Vai al contenuto

termine all' onere e condizione

Rate this topic


Recommended Posts

ma l'onere e la condizione vogliono sempre un termine?

lego la mia casa con l'onere di farne un centro studi per gli allievi che studiano il latino. in questo caso il termine è soltanto iniziale a partire dalla morte del testatore se la traccia non specifica una durata da apporre all'onere?

lo stesso vale per la condizione?

Link di questo messaggio
Condividi

Per la condizione sospensiva potestativa, è opportuno se non necessario, stante il disposto dell'art. 645 Poi per quelle sotto condizione di non dare o non fare soccorre l'art. 638 (la c cd. cautio muciana). In generale, per esperienza concorsuale, è certamente opportuno prevedere un termine (anzi necessario in caso di condizione potestativa), anche in quelle causali, per non sottoporre la  disposizione testamentaria ad un lungo lasso di tempo di incertezza di effetti,   

Per l'onere direi di sì certamente, anche in base ai principi generali dell'obbligazione (ved. ad es. art. 1183 c.c.); inoltre, quasi per analogia, considererei pure  l'art. 645 (per la condizione potestativa) dato che fa riferimento al termine "adempimento".

Link di questo messaggio
Condividi
1 ora fa, anton3 dice:

" per non sottoporre la  disposizione testamentaria ad un lungo lasso di tempo di incertezza di effetti"

 

Principio da non sottovalutare, tenendo conto dell'opinione che vede nell'onere la fonte di un'obbligazione in senso tecnico, che non va tenuta in vita senza termine. Idem per la condizione.

Link di questo messaggio
Condividi

Aggiungo (o meglio esplicito esperienza concorsuale) che nei verbali d correzioni ai concorsi è spesso stata lamentata la mancanza di un termine alla condizione (soprattutto potestativa, che ai concorsi è la prevalenza), proprio rilevando l'incertezza a cui può essere soggetta la disposizione (oppure la mancanza di termine costringe le parti ad agire il giudice); per l'onere, che sostanzialmente è un'obbligazione, confermo quanto sopra: va certamente indicato un termine (l'art. 645, per certi versi, è comunque pure un faro di riferimento per l'onere). 

In ogni caso, in generale, suggerisco sempre di non trascurare lo studio (quasi mnemonico) del dato codicistico, perché può aiutare a risolvere diverse questioni (o al contrario, trascurarlo, può far incappare in gravi errori). La preselezione di un tempo, almeno solo questo aveva di positivo: che costringeva a imparare, quasi a memoria, molti articoli del codice.

Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...