Vai al contenuto
Onerireali

controatto appalto registrazine in caso d'uso

Rate this topic

Recommended Posts

Un contratto di appalto d'opera (rifacimento facciata edificio) privato, tra un condominio e un'impresa, va registrato all'AdE in caso d'uso, quando il caso d'uso sia una procedura giudiziaria per responsabilità dell'impresa?

Il dubbio nasce dal fatto che Il "caso d'uso" si ha quando l'atto è già depositato presso le cancellerie giudiziarie e viene applicata l'imposta nel momento in cui l'atto viene prelevato al fine di svolgere tramite esso un'attività amministrativa. Quindi a primo avviso a me sembra che in occasione di una procedura giudiziaria non si debba registrare: Voi che ne pensate?

quando va registrato all'AdE?

grazie per l'aiuto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Partiamo dall'inizio.

Il contratto di appalto del caso in esame è assoggettato ad IVA e, in virtù del principio di alternatività tra IVA e registro, non sarà assoggettato ad imposta di registro proporzionale, bensì fissa (art. 40 del DPR 131/86). Va rammentato che i contratti di appalto sono soggetti a registrazione obbligatoria solo laddove vengano stipulati per atto pubblico ovvero scrittura privata autenticata; in caso contrario (scrittura privata non autenticata) l'obbligo di registrazione avverrà solo in caso d'uso (art. (art. 5 del citato DPR; tutto ciò è ribadito, peraltro, nella risoluzione del Ministero delle Finanze 86/E del'8 aprile 1995).

Il caso d'uso è disciplinato dall'art. 6 del citato DPR, che così recita:

Si ha caso d'uso quando un atto si deposita, per essere acquisito agli atti, presso le cancellerie giudiziarie nell'esplicazione di attività amministrative o presso le amministrazioni dello Stato o degli enti pubblici territoriali e i rispettivi organi di controllo, salvo che il deposito avvenga ai fini dell'adempimento di un'obbligazione delle suddette amministrazioni, enti o organi ovvero sia obbligatorio per legge o regolamento.

Quanto sottolineato significa che l'ambito del caso d'uso è limitato ai soli procedimenti di volontaria giurisdizione, senza comprendere, invece, quelli contenziosi. Da ciò discende che per il contratto di appalto in oggetto non ci sarà alcun onere di registrazione al momento del deposito in gudizio per il procedimento a cui fai riferimento.

Va, tuttavia, precisato che tale onere potrà sussistere in futuro laddove tale contratto venga enunciato nella sentenza che verrà emessa (ai sensi dell'art. 22 del citato DPR; ciò essendovi evidentemente identità tra le parti intervenute nel procedimento giudiziario e in quello qui eventualmente enunciato), come già chiarito dalla Corte Costituzionale con sentenza 18 gennaio 1999 n. 9:

se l'atto enunciato era soggetto ad imposta in termine fisso, le parti risultano inadempienti ad un loro preciso dovere fiscale; nonostante ciò la legge, come si è rilevato, consente loro di allegarlo o enunciarlo ugualmente ed al giudice di porlo alla base della propria decisione. Tale garanzia, peraltro, non può comportare la trasformazione in lecito di un comportamento illecito; per questo il legislatore delegato ha disposto che l'atto sia inviato all'ufficio del registro per essere sottoposto alla tassazione ed all'applicazione delle sanzioni per la ritardata registrazione. Se, invece, il provvedimento enunciato è soggetto a tassazione in caso d'uso, è proprio la sua allegazione in giudizio che, rappresentandone una forma d'uso, ne legittima la sottoposizione all'imposta di registro. D'altra parte, si è già sottolineato che, per essere conforme alla Costituzione, la normativa va interpretata nel senso che deve essere tassato non qualunque atto la cui esistenza sia stata genericamente segnalata dalle parti, ma soltanto quei provvedimenti posti dal giudice alla base della propria decisione"

In tal caso, il contratto enunciato potrà addirittura sfuggire all'applicazione dell'imposta di registro in misura fissa (ordinariamente applicabile per il già richiamato principio di alternatività IVA / registro) venendo tassato, invece, con quella proporzionale (sul punto vedi Cass. Trib. 8 settembre 2005 n. 17899).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ti ringrazio tantissimo ....... mhm ....... "Morte" .

E' tutto chiarissimo (sorge l'obbligo di registrazione solo a seguito del provvedimento giurisdizionale, se come nel caso in questione, il contratto formerà oggetto del giudizio stesso... anche se trattandosi di resposnabilità forse ... )

Poi però non ti seguo rispetto all'ultimo punto: perchè dici che il contratto enunciato potrà addirittura sfuggire all'applicazione dell'imposta di registro in misura fissa, venendo tassato, invece, con quella proporzionale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Poi però non ti seguo rispetto all'ultimo punto: perchè dici che il contratto enunciato potrà addirittura sfuggire all'applicazione dell'imposta di registro in misura fissa, venendo tassato, invece, con quella proporzionale?

La "tendenza" dell'Agenzia delle Entrate (spalleggiata dalla giurisprudenza tributaria), in occasione dell'enunciazione di un contratto che altrimenti non verrebbe sottoposto a registrazione obbligatoria, è quella (ai fini tributari) di isolare tale contratto dal contesto in cui è nato (e che potrebbe determinarne eventualmente l'attrazione in un campo impositivo piuttosto che in un altro) e di sottoporre a singola tassazione tutto quanto contenuto (purché tassabile) nel contratto stesso. Orbene, nei contratti d'appalto è tutt'altro che infrequente (in taluni casi obbligatoria per legge) la previsione di una clausola penale, la quale assume rilevanza fiscale al momento del verificarsi dell'inadempimento dell'appaltatore. Dal momento che hai parlato genericamente di procedura giudiziaria a carico dell'impresa, ho ipotizzato che nella fattispecie da te prospettata potesse magari essersi verificato un inadempimento che era stato, in contratto, sottoposto a clausola penale. Se così fosse, in sede di enunciazione, il tuo contratto di appalto verrebbe tassato come negozio complesso: l'appalto vero e proprio, rimanendo in campo IVA, dovrebbe essere assoggettato alla fissa di registro, mentre la clausola penale dovrebbe essere assoggettata al registro proporzionale del 3%. Trattandosi di negozio complesso, ove i singoli sub-negozi sono intimamente correlati, verrebbe concretamente applicata all'intero contratto solo l'imposizione più onerosa, quindi quel 3% sull'importo della clausola penale. Se, invece, non fossimo in tale caso, il contratto rimarrebbe in campo IVA e sarebbe assoggettato solo alla fissa di registro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...