Achille

1^ prova 23/11 concorso 2016

Rate this topic

374 risposte in questa discussione

Non mi sembra che la traccia dica che la riserva futuro aumento (che, peraltro, si precisa essersi formata progressivamente, con la destinazione del 10% degli utili, bilancio dopo bilancio, al contrario dell'acquisto delle azioni proprie, almeno fino a prova contraria) sia stata 1) utilizzata e 2) destinata ex Milano 151 per l'acquisto delle azioni proprie. In sostanza: perché inventarci cose che non ci vengono dette (o per dirla con alcune Scuole, perchè non ragionare terra-terra)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
1 minuto fa, Guest Riserva statutaria??? dice:

Non mi sembra che la traccia dica che la riserva futuro aumento (che, peraltro, si precisa essersi formata progressivamente, con la destinazione del 10% degli utili, bilancio dopo bilancio, al contrario dell'acquisto delle azioni proprie, almeno fino a prova contraria) sia stata 1) utilizzata e 2) destinata ex Milano 151 per l'acquisto delle azioni proprie. In sostanza: perché inventarci cose che non ci vengono dette (o per dirla con alcune Scuole, perchè non ragionare terra-terra)?

Concordo con te.

Unico interrogativo serio, a mio avviso, è riguardo la necessità, non opportunità, di una situazione patrimoniale ad hoc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

specifico ancora

la riserva statutaria cui mi riferivo è questa qua:

"Lo statuto prevede che, in aggiunta alla riserva legale, l’assemblea déstini ogni anno un ulteriore 10% di utile netto di bilancio a un’apposita riserva — attualmente ammontante a euro 100.000,00 — in conto futuro aumento di capitale."

il mio punto, però, è un altro: se si è messa la situazione patrimoniale (cosa che ci sta tutta!), questa copre (direi sicuramente) un periodo di tempo tutto sull'anno 2016, il che implica l'applicazione del nuovo regime (anche contabile) sulle azioni proprie e, quindi, della 145 di milano. a questo punto, volatili per diabetici sulla riserva statutaria di cui sopra

e cmq sempre secondo me :)

è piaciuto a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

ok, però non capisco cosa cambi ai nostri fini il fatto di applicare (o meno) il nuovo regime contabile: abbiamo detto che nel silenzio della traccia la riserva fut.aumento NON è stata utilizzata per acquistare le az. proprie, quindi applicando un regime o l'altro la suddetta riserva dovrebbe essere comunque utilizzabile nel caso in esame. Secondo me, ovviamente! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Perché ritenete essenziale la situazione patrimoniale? Non parlo di opportunità ma di necessità. La natura non finanziaria del credito non vi fa riflettere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Io ho ragionato così:

1) in tutte le operazioni sul capitale, e non solo nei casi previsti dal Codice civile, la giurisprudenza richiede un bilancio aggiornato (o relazione patrimoniale aggiornata);

2) nel caso in esame abbiamo un bilancio che di per sè rientrerebbe nei termini previsti ai sensi di legge;

3) al momento dell'assemblea possiamo quindi definire detto bilancio "aggiornato" e utilizzarlo per l'aumento in esame? No, in quanto si sono verificati fatti di rilievo successivamente alla sua approvazione. In particolare, è stato acquistato dalla società un bene immobile e, conseguentemente, uno dei soci vanta un credito di importo corrispondente, non presente nel bilancio stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
4 minuti fa, Guest Riserva statutaria dice:

Io ho ragionato così:

1) in tutte le operazioni sul capitale, e non solo nei casi previsti dal Codice civile, la giurisprudenza richiede un bilancio aggiornato (o relazione patrimoniale aggiornata);

2) nel caso in esame abbiamo un bilancio che di per sè rientrerebbe nei termini previsti ai sensi di legge;

3) al momento dell'assemblea possiamo quindi definire detto bilancio "aggiornato" e utilizzarlo per l'aumento in esame? No, in quanto si sono verificati fatti di rilievo successivamente alla sua approvazione. In particolare, è stato acquistato dalla società un bene immobile e, conseguentemente, uno dei soci vanta un credito di importo corrispondente, non presente nel bilancio stesso.

Sono d'accordo sull'opportunità ma non è necessario che il debito sia in bilancio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Senza polemica....Per me la riserva statutaria poteva utilizzarsi anche per aumento oneroso. Vero che c'è scritto che questa viene dagli utili, vero che gli utili sono da utilizzarsi per aumenti gratuiti perché i soci non "posseggono" gli utili fino a che non c'è una delibera in tal senso. Tuttavia si può pensare che la "riserva statutaria" sia stata creata dalla seguente clausola: "  I soci all'unanimità dispongono che il 10% degli utili di loro spettanza ogni anno sia destinato ad apposita riserva statutaria denominata "in conto futuro aumento capitale", riserva in favore dei soci, per l'aumento oneroso di capitale che dovrà avvenire in data x.. Al fine di poter depositare tali utili su detta riserva è necessario che l'assemblea approvi il bilancio e ne destini il 10%."  

è piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Pintu sono d'accordo con te sulla allegazione della situazione patrimoniale. Potresti spiegarmi invece perché hai allegato anche il bilancio al verbale (posto che secondo me non è sbagliato)? Non dovrebbe già essere: 1) agli atti sociali; 2) depositato al registro delle imprese (con il verbale dell'assemblea che ha approvato il bilancio alcuni mesi fa? Inoltre... quando al termine di ogni esercizio sociale l'assemblea approva il "nuovo" bilancio, non mi sembra che nella prassi si alleghi sia il vecchio che il nuovo bilancio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

La situazione patrimoniale, in considerazione della perizia e della natura del credito, non era affatto necessaria. Dopodiché, possiamo discutere sull'opportunità ma non sulla necessità. Tra l'altro, presupporre una situazione è contro la traccia ove non sia necessaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Io ho aumentato gratuitamente con la riserva legale (triveneto), motivando nel senso che, se non presupponevo l'esistenza di altre riserve, la riserva negativa azioni proprie mi "annullava" la statutaria.

spero possa passare come soluzione...

è piaciuto a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
4 minuti fa, Guest Riserva legale dice:

Io ho aumentato gratuitamente con la riserva legale (triveneto), motivando nel senso che, se non presupponevo l'esistenza di altre riserve, la riserva negativa azioni proprie mi "annullava" la statutaria.

spero possa passare come soluzione...

È una soluzione molto intelligente ma non so fino a che punto coerente con la traccia. Personalmente, la farei passare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

e alla fine ho usato pure io la legale, dicendo che la nuova situazione patrimoniale mi faceva passare al nuovo regime contabile più mi145.

inoltre, con un po' di saponata, ho notato che la traccia diceva di usare la "predetta riserva", espressione ambigua che poteva significare sia la statutaria sia la legale.

so che siamo stati pochi a farlo, ma tra motivazione e parte teorica ci avrò speso qualche quattro pagine su sta menata.

magari premiano l'impegno! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
7 ore fa, Guest secondo me dice:

e alla fine ho usato pure io la legale, dicendo che la nuova situazione patrimoniale mi faceva passare al nuovo regime contabile più mi145.

inoltre, con un po' di saponata, ho notato che la traccia diceva di usare la "predetta riserva", espressione ambigua che poteva significare sia la statutaria sia la legale.

so che siamo stati pochi a farlo, ma tra motivazione e parte teorica ci avrò speso qualche quattro pagine su sta menata.

magari premiano l'impegno! :D

Stesso ragionamento... "Predetta riserva" quando sopra mi parla di due riserve in realtà.

Speriamo in bene 👍 In bocca al lupo! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

X me la riserva era da usarsi x aumento oneroso, certo dopo congrua motivazione e spiegazione del perché... Del resto si chiedeva un aumento scindibile, il resto era fattibile con limitazione dell'opzione. 

è piaciuto a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
18 ore fa, mattia.chiara dice:

Mi permetto di osservare che non si tratta dello stesso esempio. La massima 125 fa riferimento alla vendita con prezzo dilazionato mentre la traccia riguardava una vendita il cui prezzo era esigibile.

Ulteriormente, la traccia chiedeva di presupporre i documenti necessari e, anche la massima 125, fa apparire la perizia opportuna ma non necessaria. In tal senso anche un cnn.

vero é che non era un conferimento "per compensazione"  volontaria ma un caso di compensazione legale (Triveneto HG38).  La perizia peró, pur non necessaria era a mio avviso OPPORTUNA, perché utile a dimostrare ai soci che l'operazione non fosse lesiva dell'integrità del capitale sociale, evitando eventuali contenziosi.(credo che qualsiasi notaio la pretenderebbe in studio. A concorso é diverso. Basta aver motivato). L'oggetto della perizia è l'immobile venduto e non il credito da prezzo. Un caso simile è quello degli acquisti pericolosi, essendoci il rischio per la società di formare un capitale sociale non effettivo

è piaciuto a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

In definitiva, secondo voi era preferibile far approvare una situazione patrimoniale aggiornata o no? L'aula cosa ha fatto secondo voi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Concordo! In caso di compensazione di natura non finanziaria non è necessaria la perizia, ma opportuna...tuttavia si ritiene di dover essere prudenti. L'allegazione della perizia per stare tranquilli, motivando bene, poteva andare secondo me (Mi 125). Per la situazione patrimoniale, anche se molti non sono d'accordo, non l'avrei fatta approvare basandomi sul bilancio...avrei fatto dare atto all'amministratore che non ci sono perdite rilev. e che è presente un debito esigibile di 40.000 verso secondo. Che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
1 ora fa, Lulatuli6 dice:

Pasquale ragione. Hai cambiato orientamento prima parlavi di perizia credito ora immobile. Hai approfondito la cosa.

veramente io parlavo della massima 125 di Milano che forse interpreti in modo diverso dal mio. Io la interpreto nel senso sopra riportato. Non ho mai detto che oggetto della perizia fosse il credito.....

Modificato da Pasquale Ragone
è piaciuto a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
11 ore fa, Pasquale Ragone dice:

vero é che non era un conferimento "per compensazione"  volontaria ma un caso di compensazione legale (Triveneto HG38).  La perizia peró, pur non necessaria era a mio avviso OPPORTUNA, perché utile a dimostrare ai soci che l'operazione non fosse lesiva dell'integrità del capitale sociale, evitando eventuali contenziosi.(credo che qualsiasi notaio la pretenderebbe in studio. A concorso é diverso. Basta aver motivato). L'oggetto della perizia è l'immobile venduto e non il credito da prezzo. Un caso simile è quello degli acquisti pericolosi, essendoci il rischio per la società di formare un capitale sociale non effettivo

Sull'opportunità sono d'accordo ma quello che mi sono permesso di puntualizzare è che la massima 125 di milano non  si riferisce alla compensazione legale.

Personalmente non l'ho presupposta motivando che non si trattava di un documento necessario ma tanto, si sa, fanno quello che vogliono :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Sul prontuario delle massime notarili di Acerbi. Si interpreta la massima nel senso di periziare il credito. Nei casi di credito non derivante da finanziamento. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
1 minuto fa, Lulatuli6 dice:

Sul prontuario delle massime notarili di Acerbi. Si interpreta la massima nel senso di periziare il credito. Nei casi di credito non derivante da finanziamento. 

È l'interpretazione di una nota scuola ove si sosteneva con sicurezza che periziare l'immobile fosse errato perché non trattavasi di acquisto pericoloso. A pensarci, tra l'altro, non può essere l'immobile oggetto di perizia perché non è oggetto di conferimento. Non so come si possa sostenere il contrario a meno di non voler confondere il significato dell'operazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora