Vai al contenuto
CarloVisconti

Legato di genere - 653 e 654

Rate this topic

Recommended Posts

Siamo al LEGATO DI GENERE 653 e 654

La traccia dice:

il testatore vuole lasciare

- a Tizio la somma di euro 200.000

- a Caio la sommetta da poco ricevuta di euro 26.000

La soluzione proposta (e che non ho ben capito) è la seguente:

-Lego, ai sensi dell'art. 653 c.c., (a carico dell'eredità e) a favore di Tizio la somma di euro 200.000 (duecentomila).

-Lego, ai sensi dell'art. 654 c.c., (a carico dell'eredità e) a favore di Caio ... () la somma di euro 26.000 (ventiseimila).

La domanda che vi faccio è: perché per uno il 653 e per un altro il 654?

non andava bene per entrambi il 653?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

perché il primo, art 653, è valido anche se non c'è la cosa nel suo patrimonio, per cui gli eredi devono recuperarla;

il secondo, art 654, è valido SOLO se la cosa anche se generica, si trova nel patrimonio..

cmq se ti danno due clausole, di solito sono situazioni diverse, mai lo stesso tipo di legato..

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Il primo è il classico legato di somma di denaro, quindi, va bene ai sensi del 653 come legato di cosa genericamente determinata. Mentre, nel secondo caso, a mio avvio, è legato di cosa particolare (la sommetta da poco ricevuta e proprio quella) magari recata da un titolo di credito e, quindi, rientra nel 654. Essendo diverso il tenore letterale delle due richieste pare abbastanza evidente che trattasi di due legati qualificabili diversamente.

Modificato da morebru
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

per quanto sia la specifica somma ricevuta, il denaro è cosa generica, non può, a parer mio, diventare particolare.. come entra nel suo patrimonio, il denaro si confonde con le somme di cui, eventualmente, già dispone...

secondo me vuol dire solo che i 26mila li deve recuperare dal patrimonio del testarore e quindi il legato è valido se ci sono tali somme, i 200mila sono un legato valido anche se il patrimonio non li contiene in tutto il loro ammontare o anche solo in parte...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Sono daccordo ma secondo me leggendo la traccia senza sapere la soluzione non emerge alcuna differnza tra le due richieste. A mio avviso sono due legati di somma . Sulla base della traccia come si fa a ricondurli uno al 653 e l'altro al 654? Per questo dico, che forse, il riferimento alla somma ricevuta potrebbe assurgere ciò a cosa particolare ex 654 ma naturalmente è vero ciò che dici sul denaro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

grazie elenuccia e morebru:

alla luce delle vostre considerazioni quindi davanti ad una traccia del genere farei

- i 200.000: 653 perché da prendersi anche FUORI dal patrimonio

- i 26.000: 654 perché si dice che li ha ricevuti, quindi sono DENTRO al patrimonio

un po' banalizzata e con terminologia inadeguata, ma fila?

Modificato da CarloVisconti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

La traccia credo derivi da questo studio che potete trovare sul sito del CNN.

Il problema l'hanno infilato anche al concorso di novembre e in genere, limitatamente ai soldi e titoli depositati presso istituti di credito, disposizioni del genere nella pratica si trovano in numerosi testamenti olografi.

http://www.notariato.it/it/primo-piano/studi-materiali/divisioni-successioni.html

20/12/2012 -

Studio n. 309-2012/C - Legato avente ad oggetto un “rapporto bancario” e conseguenze della mancanza dei beni che ne formano oggetto

- di Marco Bellinvia

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

grazie elenuccia e morebru:

alla luce delle vostre considerazioni quindi davanti ad una traccia del genere farei

- i 200.000: 653 perché da prendersi anche FUORI dal patrimonio

- i 26.000: 654 perché si dice che li ha ricevuti, quindi sono DENTRO al patrimonio

un po' banalizzata e con terminologia inadeguata, ma fila?

Tendenzialmente si...

Quando c'è il legato di una somma di denaro (o di altro bene generico) ti dovresti chiedere se il testatore voglia che l'attribuzione:

---parta sempre e comunque, a prescindere dall'esistenza del medesimo nel suo patrimonio (653 c.c.);

---parta solo se e nella misura in cui, all'apertura della successione, ce ne sia nel proprio patrimonio (654 c.c.);

---parta solo se e nella misura in cui, all'apertura della successione, ce ne sia in un luogo determinato (655 c.c.).

Se, invece, il testatore non vuole legare una somma di denaro (o non può...) allora ripiega sul legato di credito (658 c.c.)

ciao

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Concordo. Dipende sempre da come si atteggia la volontà del testatore. Nel primo caso il legato parte perchè questa è la volontà del medesimo, nel secondo la somma e il legato nella sua validitá ed efficacia e agganciato ad un rapporto diverso (deposito, conto corrente che sia), dal che ne deriva l'applicabilità del 654. In questo senso sembra spingere la traccia nel riferimento ai 26000 ricevuti e, aggiungerei, esisteni o portati dal diverso rapporto che ne funge da limite.

Lo studio citato da Zan offre una buona disamina e la traccia spinge anche a riflettere sulle diverse conseguenze giuridiche delle due norme, da nn trascurare.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...