Vai al contenuto
AllegraG

Vale ancora la pena fare il concorso per notaio?

Rate this topic

Recommended Posts

Non so da voi ma nella mia zona gli avvocati lavorano poco o niente e molti appena dopo essere abilitati chiudono dopo pochi anni.

Probabilmente nelle grandi città sopravvivono di più. 

Da me ne sono veramente tanti e la concorrenza e molta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Secondo me il top per un laureato in giurispridenza e' la magistratura.

Gli avvocati saranno destinati ad essere sostituiti da programmi informatici e le loro competenze saranno sempre più ridotte (oggi per un divorzio consensuale basta andare in comune con una marca da bollo da 16 euro). Il titolo di avvocato servirá solo per poter partecipare ad altri concorsi, a sostituire il titolo di laurea visto che ormai una laurea in giurisprudenza non si nega a nessuno.

I notai ormai sono troppi, le parcelle ridotte all'osso, ci sono molti giovani notai che fanno atti a 100 euro pur di far vedere che il loro numero di repertorio e' aumentato mentre le responsabilità sono aumentate. I notai dovrebbero poter chiedere di essere inquadrati nella magistratura o nel ministero di giustizia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
11 ore fa, LondonJ dice:

Secondo me il top per un laureato in giurispridenza e' la magistratura.

Gli avvocati saranno destinati ad essere sostituiti da programmi informatici e le loro competenze saranno sempre più ridotte (oggi per un divorzio consensuale basta andare in comune con una marca da bollo da 16 euro). Il titolo di avvocato servirá solo per poter partecipare ad altri concorsi, a sostituire il titolo di laurea visto che ormai una laurea in giurisprudenza non si nega a nessuno.

I notai ormai sono troppi, le parcelle ridotte all'osso, ci sono molti giovani notai che fanno atti a 100 euro pur di far vedere che il loro numero di repertorio e' aumentato mentre le responsabilità sono aumentate. I notai dovrebbero poter chiedere di essere inquadrati nella magistratura o nel ministero di giustizia.

ahahhaahahaha ahahahahah

 

gli avvocati scompariranno??!ahhaahhaah ma hai idea della baggianat che dici?! Prova a usciore dal mondo e chiede se la gente ha piu bisogno e paga pertanto un avvocato o un notaio e poi vedi.

 

Allora, con titolo di avvocato puoi esercitare in tutta europa, facendo le abilitazioni necessarie e conoscendo le lingue, con titolo di notaio?!

 

London credo che magistratura possa dare minime soddisfazioni a livello economico, ma l'unica vera professione in italia che ancora e degna di essere libera professione denominata e quella di commercialista, che andra a inglobare moltissime delle attuali competenze notarile, quindi il notaio schicciato tra avv e commercialista soffrira e alla fine scomparira.

 

COnsidera questo: se ai notai tolgono il numero chiuso, tolgono competenze per vendite fino a 100 k di valore catastale , ovvero eliminano territorialita regionale per sostituirla con quella nazionale, che ne sara della categoria?

 

Guarda su internet cosa pensano dei notai, e il risultato lo capisci da solo , io credo che cio e dovuto ahime ad essere stati come struzzi per anni. 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

il top per un laureato in giurisprudenza è fare l'amministratore delegato in azienda medio grandi con stipendi dai 500000 euro netti in su oltre ai bonus. ( TOP MANAGER);)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

 1Obama (e quelli che la pensano come te), in linea di massima l'analisi sulle sorti delle professioni può pure essere condivisibile, però sembra che tu ne goda per quello che concerne infaustamente il notariato; allora la domanda mi sorge spontanea:  ma tu stai studiando per diventare notaio, oppure, se un avvocato ospite che batte la stecca a quelli che in questo sito (ricordo: dedicato agli aspiranti notai) sputano sangue per diventare notaio ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

studio per dieventare notaio ma osno realista, e allo stesso tempo lavorando in uno studio di notai vedo perfettamente come funzionano le cose del mondo del lavoro reale e le varie gerarchie. mi caro anton3 qui la maggior parte pensa ancora che fare notaio sia sinonimo di benessere e fatturati facili a 500k annui, quando la realta e ben diversa, Tutte le categorie stanno soffrendo, ma per tutte tranne notariato le prosepttive sono rosee. Non ammetterlo e una follia, anche per chi vive in isole felice del sud italia

Prova a contestare che togliendo una delle 3 opzione che ho citato prima il notariato sopravivrebbe? dai suu seriamente è destinato a finire e basta vedere altri paesi, se da noi esiste e solo per i notariato francese. ma ormai non dico che si faccia la fame e sia degradante, ma nel giro massimodi 10 anni non esistera piu il notariato protetto e abbastanza sicuro come finoal 2010.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ok, bene per il realismo, le tre opzioni sono altrettante spade di damocle per la maggioranza dei notai (dato  che alla parte più forte, seppur minoritaria del notariato, non preoccupa nessuna delle tre opzioni, anzi....) , però, allora, volendo fare il notaio, dovrai anche "studiare" per come difenderlo un giorno che lo sarai, anche per la tua stessa sopravvivenza (e per i sacrifici che hai fatto e avrai fatto).

Il notariato sopravvive non solo per quello francese (che credo non abbia l'esclusiva sul commerciale), ma perché è adottato dalla maggioranza dei paesi europei (e anche con peggiori percentuali abitanti/notai e compensi praticati rispetto all'Italia); nell'ultimo attacco subito dal notariato austriaco, oggetto di giudizio presso la Corte di Giustizia Europea, l'avvocato generale presso la Corte ha concluso (settembre 2016) in senso favorevole ai notai (in sintesi: competenza esclusiva per i trasferimenti immobiliari). In sostanza, allo stato, ancora si crede nella utilità del notariato, non tutto è perduto, perché vi sono segnali di ribellione allo strapotere delle forze finanziarie che vorrebbero la deregulation del mercato a tutti i livelli, nonché accaparrarsi i redditi dei liberi professionisti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
14 ore fa, 1obama dice:

studio per dieventare notaio ma osno realista, e allo stesso tempo lavorando in uno studio di notai vedo perfettamente come funzionano le cose del mondo del lavoro reale e le varie gerarchie. mi caro anton3 qui la maggior parte pensa ancora che fare notaio sia sinonimo di benessere e fatturati facili a 500k annui, quando la realta e ben diversa, Tutte le categorie stanno soffrendo, ma per tutte tranne notariato le prosepttive sono rosee. Non ammetterlo e una follia, anche per chi vive in isole felice del sud italia

Prova a contestare che togliendo una delle 3 opzione che ho citato prima il notariato sopravivrebbe? dai suu seriamente è destinato a finire e basta vedere altri paesi, se da noi esiste e solo per i notariato francese. ma ormai non dico che si faccia la fame e sia degradante, ma nel giro massimodi 10 anni non esistera piu il notariato protetto e abbastanza sicuro come finoal 2010.

 

 

Scusami ma non ti capisco, tu dici che tra 10 anni il notariato scomparirà e che gli avvocati stanno molto meglio dei notai, allora perché vuoi fare il notaio ? Sei un folle se già sai che, una volta vinto il concorso, ti resteranno solo 5 o 6 anni di professione.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
On 18/1/2017 at 11:31, 1obama dice:

gli avvocati sei sicuro che sono derelitti e vituperati?! Io ho miei dubbi, diciamo che ai livelli medi stano meglio dei notai di pari livello, in altre parole parlando economicamente: un notaio di medio livello ha un fatturato di 170/200 k un avvocato un buoon 30% in più,e la cassa notarile è molto piu cara.

 

Ma la prospettiva per gli avvocati non e quella di avere meno competenze o di vivere ogni istante con la paura che verra eliminato il numero chiuso o verra data la competenza ad altri professionisti.

 

Io credo che il notariato, anche per come e concepita europa e il sistema Italiano, è destinato irrevocabilmente a cambiare in peggio, scomparira rispetto a quello che è stato fino ad oggi, mi fa pena e tristezza per chi e diventato notaio 4/5 anni fa, la maggioranza sono dei ragazzi che non conosche un h di inglese hanno studiato solo per questo e si troveranno in un mercato del lavoro rispetto al quale non sanno come approcciarsi, mentre gli avvocati sono usi al lavoro.

 Come ho già scritto prima, non spariamo cifre a casaccio.

 

Vivo e lavoro a Milano; 200.000 euro di fatturato non li guadagna un avv di buon livello, ma un Partner di una delle primarie law firms.

 

Vi invito a NON considerare nella media dei redditi degli avv i fatturati annui dei vari Erede, Cappelli, Gianni, Arnaboldi .... ovvero degli avv d'affari più blasonati e prestigiosi, dato che tali fatturano falsano la media e inducono a osservazioni fuorvianti.

 

Ripeto: 200.000 annui (a spanne: 20.000 euro al mese) li guadagnano gli equity partners delle law firms più note e prestigiose.

 

La verità, come ha scritto FAS è altra: l'Italia è oggettivamente un Paese ormai decotto, il suggerimento è di mettersi in giuoco e andare altrove.

 

Ma sarebbe servita una laurea più internazione di quella che abbiamo conseguito e il discorso si farebbe troppo lungo: visione cruda, ma molto realistica.

Modificato da thomas

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
17 minuti fa, ferrari f430 dice:

...allora andiamo tutti negli usa a fare i cestisti della nba per 10-20 milioni di dollari all'anno.

 

Poca ironia.

Sarebbe stato sufficiente conseguire una laurea in Economia in Bocconi o alla Luiss e poi fare in master al King's College, alla London School of Economcs o a New York.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
28 minuti fa, Guest Uffa dice:

Ma che noia!!!!!!! 

Pensiamo invece alle cose serie, ossia inizio correzioni, ordine di correzione, paletti. 

L'unica cosa seria da fare è battersi per l'abolizione del limite delle tre consegne.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
3 ore fa, thomas dice:

 Come ho già scritto prima, non spariamo cifre a casaccio.

 

Vivo e lavoro a Milano; 200.000 euro di fatturato non li guadagna un avv di buon livello, ma un Partner di una delle primarie law firms.

 

Vi invito a NON considerare nella media dei redditi degli avv i fatturati annui dei vari Erede, Cappelli, Gianni, Arnaboldi .... ovvero degli avv d'affari più blasonati e prestigiosi, dato che tali fatturano falsano la media e inducono a osservazioni fuorvianti.

 

Ripeto: 200.000 annui (a spanne: 20.000 euro al mese) li guadagnano gli equity partners delle law firms più note e prestigiose.

 

La verità, come ha scritto FAS è altra: l'Italia è oggettivamente un Paese ormai decotto, il suggerimento è di mettersi in giuoco e andare altrove.

 

Ma sarebbe servita una laurea più internazione di quella che abbiamo conseguito e il discorso si farebbe troppo lungo: visione cruda, ma molto realistica.

vivo e lavoro milano come te,

 

ma fatturato è una cosa guadagno ben altra: quindi 20 k al mese di fatturato non equivalgono al guadagno.

 

Ripeto per esperienza un notaio medio di livello e un avv medio di livello hanno fatturato non simile avv sta sui 220/250 k mentre notaio 30% in meno, ma sto parlando di professionisti di 50 anni;

 

mentre per cio che ci riguarda i giovani notai, fanno pressoche la fame e la categoria nel giro di non piu di 15 anni scomparira per come e conosciuta e vista fino ad ora, non e pessimismo ma realismo, 

 

numeri all mano: legge che penalizza notaio vale nel migliore dei casi 50.000 voti

 

legge che penalizza avvocati o meglio che li avvantaggia vale almeno 2 milioni di voti

 

qualsiais politico incominciando dai m5s vuole la liberalizzazione

 

In piu si vedano pezzi pubblicati su espresso quotidianio etc etc (dai quali, ricordiamolo un magistarato puo avviare d uffico un procedimento)

Se andate da una persona e chiedte cosa e enfiiteusi o cosa e un pattomaricano , vi ride in faccia, migliore casi. Viviamo in un mondo fermo ad inizio '900. notarialmente parlando, quando c e google fb instagram alibaba, daii suuu svegliatevi

QUANTI articoli su concorso AVVOCATI?!

Infine numero avvocati in parlamento? Numero notai?

 

Ora se permettete torno a lavorare,

 

voi riflettetecon la realta e traete conseguenze

 

CHi non fa i conti con questa reaklta o e un pvero illuso o vive in altro mondo

 

 

 

 

infine

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

"Qualsiasi politico incominciando dai pentastellati vuole la liberalizzazione",   osservando i deputati in Commissione (anche i 5 stelle) non mi sono sembrati particolarmente propensi nell'attribuire altrui competenze agli avvocati (forse perché l'aveva proposto Renzi); in generale, come anche sottolineato dall'Autorità per la Concorrenza, si preferisce che vi sia concorrenza nell'ambito della stessa categoria, a parità di condizione e di servizi. Di certo, non vi è protezione politica, perché tutte le forze politiche sono piene di avvocati, mentre sono assenti i notai in Parlamento (per colpa "incosciente").

Comunque, vi è ormai in tutti, anche fra i politici,  il dubbio che ogni misura cd. di concorrenza o liberalizzazione si risolva in una fregatura per il cittadino e in una conseguente rafforzamento degli operatori economici più forti, tant'è che le stesse associazioni dei Consumatori si augurano che il disegno di legge non venga approvato.

Per quanto riguarda enfiteusi e patto marciano, nessun cliente riderà, perché nessun notaio gli prospetterà tali istituti, ma solo quelli che semplificano la vita a tutti, sia al cliente che al notaio professionalmente; piuttosto, quando capiteranno gli usi civici (se te ne accorgi....), livelli, prelazioni agrarie (istituti altrettanto arcaici), vi sarà poco da ridere, e non certo per colpa dei notai (su cui incombe invece il peso di risolvere questi problemi). Piuttosto è stato grazie anche ai notai  che il sistema dei registri pubblici è stato informatizzato (ved. fra l'altro, per ultimo, il sistema delle aste telematiche): almeno sotto questo aspetto stanno al passo coi tempi.

 

Per Guest Uffa: per parlare di cose serie, ci sono altre discussioni dedicate, qui si parla del futuro del notariato e dei nostri destini, che mi sembra altrettanto serio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest REALTA'

Su 240.000 avvocati, quelli che guadagnano un reddito paragonabile a quello di un notaio medio sono appena il 10%.

Le law firm sono delle mosche bianche.

l'80% degli studi legali è unipersonale senza specializzazione.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Se gli avvocati fossero 80.000/100.000 non vi sarebbero tante differenze con i notai; anzi.

L'avvocatura si è rovinata (sotto l'aspetto del reddito "pro capite") quando non ha scelto di prevedere non dico un numero chiuso, ma almeno controllato. 

Dato che ci si confronta spesso con la Francia, guardiamo lì  quanti cassazionisti  sono iscritti al relativo albo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest preoccupato

Se sospendessero il funzionamento delle facoltà di giurisprudenza per almeno un decennio, forse  si ritornerebbe a parametri europei, per qunato concerne il numero di avvocati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest aaa

La futura generazione di giuristi, sarebbe ben lieta e fortunata di avere in futuro la concorrenza più che dimezzata, altro che costretta a sopportare un ingiusto limite e penalizzazione.

A 18 anni essere escluso a causa di uno sbarramento alla facoltà di giursprudenza, può essere la tua fortuna, perchè potresti, se sei intelligente, intraprendere un percorso universitario migliore con maggiori possibilità di sbocchi occupazionali, anche all'estero e diventare ingegnere, economista, chimico, etc.

Non negare a nessuno la laurea in giurisprudenza e poi scoprire che hai buttato i migliori anni della tua vita per un titolo di studio che vale meno di un diploma tecnico-professionale, è in sostanza creare una massa di falliti, istruiti pur sempre falliti, che sanno cos'è la Costituzione e il divieto del patto leonino, ma non sanno dove guadagnarsi il pane se viene meno il mantenimento dei genitori.

Se i politici  avessero almeno un pizzico di cuore, dovrebbero includere nelle tasse universitarie una polizza assicurativa che ti ti garantisca un minimo vitale per almeno altri 5 anni dopo la laurea in legge, al fine di fartene prendere un'altra che non sia inutile come la prima per trovare lavoro.

Nei film americani non fanno vedere come funzionano le università americane, le quali sono molto selettive e soprattutto di secondo grado, cioè prima devi avere una qualsiasi laurea, dalla filosofia a matematica, ingeneria o medicina, per poi iscriverti al corso triennale in diritto.

  • Like 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×