RITARDATARIO

Compravendita e agibilità di immobile ante 67

Rate this topic

8 risposte in questa discussione

Vendita di appartamento costruito ante 67 che da allora non ha subito modifiche. Il venditore ( attuale proprietario ) non ha in mano nessun documento che attesti che l'immobile ha l'abitabilità.

Il venditore sulla scorta anche di Cass. civ. Sez. II, 20/01/1996, n. 442 ( ed altre ) vuole essere certo che l'acquirente non agisca un domani contro di lui con un'azione risarcitoria.

Nell'atto pare che per motivi di mutuo, non si voglia dichiarare dell'assenza dell'abitabilità. Cosa fare?

Il tecnico dice che tutti gli immobili ante 67 se non hanno subito interventi, non necessitano di abitabilità perché la hanno ex se.

Mi pare che l'affermazione che sostenga che gli immobili costruiti ante 67 che non hanno da allora subito modifiche,  siano da considerarsi TUTTI in regola con l'abitabilità, sia poco credibile, posto che già con l'art. 221 del REGIO DECRETO 27 luglio 1934, n. 1265 tutt'ora vigente, esistevano documenti simili. 

Come la risolviamo? mi perdo qualcosa? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

il venditore non può farsi fare un parere scritto dal proprio tecnico, il quale a quel punto si assumerà la responsabilità delle proprie affermazioni.

In caso di controversia, il venditore agirà per responsabilità professionale verso il tecnico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Bene, ma io come pseudo notaio, che dovrei garantire le parti ( anche il venditore a non farsi fare cause ) quale soluzione potrei avere? ( se esiste ? ) Il ragionamento del tecnico è corretto secondo voi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Tu non potrai mai garantire qualcuno al 100%

MAI

E guai a farlo

Quindi dato che il notaio non è un tuttologo onnisciente è giusto e corretto rifarsi in taluni casi ad altri professionisti

Se il venditore vuole essere garantito da eventuali futuri problemi fai predisporre una perizia da un tecnico sulla conformità urbanistica e avrai fatto bene il tuo lavoro

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Penso che per le vecchie costruzione che non furono dotate di agibilità non sia più rilasciabile in quanto ai sensi del TU in materia edilizia il certificato di abitabilità può essere rilasciato solo:

-per le nuove costruzioni,

- per le ricostruzioni e

- per gli interventi su edifici esistenti che influiscono sull'abitabilità

quindi i vecchi edifici che non hanno subito modifiche non dovrebbe più essere rilasciabile l'agibilità/abitabilità.

Dovrebbe esistere uno studio del notariato.

Questo però dovrebbe saperlo il notaio che deve stipulare l'atto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Al di là del problema delle vecchie costruzioni, la normativa in materia è in evoluzione; modifiche recenti all'art. 24 (L. 98/2013) già consentivano (art. 24 comma 4 bis) il rilascio del certificato anche per singole unità; ora dopo il dlgs. 222/2016, si conferma la modifica, dato che la SCIA può riguardare anche ex art. 24, co. 4 lett b) "singole unità immobiliari, purché siano completate e collaudate le opere strutturali connesse, siano certificati gli impianti e siano completate le parti comuni e le opere di urbanizzazione primaria dichiarate funzionali rispetto all'edificio oggetto di agibilità parziale"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora