Vai al contenuto
Achille

1^ prova 23/11 concorso 2016

Rate this topic

Recommended Posts

Ciao, i versamenti (in conto capitale, a fondo perduto, in conto futuro aumento capitale) sono spontanei ed eseguiti al di fuori di una delibera

Le riserve da utile si formano o con una delibera (riserve facoltative) o per statuto (statutarie) o per legge (riserve legali).

Tecnicamente, come puoi immaginare, i versamenti si distinguono dagli utili e questi non sono tecnicamente un "versamento"

Gli accantanamenti  degli utili - mediante disposizione di statuto - non sono tecnicamente "versamenti", perché non si tratta appunto di effettive dazioni di denaro fatte dai soci, ma somme formatesi nell'attivo a loro neanche distribuite e direttamente destinate al patrimonio sociale;  una delibera con normali maggioranze ne può disporre (rispettando la destinazione), mentre la società non può disporre dei versamenti dei soci fatti in conto futuro aumento capitale (mentre può disporre liberamente delle riserve formate con versamenti a fondo perduto o in conto capitale, che non hanno una specifica destinazione, che sono ormai acquisiti definitivamente della società, senza condizioni o termini).

L'accantonamento di utili riguarda obbligatoriamente tutti i soci, mentre i versamenti possono essere fatti solo da alcuni di loro e senza nemmeno rispettare la proporzionalità della partecipazione (che nell'accantonamento di utili è in re ipsa).

Tieni presente che la mia è anche un'interpretazione della traccia, perché penso proprio come detto all'inizio,che  la stessa sembri proprio suggerire la soluzione utilizzando il termine imputare a capitale, tipico dell'aumento gratuito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
34 minuti fa, muenchen dice:

 

Altrimenti, che senso aveva specificare la destinazione? Un accantonamento di utili e stop e' sempre liberamente disponibile da parte della società.

Le riserve statutarie possono avere una particolare destinazione (come non averla): uno statuto può prevede esplicitamente una destinazione particolare della riserva, così da far nascere un diritto individuale del singolo azionista a che la destinazione sia rispettata (ad esempio, una riserva da impiegare per distribuire ai soci di risparmio una percentuale di utili superiore a quella ottenuta nel corso dell’esercizio sociale). 

Nel caso specifico, si ha lo scopo specifico di poter destinare la riserva ad aumento del capitale; essendo gli utili accantonati proporzionalmente, le partecipazioni dei soci ne beneficeranno proporzionalmente con l'aumento gratuito.

Si vocifera di intenzioni della commissione: non so che dire, sempre che sia fondata (ma dubito). Le riserve formate con i versamenti sono appunto  formate con i versamenti dei soci, non con gli utili che i soci non versano perché nemmeno prendono (altrimenti si dovrebbe supporre che i soci prima li ricevano e poi decidano di ri-versarli alla società)

L'accantonamento di utile è sempre disponibile, ma si forma come riserva facoltativa,  non come statutaria

Modificato da anton3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest stanno bocciando

per l'aumento oneroso stanno bocciando

per la mancanza della perizia di stima (compensazione) bocciano o meno a seconda di come si é motivato

ve lo dice uno che ha conoscenze mirate (pur non avendo partecipato a questo concorso)

Quindi ... Non illudetevi troppo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest Dubbiosa
7 ore fa, Guest stanno bocciando dice:

per l'aumento oneroso stanno bocciando

per la mancanza della perizia di stima (compensazione) bocciano o meno a seconda di come si é motivato

ve lo dice uno che ha conoscenze mirate (pur non avendo partecipato a questo concorso)

Quindi ... Non illudetevi troppo

Volevano l'aumento misto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest rispondi

Cosa intendi per aumento oneroso stanno bocciando?

Vuoi dire che bocciano perché hai utilizzato la riserva per l'aumento oneroso oppure che bocciano perché l'hai utilizzata per l'aumento gratuito? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest ......

Antonio tu sei uno di quelli che se scrivono una cosa io ci credo, quindi fin quando non scrivi tu o pinturicchio... stiamo tranquilli dai! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

mi sta venendo un'ansia assurda. Io spero che facciano passare entrambe le soluzioni, soprattutto se commerciale è corretto per ultimo.

Io all'inizio avevo optato per un aumento oneroso, poi mi sono confrontato e praticamente 10 persone attorno a me facevano l'aumento misto, prendendomi per pazzo. Insomma alla fine ho seguito quel maledetto consiglio di seguire l'aula e ho fatto l'aumento misto... 

sapere i paletti aiuterebbe ma spararli a caso o quasi non è utile, in molti concorsi si è visto che passa più di una soluzione, quindi auguriamoci il meglio per tutti e studiamo comunque per il prossimo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest oneroso

Purtroppo è corretto per primo.

Io avevo optato per l'aumento gratuito, poi confrontandomi con altri ho fatto l'aumento oneroso perché facevano quasi tutti l'aumento oneroso, tra cui anche persone fidate e molto preparate.

Il problema è che io penso che tutti sanno che una riserva da utili è da utilizzarsi per l'aumento gratuito. Tuttavia questa è una riserva statutaria con una specifica destinazione. Il punto cruciale secondo me è: I soci hanno gli utili dopo che la delibera dell'assemblea decide di attribuirli a loro, questo è chiaro. Gli utili all'interno di una riserva statutaria vengono messi dopo la delibera dell'assemblea che li destina. La domanda quindi è se sia possibile che la delibera dell'assemblea quando accantona gli utili a riserva dica qualcosa di simile:  " Si delibera di destinare gli utili ai soci, riconoscendoli come loro, destinandoli però a riserva statutaria, in loro favore, in conto futuro aumento di capitale in forza dell'articolo.... dello statuto", secondo me è ammissibile, nessun principio lo vieta. Per quel che concerne la clausola statutaria è da chiedersi se sia ammissibile, beh se la maggioranza può introdurre clausole che trattengono gli utili in favore della società non riesco a capire perché non possa creare una riserva a favore dei soci. A ciò si potrebbe rispondere che i soci si vedono riconoscere gli utili che poi non possono mettere in portafoglio, vero, però atto costitutivo e statuto sono un contratto, pertanto è nella clausola dello statuto che si rinviene il consenso, sul presupposto che la clausola sia stata prevista in sede di costituzione della società o introdotta all'unanimità. Si può disporre di un diritto futuro? si. Il versamento in conto futuro aumento capitale è una riserva di capitale ed è iscritta a bilancio non come riserva statutaria, vero, ed è appunto di capitali e non di utili, verissimo. Tuttavia, secondo me, si voleva chiedere se gli utili possono essere utilizzati per l'aumento oneroso, per quanto detto per me si, e la riserva è creata dallo statuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
4 minuti fa, Guest oneroso dice:

Purtroppo è corretto per primo.

Io avevo optato per l'aumento gratuito, poi confrontandomi con altri ho fatto l'aumento oneroso perché facevano quasi tutti l'aumento oneroso, tra cui anche persone fidate e molto preparate.

Il problema è che io penso che tutti sanno che una riserva da utili è da utilizzarsi per l'aumento gratuito. Tuttavia questa è una riserva statutaria con una specifica destinazione. Il punto cruciale secondo me è: I soci hanno gli utili dopo che la delibera dell'assemblea decide di attribuirli a loro, questo è chiaro. Gli utili all'interno di una riserva statutaria vengono messi dopo la delibera dell'assemblea che li destina. La domanda quindi è se sia possibile che la delibera dell'assemblea quando accantona gli utili a riserva dica qualcosa di simile:  " Si delibera di destinare gli utili ai soci, riconoscendoli come loro, destinandoli però a riserva statutaria, in loro favore, in conto futuro aumento di capitale in forza dell'articolo.... dello statuto", secondo me è ammissibile, nessun principio lo vieta. Per quel che concerne la clausola statutaria è da chiedersi se sia ammissibile, beh se la maggioranza può introdurre clausole che trattengono gli utili in favore della società non riesco a capire perché non possa creare una riserva a favore dei soci. A ciò si potrebbe rispondere che i soci si vedono riconoscere gli utili che poi non possono mettere in portafoglio, vero, però atto costitutivo e statuto sono un contratto, pertanto è nella clausola dello statuto che si rinviene il consenso, sul presupposto che la clausola sia stata prevista in sede di costituzione della società o introdotta all'unanimità. Si può disporre di un diritto futuro? si. Il versamento in conto futuro aumento capitale è una riserva di capitale ed è iscritta a bilancio non come riserva statutaria, vero, ed è appunto di capitali e non di utili, verissimo. Tuttavia, secondo me, si voleva chiedere se gli utili possono essere utilizzati per l'aumento oneroso, per quanto detto per me si, e la riserva è creata dallo statuto.

Ti correggo...

Societario è corretto per secondo...

L'aula ha fatto in grandissima maggioranza l'aumento gratuito.

La clausola statutaria interpretata come origine di una riserva targata è palesemente nulla.

Ah...chiaramente hai fatto l'oneroso e ora ti stai parando alla grande sotto il guest...

Modificato da Fulgor

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest oneroso

"La clausola statutaria interpretata come origine di una riserva targata è palesemente nulla."

In verità lo statuto può attribuire una specifica destinazione alla riserva statutaria, basta fare una lettura in un qualsiasi manuale dedicato ai bilanci. Se per te è nullità.... Nessuno si sta parando......, si discute solo a livello giuridico. 

Grazie dell'informazione, ero rimasto a commerciale come n. 1.  

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest Commerciale

cosa volevano? Solo il gratuito? 

La traccia parla di scindibile, opzione ... e non volevano l'oneroso??? Ma di cosa stiamo parlando!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest X me

La traccia ti spingeva a fare un unico aumento oneroso e non prima il gratuito e poi l'oneroso. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano i notai....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Il primo aumento (100 mila)  era gratuito - mediante imputazione a capitale della predetta riserva (2442); - , gli altri onerosi (300 mila): il secondo mediante conferimento in natura (2440), l'ultimo mediante offerta in opzione ai soci 2441). 

Ripeto la mia impressione: la traccia sembra piuttosto chiara nel suggerire la soluzione, usando i termini delle relative norme

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
2 ore fa, Guest oneroso dice:

"La clausola statutaria interpretata come origine di una riserva targata è palesemente nulla."

In verità lo statuto può attribuire una specifica destinazione alla riserva statutaria, basta fare una lettura in un qualsiasi manuale dedicato ai bilanci. Se per te è nullità.... Nessuno si sta parando......, si discute solo a livello giuridico. 

Grazie dell'informazione, ero rimasto a commerciale come n. 1.  

 

Lo statuto può attribuire una specifica destinazione e può anche prevedere che una quota di utili non sia passata a dividendo ma non può mai prevedere che gli utili non distribuiti sotto forma di dividendo siano attribuiti ai soci quali riserve utilizzabili per l'aumento oneroso.

Se i danari non vengono resi sotto forma di dividendi appartengono alla società, punto e basta, il resto sono fantasie e bubbole di chi non ha capito cosa è il principio di tipicità delle società di capitali...

La destinazione è concetto ben diverso dalla titolarità delle riserve, una clausola come quella propinata è un nonsenso giuridico, concordo peraltro che l'imputazione a capitale (tramite delibera) è possibile solo con riguardo a un aumento gratuito.

Modificato da Fulgor

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest oneroso

Ma infatti se rileggi quanto ho scritto, c'è una delibera di mezzo, è la delibera che attribuisce la titolarità dei danari ai soci, ti ricopio il punto: "Si delibera di destinare gli utili ai soci, riconoscendoli come loro, destinandoli però a riserva statutaria, in loro favore, in conto futuro aumento di capitale in forza dell'articolo.... dello statuto". Con la clausola statutaria crei la riserva, non la titolarità della somma. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×