Vai al contenuto
Jack_1970

RIDUZIONE EREDITARIA

Rate this topic

Recommended Posts

Buongiorno

Avrei bisogno di chiarimenti sul seguente caso di lesione della quota di legittima

> Il de cuius era sposato ed aveva un unico figlio

> Il relictum era costituito da un unico immobile di valore 150

> Il testamento nomina il coniuge erede universale riservando al figlio della sola quota di legittima (pari ad 1/3) da calcolarsi sul bene immobile caduto in successione

> In vita, il de cuius aveva effettuato due donazioni al coniuge, la prima pari a 500 e la seconda, pochi giorni prima la data del decesso, pari a 1.500 e non esistono debiti

> Il valore fittizio della massa ereditaria risulta quindi pari a 100 + 1.500 + 500 = 2.100

Essendo palese la lesione della quota di legittima, il figlio decide di procedere con azione di riduzione e quindi restituzione al fine di veder reintegrata la quota di legittima, pari specificatamente a 2.100 / 3 = 700

QUESITO: l'azione di riduzione

  • L'azione di Riduzione può/deve partire da quanto presente effettivamente al momento del decesso e solo esaurito ciò procedere sulle donazioni (partendo dall'ultima)? > Si può/deve quindi chiedere al Giudice l'attribuzione per intero dell'immobile di valore 100 e quindi di ulteriori 600 (con riduzione della donazione da 1.500)? > Il figlio si ritroverebbe quindi proprietario al 100% dell'immobile e di un importo in contanti pari a 600
  • Non essendo lesive della quota di legittima le disposizioni testamentarie calcolate sul solo relictum si può/deve invece agire solo e soltanto sulle donazioni? > Si può/deve quindi chiedendo quindi al Giudice un importo pari a 700 tramite riduzione della donazione da 1.500 e quindi mantenendo valida l'attuale assegnazione per quote (1/3 al figlio e 2/3 al coniuge) dell'immobile caduto in successione? Il figlio si ritroverebbe quindi proprietario di una quota di 1/3 dell'immobile e di un importo in contanti pari a 700

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Direi che non c'é riduzione ma in sede divisione si accordano con la moglie per avere il figlio 700, dato che ritengo operante la collazione, se c'é stata dispensa direi che si prende l immobile relitto e poi riduce le donazioni fatte alla madre dall' ultima  alla prima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×