Vai al contenuto
jbentham

prelazione nudo proprietario

Rate this topic

Recommended Posts

In caso di costituzione di usufrutto (ma anche es. superficie o enfiteusi; non uso e non abitazione) può essere utile, secondo voi, costituire una prelazione convenzionale a favore del nudo proprietario per il caso di cessione dell'usufrutto (o dell'altro diritto minore)?

In questo modo il proprietario riacquista la piena proprietà evitando la circolazione del diritto: sostanzialmente acquistando il diritto minore, questo diritto si "consuma" in forza dell'acquisto e si riespande la proprietà.

Non so però come possa essere compatibile con la durata del diritto reale minore una simile cessione.

Quale passaggio mi sto perdendo? fattibile?

 

Grazie a chi risponderà

Modificato da jbentham

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Giuridicamente fattibile ma secondo me di scarsa utilità! Allo spirare del diritto io divento comunque pieno proprietario 

  • Thanks 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Mi associo alla risposta di chi mi ha preceduto, e ti riporto il disposto dell art 980 c.c.: "L'usufruttuario può cedere il proprio diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata, se ciò non è vietato dal titolo costitutivo".

Se l intento di chi costituisce l usufrutto é quello di impedire la successiva circolazione del diritto, al fine di evitare che il godimento del suo bene vada a persone a lui non gradite, la soluzione piú diretta é prevedere un divieto di alienazione.

La tua soluzione, come già detto, non é vietata, ma che utilitá avrebbe ? Il nudo proprietario dovrebbe pagare il prezzo della stipulanda vendita per "acquistare" l'usufrutto quando, secondo quanto ti ho scritto poco più sopra, può conseguire il medesimo risultato senza dovere sborsare alcunchè.

Diverso è il discorso per la superficie. Qui ricorrono le medesime limitazioni previste per la proprietà piena. Pertanto, se non puoi/vuoi applicare il 1379 c.c. la prelazione può essere una valida soluzione, destinata tuttavia a cedere a fronte di atti di alienazone a titolo gratuito.

Quanto all'enfiteusi consiera che il divieto di alienazione mi pare possa estendersi fino a 20 anni, a differenza che per il diritto di proprietà. In alternativa o (meglio) in aggiunta puoi tranquillamente prevedere anche la prelazione a favore del concedente.

  • Like 1
  • Thanks 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Anch’io avevo pensato nell’immediato al divieto di alienazione come strumento utile a questo fine: tuttavia Stante la parziale diversità di effetti (divieto totale contro prelazione esercitabile o meno) mi domandavo della fattibilità di questa fattispecie. Strana, in effetti, ma magari utilizzabile ove un nudo proprietario voglia “controllare” la circolazione e non “bloccarla” del tutto.


Grazie molte ad entrambe!

 

 

 

Modificato da jbentham

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
1 ora fa, Condono Notarile 2016 dice:

Solo cazzate ... leggo solo cazzate ... ci sono monografie sulla prelazione: studiate!

Sempre peggio .... peggio dei Porci da Condono 

 

Ma mezzo contenuto giuridico, magari scritto con un periodare che rifletta le monografie che te sei studiato e l agognato possesso del sigillo, e l'uso di qualche virgola, lo sai fare, o ti limiti ai puntini di sospensione come i bimbiminkia della generazione dei millennials ?

E daje ... almeno supporteresti con un pizzico di sostanza le critiche che muovi a noialtri.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
On ‎12‎/‎09‎/‎2020 at 10:00, jbentham dice:

In caso di costituzione di usufrutto (ma anche es. superficie o enfiteusi; non uso e non abitazione) può essere utile, secondo voi, costituire una prelazione convenzionale a favore del nudo proprietario per il caso di cessione dell'usufrutto (o dell'altro diritto minore)?

In questo modo il proprietario riacquista la piena proprietà evitando la circolazione del diritto: sostanzialmente acquistando il diritto minore, questo diritto si "consuma" in forza dell'acquisto e si riespande la proprietà.

Non so però come possa essere compatibile con la durata del diritto reale minore una simile cessione.

Quale passaggio mi sto perdendo? fattibile?

 

Grazie a chi risponderà

per soddisfare alcuni analoghi interessi puoi anche valutare di ovviare con un (più economico) divieto di cedere l'usufrutto, espressamente previsto dall'art. 980 comma 1 c.c.

 

sss

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
33 minuti fa, silviosantosubito dice:

per soddisfare alcuni analoghi interessi puoi anche valutare di ovviare con un (più economico) divieto di cedere l'usufrutto, espressamente previsto dall'art. 980 comma 1 c.c.

 

sss

Ben detto ... si vede che non segui scuolette o porci da Condono.

A volte basta conoscere le norme

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
On 13/9/2020 at 00:42, Pole Position dice:

Mi associo alla risposta di chi mi ha preceduto, e ti riporto il disposto dell art 980 c.c.: "L'usufruttuario può cedere il proprio diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata, se ciò non è vietato dal titolo costitutivo".

Se l intento di chi costituisce l usufrutto é quello di impedire la successiva circolazione del diritto, al fine di evitare che il godimento del suo bene vada a persone a lui non gradite, la soluzione piú diretta é prevedere un divieto di alienazione.

La tua soluzione, come già detto, non é vietata, ma che utilitá avrebbe ? Il nudo proprietario dovrebbe pagare il prezzo della stipulanda vendita per "acquistare" l'usufrutto quando, secondo quanto ti ho scritto poco più sopra, può conseguire il medesimo risultato senza dovere sborsare alcunchè.

Diverso è il discorso per la superficie. Qui ricorrono le medesime limitazioni previste per la proprietà piena. Pertanto, se non puoi/vuoi applicare il 1379 c.c. la prelazione può essere una valida soluzione, destinata tuttavia a cedere a fronte di atti di alienazone a titolo gratuito.

Quanto all'enfiteusi consiera che il divieto di alienazione mi pare possa estendersi fino a 20 anni, a differenza che per il diritto di proprietà. In alternativa o (meglio) in aggiunta puoi tranquillamente prevedere anche la prelazione a favore del concedente.

 

20 minuti fa, Condono Notarile 2016 dice:

Ben detto ... si vede che non segui scuolette o porci da Condono.

A volte basta conoscere le norme

o leggere tutti i commenti giá scritti (pure se troppo articolati) prima di attaccare a scrivere le solite frasi.

Va a studiare che Novembre s'appropinqua 😘

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...