Vai al contenuto

massigu

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    5304
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    58

Risposte pubblicato da massigu

  1. In questo periodo di attesa e riflessione mi viene in mente una cosa: quali sono i concorsi più appetibili per un laureato in giurisprudenza ai quali si potrebbe pensare in alternativa (ma non necessariamente) al nostro?  :wacko:  :wacko:

    Io pensavo di costituire una società con capitale minimo da aumentare ripetutamente, in parte a titolo gratuito, in parte a pagamento, con conferimenti in danaro e in natura, con nomina del collegio sindacale, emissione di titoli obbligazionari. Alla fine scinderla, fonderla, trasformarla, metterla in liquidazione cancellarla dal R.I.

    Così per esercitarmi

    :tounge:

    ...Carina questa! :D

    Grazie :D più aumenta il mio sconforto più mi sa che lo faccio davvero!

  2. E che cavolo, mi è passata la voglia di far sesso.

    Devi diventare Notaio, mica Rocco Siffredi!!

    E mica diventare notaio significa non far più sesso!

    :D Ma come!!! Il Conte di Montecristo!! Già ti immagino in una cella circondato da volumi, codici e riviste e....una candela! Capisci? NOn può il conte di MOntecristo avere nella sua stanza buia avere alle pareti i culandari delle veline, letterine ecc ecc. Devi studiare!! :D

  3. In questo periodo di attesa e riflessione mi viene in mente una cosa: quali sono i concorsi più appetibili per un laureato in giurisprudenza ai quali si potrebbe pensare in alternativa (ma non necessariamente) al nostro? :wacko::wacko:

    Io pensavo di costituire una società con capitale minimo da aumentare ripetutamente, in parte a titolo gratuito, in parte a pagamento, con conferimenti in danaro e in natura, con nomina del collegio sindacale, emissione di titoli obbligazionari. Alla fine scinderla, fonderla, trasformarla, metterla in liquidazione cancellarla dal R.I.

    Così per esercitarmi

    :tounge:

  4. Ogni intervento solleva problemi evidenti dell'attuale sistema notarile.

    Su questo forum sono state proposte molte valide proposte di riforma dell'ordinamento.

    Ma tutto ciò se non trova consenso all'interno del sistema non verrà mai attuato.

    A livello politico il problema é più facilmente risolvibile intervenendo sugli onorari cioé sul problema più sentito dall'elettorato. Poi che ci siano 4500 o più notaio per la gente non é un problema.

    Ci hanno già pensato più volte a ritoccare gli onorari. Il notaio è terzo inter partes, il suo compenso è garanzia di indipendenza. E', piuttosto, il sistema politico che deve mettersi in gioco.

  5. Il livello di competenza richiesto è alto, la natura spuria della figura notarile (pubblico ufficiale, libero professionista, imprenditore) è evidente. Le soluzioni per un concorso che valuti adeguatamente i notai di domani sono difficili. Di certo non aiutano i luoghi comuni che anche stamattina affollano i giornali. Si valuta quella notarile come casta, si dimentica la civiltà giuridica e la funzione di prevenzione delle liti assicurata dal notaio che opera correttamente. Sono scoraggiato.

  6. Esatto. Il tempo è una risorsa scarsa. Un metodo alternativo potrebbe consistere nella partecipazione a corsi di formazione che assegnino un punteggio valido per la formazione di graduatorie. I punteggi potrebbero essere conseguiti vuoi con le esercitazioni, vuoi con la partecipazione ai corsi formativi.

    Basta chiedere al sig. Mastella, direbbe: why not?

×
×
  • Crea Nuovo...