è propriamente affar solo suo, dato che la pensione gliela pagheranno altri notai con molti più anni di esercizio.

Link di questo messaggio
Condividi

Dipende, da quanto verserà e quanto potrà campare, può darsi pure che non arrivi alla pensione (facendo per lui scongiuri); intanto si vince poi si vedrà, non mi preoccuperei degli altri notai che gli pagano la pensione, con tutto quello che hanno guadagnato e che avranno di pensione, senza considerare che poi si venderanno/affitteranno lo studio monetizzando ulteriormente, fermo rimanendo che a 75  anni cosa vuoi ancora più dalla vita (se non quello che eventuali tuoi figli possano vivere di rendita....) 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link di questo messaggio
Condividi
1 minuto fa, anton3 dice:

Dipende, da quanto verserà e quanto potrà campare, può darsi pure che non arrivi alla pensione (facendo per lui scongiuri); intanto si vince poi si vedrà, non mi preoccuperei degli altri notai che gli pagano la pensione, con tutto quello che hanno guadagnato e che avranno di pensione, senza considerare che poi si venderanno/affitteranno lo studio monetizzando ulteriormente, fermo rimanendo che a 75  anni cosa vuoi ancora più dalla vita (se non quello che eventuali tuoi figli possano vivere di rendita....) 

Se si seguisse questo atteggiamento approssimativo il sistema di previdenza di categoria rovinerebbe in poco tempo.

Link di questo messaggio
Condividi

A parte che si è divagato rispetto alla domanda iniziale, ma tanto questa candidata era già stata inserita in graduatoria e l’esito del giudizio amministrativo che la riguarda non influisce minimamente sul decreto di nomina degli altri!

Fatta questa precisazione, non dovrebbero interessare a nessuno le scelte altrui. 

Link di questo messaggio
Condividi

Per Aflaib: il problema alla cassa, lo determinano soprattutto: il calo di volume di affari (e infatti, la cassa, dopo il terribile periodo 2008-2012, si sta riprendendo nelle prospettive future), la concessione altrui delle competenze notarili, la presenza di attifici che non consentono un'equa distribuzione delle "risorse", le balorde idee governative che prevedono visioni di gestione cinquantennali, il numero spropositato di notai oltre le effettive esigenze della popolazione.   

Un notaio in vent'anni può tranquillamente pagarsi la pensione (che sarà sempre al minimo e quindi mai come quella di chi si congeda dopo 35/40 anni), fermo rimanendo che sopravviva molti anni dopo i 75.

Modificato da anton3
Link di questo messaggio
Condividi
  • 2 weeks later...
On 29/4/2019 at 22:00, anton3 dice:

Per Aflaib: il problema alla cassa, lo determinano soprattutto: il calo di volume di affari (e infatti, la cassa, dopo il terribile periodo 2008-2012, si sta riprendendo nelle prospettive future), la concessione altrui delle competenze notarili, la presenza di attifici che non consentono un'equa distribuzione delle "risorse", le balorde idee governative che prevedono visioni di gestione cinquantennali, il numero spropositato di notai oltre le effettive esigenze della popolazione.   

Un notaio in vent'anni può tranquillamente pagarsi la pensione (che sarà sempre al minimo e quindi mai come quella di chi si congeda dopo 35/40 anni), fermo rimanendo che sopravviva molti anni dopo i 75.

Non è comunque giusto a parer mio che uno che lavora 15/20 anni riceva la stessa pensione di uno che ne lavora 30.. pur se pensione minima!

Cosi come il notaio che lavora di meno di un notaio che lavora il doppio..

Ma questo non è imputabile alla candidata in questione ovviamente, bensì al sistema pensionistico eccessivamente “solidale” della categoria.

  • Like 1
Link di questo messaggio
Condividi

Giustamente solidale, la Cassa nacque per questo; siccome il sistema è chiuso, se io non lavoro, lavora l'altro al posto mio e guadagna tantissimo; credimi, sarebbe preferibile lavorare più in  vita, approfittando dell'apatia dell'altro, che poi farsi battaglia feroce durante l'attività.

Se dovesse cambiare il sistema pensionistico, vi sarebbe una battaglia più feroce sulla concorrenza (e prezzi in giù) e nel combattere gli attifici; 

Quindi ai notai superattivi conviene anche così, poi la pensione viene attribuita necessariamente a 75 anni per coloro che entrano a 50 anni e quindi con non tanta aspettativa di vita.

 

Notaio che lavora il doppio = che ha un "sacco" di collaboratori che gli consentono di  fare le barba alle norme sulla personalità della prestazione e quindi, in qualche modo di ledere la legge e la deontologia. La pensione più alta la meriterebbero loro che non il dominus, che gli spetterebbe quella da imprenditore 

Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...