Vai al contenuto
LondonJ

Aiga, i precari degli studi legali: 10 ore lavoro senza contratto

Rate this topic

Recommended Posts

Pasqualino e Pandemonio, prima di tutto vi ringrazio per le risposte esaurienti.

Quello che mi chiedevo però è: posto che ti iscrivi all'albo, paghi tutte le gabelle e con quello che ti dà lo studio notarile riesci anche a camparci... (quantomeno male), ma come si fa a rispettare i requisito dei 5 affari? Praticamente devi farti amico qualche avvocato che inserisce il tuo nome nelle sue cause o sbaglio?

Pippogol, allo studio rilasci 12 fatture mensili, giusto?

Su ognuna delle fatture scriverai "collaborazione professionale pratica Tizio e Caio" e così avrai ben 12 affari l'anno...

Una volta che paghi la cassa, son tutti contenti!

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Pippogol, allo studio rilasci 12 fatture mensili, giusto?

Su ognuna delle fatture scriverai "collaborazione professionale pratica Tizio e Caio" e così avrai ben 12 affari l'anno...

Una volta che paghi la cassa, son tutti contenti!

se il fine è quello di ridurre gli albi

non basterà il pagamento dela cassa .......

(che da solo non ti rende coerente ai fini tributari).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Per me non baderanno a questo. Almeno per ora.

Certo che se le 12 parcelle sono emesse tutte ad un unico studio notarile prima o poi qualche ordine potrebbe avere da ridire.

Di sicuro a nessuno piacerebbe trovarsi nei guai con il proprio ordine professionale. Lo sanno benissimo che chi emette parcelle così fa tutto fuorché l'avvocato ma svolge attività di impiegato in uno studio notarile con partita iva anziché con contratto da lavoratore dipendente.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Per me non baderanno a questo. Almeno per ora.

Certo che se le 12 parcelle sono emesse tutte ad un unico studio notarile prima o poi qualche ordine potrebbe avere da ridire.

Di sicuro a nessuno piacerebbe trovarsi nei guai con il proprio ordine professionale. Lo sanno benissimo che chi emette parcelle così fa tutto fuorché l'avvocato ma svolge attività di impiegato in uno studio notarile con partita iva anziché con contratto da lavoratore dipendente.

di fatto,

stai dicendo che ci sono chiare ed evidenti elusioni fiscali, tributarie e

deontologiche

posto che è sei un avvocato o sei un impiegato ........

quindi, viene confermata l'esigenza di ripulire gli albi ......

con qualsiasi mezzo.

Modificato da Acheogreco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

di fatto,

stai dicendo che ci sono chiare ed evidenti elusioni fiscali, tributarie e

deontologiche

posto che è sei un avvocato o sei un impiegato ........

quindi, viene confermata l'esigenza di ripulire gli albi ......

con qualsiasi mezzo.

Il segreto di pulcinella!

La verità è che nella realtà il dottore dello studio notarile svolge attività professionale qualificata, pertanto, potrebbe essere vista come una corresponsione della sua attività professionale continuativa la quale determina l'emissione di ben 12 parcelle identiche all'anno.

Dipende dai punti di vista e sopratutto giuridici perché se così non fosse il problema non sarebbe solo deontologico per l'avvocato/impiegato nello studio notarile, ma sarebbe rilevante anche per lo studio notarile, il quale dovrebbe corrispondere la differenza (comprese ferie e permessi) all'avvocato lavoratore nonché versare i contributi previdenziali all'Inps, ma nella realtà tutti sanno e nessuno per il momento se ne cura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Il segreto di pulcinella!

La verità è che nella realtà il dottore dello studio notarile svolge attività professionale qualificata, pertanto, potrebbe essere vista come una corresponsione della sua attività professionale continuativa la quale determina l'emissione di ben 12 parcelle identiche all'anno.

Dipende dai punti di vista e sopratutto giuridici perché se così non fosse il problema non sarebbe solo deontologico per l'avvocato/impiegato nello studio notarile, ma sarebbe rilevante anche per lo studio notarile, il quale dovrebbe corrispondere la differenza (comprese ferie e permessi) all'avvocato lavoratore nonché versare i contributi previdenziali all'Inps, ma nella realtà tutti sanno e nessuno per il momento se ne cura.

vero,

deontologicamente scorretto e concorrenza sleale

ma, tutti sanno che tutti i notai, sono perfetti, buoni e dei santi,

chi dice il contrario,

è un segato (cit.)

è un tenerone (cit.)

ed è destinato a prendere tanti schiaffi come le cozze (cit.)

:cry:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Il segreto di pulcinella!

La verità è che nella realtà il dottore dello studio notarile svolge attività professionale qualificata, pertanto, potrebbe essere vista come una corresponsione della sua attività professionale continuativa la quale determina l'emissione di ben 12 parcelle identiche all'anno.

Dipende dai punti di vista e sopratutto giuridici perché se così non fosse il problema non sarebbe solo deontologico per l'avvocato/impiegato nello studio notarile, ma sarebbe rilevante anche per lo studio notarile, il quale dovrebbe corrispondere la differenza (comprese ferie e permessi) all'avvocato lavoratore nonché versare i contributi previdenziali all'Inps, ma nella realtà tutti sanno e nessuno per il momento se ne cura.

scatta automaticamente la presunzione di subordinazione se il contratto a partita IVA prevede almeno due delle seguenti caratteristiche (d.lgs 276/03):

  • collaborazione con il medesimo committente di durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi;
  • il corrispettivo, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d’imputazione di interessi, costituisce almeno l’80% del totale annuo percepito dal collaboratore nell’arco di due anni solari consecutivi;
  • postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente

è possibile un rapporto a partita con professionisti iscritti all’Albo, titolari di reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile previdenziale

Modificato da pasqualino82

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

scatta automaticamente la presunzione di subordinazione se il contratto a partita IVA prevede almeno due delle seguenti caratteristiche (d.lgs 276/03):

  • collaborazione con il medesimo committente di durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi;
  • il corrispettivo, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d’imputazione di interessi, costituisce almeno l’80% del totale annuo percepito dal collaboratore nell’arco di due anni solari consecutivi;
  • postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente

è possibile un rapporto a partita con professionisti iscritti all’Albo, titolari di reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile previdenziale

Vero anche questo Pasqualino ma chi fa causa al proprio datore di lavoro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

però se c'è un controllo dell'ispettorato sono cazzi

... e se ci fosse anche la vigilanza dei consigli dell'ordine sarebbe meglio,

ma sembra che siano buoni solo a distribuire felpette!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

però se c'è un controllo dell'ispettorato sono cazzi

Non credo ci sia più convenienza per molti a stare zitti. Tanti collaboratori, dopo dieci/vent'anni di collaborazione sono rimasti a casa e o non trovano lavoro o lo trovano a somme "anomale" e in condizione di precarietà assoluta (studi notarili e legali). E la gente sta iniziando a denunciare. Cittadini compresi per violazioni deontologiche di ogni genere. Quando non c'e' più convenienza a stare zitti, la gente denuncia. Ed è giusto che sia così. La crisi attuale, per molti aspetti, ha risvolti positivi. Forse gli italiani smetteranno di confondere la furbizia per intelligenza E auguriamoci che anche GdF e Agenzia Entrate facciano gli opportuni controlli. Chi non osserva le regole, è giusto che paghi.

Non credo ci sia più convenienza per molti a stare zitti. Tanti collaboratori, dopo dieci/vent'anni di collaborazione sono rimasti a casa e o non trovano lavoro o lo trovano a somme "anomale" e in condizione di precarietà assoluta (studi notarili e legali). E la gente sta iniziando a denunciare. Cittadini compresi. Quando non c'e' più convenienza a stare zitti, la gente denuncia. Quando non si ha più nulla da perdere...

Modificato da vespasiano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

però se c'è un controllo dell'ispettorato sono cazzi

Dell'ispettorato?

Non so da te, ma dalle mie parti hanno altro da fare e comunque la questione non è così pacifica come sembra.

Anche questa questione rimarrà così com'è da anni e anni.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...