Vai al contenuto


Testamento olografo con due date


  • Per cortesia connettiti per rispondere
17 risposte a questa discussione

#16 peron

peron

    Gold member

  • Utente Registrato
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 327 Messaggi:

Pubblicato 14 giugno 2012 alle ore 16:02

Scusatemi se dissento da quanto sopra, ma a me sembra che, a parte la liceità dell'apposizione dell'UNICA data in qualsiasi momento redazionale, la doppia data provochi un'incertezza su tale elemento tale da prefigurarsi una sua mancanza.

#17 Federico Venturini

Federico Venturini

    DRUSO

  • Notaio dal 2014
  • 1567 Messaggi:
  • Sono:Maschio

Pubblicato 14 giugno 2012 alle ore 22:43

Grazie davvero Vox, e complimenti sinceri! :thumbsup:

Sei stato a dir poco esauriente, direi meglio di Mandrake! :super:

Sulla considerazione di Peron mi permetto di dissentire, mi suona po' strano affermare che la presenza di due date equivalga a mancanza di data..
Poi mi pare che dopo le osservazioni di Vox (insieme peraltro alle ottime spiegazioni che ho ricevuto da un "pilastro" del sito in mp), non ci sia forse molto altro da aggiungere..

Una curiosità, Vox: conosci per caso l'utente "The Edge"? Siete forse parenti? Lo dico perché me lo ricordi; e se non sai chi è, ti dico subito chiaro e tondo che quello che ti ho fatto è un gran complimento (basta che tu ti legga i messaggi di the Edge e comprenderai subito la caratura del personaggio).

Un abbraccio a tutti regà!

Messaggio modificato da DRUSO il 14 giugno 2012 alle ore 22:55

Druso


#18 "VOX..."

"VOX..."
  • Utente Registrato
  • 13 Messaggi:
  • Sono:Maschio

Pubblicato 16 giugno 2012 alle ore 15:37

Ancora alcune brevi considerazioni.




Possono offrire un contributo alla chiarezza del tema che ci occupa le considerazioni del Notaio Pietro Boero (in Diritto delle successioni, a cura di R. Calvo e G. Perlingieri, Tomo secondo, Napoli, Esi, 2009, 714 ss.), per il quale è certamente valido <<in linea di principio, il testamento che rechi una pluralità di date, il che normalmente testimonia soltanto la sua progressiva formazione; gli effetti che la legge ricollega alla redazione del testamento in un determinato giorno vanno allora riferiti alla data più vicina alla morte del testatore, coincidente con quella apposta alla fine delle disposizioni. Si è, tuttavia, ritenuto che se quest'ultima è antecedente a quelle topograficamente collocate prima, si determina un'incertezza tale da far equiparare l'ipotesi a quella di mancanza di data, mentre, se solo una delle date è esatta, quelle erronee si considerano come non apposte: la distinzione fra le due fattispecie è, tuttavia, in concreto alquanto sfumata ed opinabile, ed il problema va più plausibilmente inquadrato nella discussione … in merito alla possibilità di rettifica di date erronee>>.


Tanto dovevo.


Chiusa-obiter sui massimi sistemi...

Alla resa dei conti, ci ritroviamo ad esser tutti vittime di apparenze che generano inganni e dolore; noi, spesso, solo "strumenti" di un gioco più grande. Cadiamo. Malgrado tutto, fedeli negli impegni assunti e garanti del riserbo rispettoso dovuto all'Amore.



Siamo imperfetti. Amati anche e soprattutto per questo.
Vox

Vox... clamantis in deserto ... 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi