Vai al contenuto
Annalisa prima

Riforma diritto di famiglia - Disciplina transitoria (art.228 legge 1975) Comunione legale dei beni

Rate this topic

Recommended Posts

La legge n.151 del 1975, nell'art.228, come norma transitoria al regime di comunione legale dei beni, così recita:"Le famiglie già costituite alla data di entrata in vigore della legge, decorso il termine di due anni, sono assoggettate al regime della comunione legale per i beni acquistati successivamente alla data medesima a meno che , entro detto termine, uno dei coniugi non manifesti la volontà  contraria in un atto ricevuto da un notaio o ufficiale dello stato civile del luogo in cui fu celebrato il matrimonio....."

Domanda: risulta valida ed efficace la volontà del coniuge che opta per il regime della separazione legale dei beni resa dinanzi all' ufficiale di stato civile del luogo di residenza? È non, come richiede la legge, del luogo di celebrazione del matrimonio? C èdifetto di competenza territoriale?

Inoltre, essa viene recepita e trascritta nell' estratto di matrimonio dopo 40 anni: il comune di residenza lo comunica dopo siffatto periodo al comune di celebrazione.

Infine, tale dichiarazione ha valore retroattivo per i beni acquistati, ancorché a nome del solo coniuge, nel periodo 1975/2000, per cui tali beni a quale regime si intendono assoggettati?

Grazie anticipate.

Modificato da Annalisa prima
Ho semplificato la questione per renderne più agevole la comprensione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×