Vai al contenuto
ALTRO70

CONGRESSO NOTAI A ROMA 26/27 NOVEMBRE

Rate this topic

Recommended Posts

Ragazzi,

tra pochi giorni a Roma si terrà il Congresso Nazionale dei notai.

Perchè non approfittarne, e, magari con l'approvazione e la supervisione degli amministratori del Forum, stilare un documento "ufficiale" redatto dagli utenti di Romoloromani, che rappresenta moltissimi aspiranti notai in tutta Italia, da sottoporre all'attenzione del Consiglio Nazionale ed a quella del Ministro Alfano, con da una parte l'elenco di tutte le cose che secondo i praticanti non vanno nel concorso e dall'altra parte con proposte serie per una revisione di tutta la procedura del concorso?

Non perdete questa occasione per farvi sentire, soprattutto dopo quanto è successo al concorso un mese fa.

Speriamo che giovani notai come Dario Ricolo (la sua lettera aperta pubblicata qui su Romolo andrebbe incorniciata ed appesa al muro da ogni aspirante notaio) possano portare una ventata di freschezza e di rinnovamento.

L'appello è rivolto dunque anche a tutti i giovani notai che frequentano abitualmente il sito e che sanno cosa vuol dire (soprattutto quelli che ce l'hanno fatta dopo qualche tentativo) passare attraverso il concorso notarile.

A questi, che ne sono usciti vincitori, ci si deve affidare perchè cambi qualcosa, anche poco, ma in meglio.

La speranza è che molti di loro, con un nobile colpo d'ali, possano uscire dal gretto e meschino ragionamento che rischia di impossesssarsi di loro: "Perchè dovre fare qualcosa per cambiare, ora che finalmente, dopo tanta sofferenza, faccio parte di questa elìte del notariato?"

Ci vuole coraggio, ci vuole generosità d'animo per cambiare, soprattutto per cambiare a favore di altri che sono rimasti nella brutta situazione da cui si è appena usciti: l'augurio è che molti abbiano questo coraggio e questa generosità!

Alla lunga il seme che sarà gettato da questi darà il frutto sperato, di cui godranno anche loro stessi, perchè il notariato tutto ne uscirà migliore!

:flowers:

Modificato da ALTRO70

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ragazzi,

tra pochi giorni a Roma si terrà il Congresso Nazionale dei notai.

Perchè non approfittarne, e, magari con l'approvazione e la supervisione degli amministratori del Forum, stilare un documento "ufficiale" redatto dagli utenti di Romoloromani, che rappresenta moltissimi aspiranti notai in tutta Italia, da sottoporre all'attenzione del Consiglio Nazionale ed a quella del Ministro Alfano, con da una parte l'elenco di tutte le cose che secondo i praticanti non vanno nel concorso e dall'altra parte con proposte serie per una revisione di tutta la procedura del concorso?

Non perdete questa occasione per farvi sentire, soprattutto dopo quanto è successo al concorso un mese fa.

Speriamo che giovani notai come Dario Ricolo (la sua lettera aperta pubblicata qui su Romolo andrebbe incorniciata ed appesa al muro da ogni aspirante notaio) possano portare una ventata di freschezza e di rinnovamento.

L'appello è rivolto dunque anche a tutti i giovani notai che frequentano abitualmente il sito e che sanno cosa vuol dire (soprattutto quelli che ce l'hanno fatta dopo qualche tentativo) passare attraverso il concorso notarile.

A questi, che ne sono usciti vincitori, ci si deve affidare perchè cambi qualcosa, anche poco, ma in meglio.

La speranza è che molti di loro, con un nobile colpo d'ali, possano uscire dal gretto e meschino ragionamento che rischia di impossesssarsi di loro: "Perchè dovre fare qualcosa per cambiare, ora che finalmente, dopo tanta sofferenza, faccio parte di questa elìte del notariato?"

Ci vuole coraggio, ci vuole generosità d'animo per cambiare, soprattutto per cambiare a favore di altri che sono rimasti nella brutta situazione da cui si è appena usciti: l'augurio è che molti abbiano questo coraggio e questa generosità!

Alla lunga il seme che sarà gettato da questi darà il frutto sperato, di cui godranno anche loro stessi, perchè il notariato tutto ne uscirà migliore!

:flowers:

Grande! Qui gli amministratori dovrebbero dare una grossa mano. Di là con molta fatica ci si prova.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Grande! Qui gli amministratori dovrebbero dare una grossa mano. Di là con molta fatica ci si prova.

mi associo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Amministratori ve la sentite di "esporvi" in prima persona per noi?

Chi più di voi può?

Siete Notai ma al contempo Amministratori di un Forum di Praticanti Notai (che sembra vi stiano a cuore): ve la sentite di mettervi in gioco?

Grazie in anticipo perchè so che non vi tirerete indietro dal portare al Congresso Nazionale le istanze nate su questo sito.

Franz

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

L'ho scritto anche su facebook.

I tempi sono maturi perché romoloromani.it si costituisca anche in associazione. Ciò permetterebbe da una parte di raccogliere risorse per la manutenzione del sito anche nei picchi di traffico e potrebbe anche "rappresentare" la categoria dinanzi agli organi competenti e ai Massa media.

Non dimentichiamo che dopo le note vicende concorsuali di ottobre tutti i giornali parlavano di romoloromani.it come del sito "ufficiale" dei praticanti notai.

Certo dovrebbe essere un'iniziativa degli amministratori, perché loro è il sito e loro l'idea di questa community. Non so, tuttavia, quanto essi ne abbiano voglia, considerato anche - e lo dico senza malizia - che sono entrambi notai in esercizio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ragazzi,

tra pochi giorni a Roma si terrà il Congresso Nazionale dei notai.

Perchè non approfittarne, e, magari con l'approvazione e la supervisione degli amministratori del Forum, stilare un documento "ufficiale" redatto dagli utenti di Romoloromani, che rappresenta moltissimi aspiranti notai in tutta Italia, da sottoporre all'attenzione del Consiglio Nazionale ed a quella del Ministro Alfano, con da una parte l'elenco di tutte le cose che secondo i praticanti non vanno nel concorso e dall'altra parte con proposte serie per una revisione di tutta la procedura del concorso?

Non perdete questa occasione per farvi sentire, soprattutto dopo quanto è successo al concorso un mese fa.

Speriamo che giovani notai come Dario Ricolo (la sua lettera aperta pubblicata qui su Romolo andrebbe incorniciata ed appesa al muro da ogni aspirante notaio) possano portare una ventata di freschezza e di rinnovamento.

L'appello è rivolto dunque anche a tutti i giovani notai che frequentano abitualmente il sito e che sanno cosa vuol dire (soprattutto quelli che ce l'hanno fatta dopo qualche tentativo) passare attraverso il concorso notarile.

A questi, che ne sono usciti vincitori, ci si deve affidare perchè cambi qualcosa, anche poco, ma in meglio.

La speranza è che molti di loro, con un nobile colpo d'ali, possano uscire dal gretto e meschino ragionamento che rischia di impossesssarsi di loro: "Perchè dovre fare qualcosa per cambiare, ora che finalmente, dopo tanta sofferenza, faccio parte di questa elìte del notariato?"

Ci vuole coraggio, ci vuole generosità d'animo per cambiare, soprattutto per cambiare a favore di altri che sono rimasti nella brutta situazione da cui si è appena usciti: l'augurio è che molti abbiano questo coraggio e questa generosità!

Alla lunga il seme che sarà gettato da questi darà il frutto sperato, di cui godranno anche loro stessi, perchè il notariato tutto ne uscirà migliore!

:flowers:

caro Altro, sai che ti apprezzo molto.

a dire il vero riguardo la tua idea sono piuttosto perplesso, e lo dico con amarezza.

tutte le varie discussioni che si sono tenute nel dopo concorso hanno fatto emergere, a mio parere, una incontestabile verità.

i praticanti sono totalmente divisi e non solo sulle proposte.

ma questo è "normale".

a monte c'è una divisione principe tra i "facinorosi" ed i "non facinorosi". (io ho già detto che sono totalmente senza se e senza ma dalla parte dei "praticanti che con inusitata violenza hanno fieramente impedito brandendo affilati taglierini, nonchè pare cinture esplosive allacciate, la prosecuzione del concorso").

troppo forte mi pare la tentazione di ognuno di piegare il pensiero alla prorpia situazione attuale. poca la coerenza.

non mi metto a pontificare sui limiti altrui, mi ci metto in mezzo, a scanso di equivoci.

ma tanti praticanti scrivono cose che, dubito, confermerebbero se e quando diventassero notai. è un mio pensiero.

troppo grande è lo spazio che divide il praticante dal notaio. troppo forte il passaggio. troppo sudato e sacrificato il salto per non incattivire.

questo concorso rende, mi pare, peggiori. chi non ce la fa perchè accumula insoddisfazioni. chi ce la ha fatta perchè gli è costato molto anche in termni di vita personale.

anche il documento che tu proponi faccio fatica a vedere come potrebbe essere stilato. viste le divisioni, aspre, che ci sono. è sufficiente leggere una discussione a caso.

come chiedere agli Amministratori di portarne uno? verrebbero amati da alcuni ed attaccati da altri, accusati magari di avere portato proposte non loro gradite.

forse è l'età che mi fa parlare così. vedere che non si riesce mai a trovare non solo un punto d'incontro, effettivamente difficile, ma, addirittura, una base comune dalla quale partire.

ad ogni modo se il tuo invito verrà accolto sono disponibile a partecipare. con assoluto entusiasmo.

Modificato da m.10

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest mario78

i praticanti sono totalmente divisi e non solo sulle proposte.

ho la sensazione che anche i futuri neo notai siano tra loro molto divisi circa le proposte che riguardano più da vicino l'incredibile situazione in cui si trovano...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

ho la sensazione che anche i futuri neo notai siano tra loro molto divisi circa le proposte che riguardano più da vicino l'incredibile situazione in cui si trovano...

appunto....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

 Consiglio Nazionale

Comunicazione della Presidenza

XLV Congresso Nazionale del Notariato

Cari Colleghi,

il 26 novembre si aprirà a Roma la nostra Assise nazionale, interamente dedicata alla politica e ai problemi del Notariato.

Ad oggi le iscrizioni pervenute sono 1.739 (compresi 82 neo-vincitori del concorso), superando così quelle dell’ultimo Congresso. E’ un indice molto incoraggiante di attenzione e partecipazione intensa alla vita della Categoria, in un momento nel quale è indispensabile che il Notariato serri le fila e si senta più unito che mai.

Sarà questo, per il Consiglio Nazionale, il primo incontro istituzionale con la Categoria per dar conto di quanto ha fatto nei primi cinque mesi di forte impegno sul piano organizzativo interno e su quello dell’attività più squisitamente politica, nella prima e difficile fase di attuazione del programma unanimemente approvato, durante i quali non pochi eventi esterni, che direttamente o indirettamente ci hanno coinvolto, hanno meritato particolare attenzione.

La Relazione introduttiva al Congresso investirà i temi e i problemi centrali di grande attualità per la vita e il futuro del Notariato, tra i quali l’accesso e il progetto di nuova Tariffa. Un argomento, questo, che evidentemente più sta a cuore all’intera Categoria e la cui delicatezza richiede al Consiglio Nazionale, massimo Organo di rappresentanza politica, una particolare prudenza nella divulgazione preventiva di notizie e informazioni che - con un sicuro e incontrollabile impatto mediatico esterno -, rischierebbe di compromettere l’atteso risultato finale. Confido di incontrarVi tutti a Roma e Vi saluto molto cordialmente.

Giancarlo Laurini

"Evento esterno che ci ha coinvolto"...

"Particolare prudenza nella divulgazione"...

In questi due passi stà il praticante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
una particolare prudenza nella divulgazione preventiva di notizie e informazioni che - con un sicuro e incontrollabile impatto mediatico esterno -, rischierebbe di compromettere l’atteso risultato finale.

:ph34r::hairy::ph34r::ninja::ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Guest Spiderman

Andiamo tutti davanti alla sede del congresso ha cantare in coro:

TESTO

Ay, ay, ay, ay

Canta y no llores

Porque cantando se alegran

Cielito lindo, los corazones

De la Sierra Morena

Cielito lindo, vienen bajando

Un par de ojitos negros

Cielito lindo, de contrabando

Ese lunar que tienes

Cielito lindo, junto a la boca

No se lo des a nadie

Cielito lindo que a mi me toca

Ay, ay, ay, ay

Canta y no llores

Porque cantando se alegran

Cielito lindo, los corazones

Modificato da Spiderman

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Consiglio Nazionale

Comunicazione della Presidenza

XLV Congresso Nazionale del Notariato

Cari Colleghi,

il 26 novembre si aprirà a Roma la nostra Assise nazionale, interamente dedicata alla politica e ai problemi del Notariato.

...........omississ..................La Relazione introduttiva al Congresso investirà i temi e i problemi centrali di grande attualità per la vita e il futuro del Notariato, tra i quali laccesso e il progetto di nuova Tariffa. Un argomento, questo, che evidentemente più sta a cuore allintera Categoria e la cui delicatezza richiede al Consiglio Nazionale, massimo Organo di rappresentanza politica, una particolare prudenza nella divulgazione preventiva di notizie e informazioni che - con un sicuro e incontrollabile impatto mediatico esterno -, rischierebbe di compromettere latteso risultato finale. Confido di incontrarVi tutti a Roma e Vi saluto molto cordialmente.

Giancarlo Laurini

Perdonatemi ma Il Presidente Laurini mi pare che vivi un po' sulle nuvole...........Si parla di problemi centrali quali l'accesso e la tariffa...e si sottolinea,mi pare di capire, che sia il nuovo progetto di tariffa quello che sta maggiormente a cuore agli illustri colleghi...ho partecipato in passato a congressi nazionali,essendomi imbucato, avendo genitori e parenti notai e mi gioco gli astutilli che dell'accesso al notariato ne parleranno il giusto e cioè pochissimo,essendo argomento che a chi è gia notaio,risulta noiosissimo...e che c'è di meglio per lor signori che cercare di combattere i giovani notai che per lavorare e trovare clientela sono costretti a fare tariffe basse a discapito di quei poveri notai milionari che rischiano di perdere qualche migliaio di euro per la concorrenza dei neo notai...ben venga la concorrenza di questi giovani valorosi che sono riusciti a raggiungere l'agognato sigillo e che sti vecchi colleghi attaccati al danaro comincino a sentire il loro reale fondo schiena bruciare!!!

Infine il Presidente si preoccupa della divulgazione di notizie alla stampa....Mi scusi signor presidente ,ma cosa mai ha da nascondere che non deve uscire dall'uscio di casa(del congresso)???

Se non ha nulla da temere cosa sono questi segreti???Oramai siamo sulla bocca di tutti e solo se dalle vostre segrete stanze uscissero soluzioni serie,non ci sarebbe da avere paura di impatti mediatici esterni...il fatto è che questo nostro carissimo e stimatissimo Presidente,gia con le sue uscite post concorsuali e pre congressuali,ci sta facendo capire che come al solito si penserà a tutto tranne che a noi poveri sfigati....Prego Dio di sbagliarmi,ma ormai siamo vicini al tanto agognato congresso....e mi auguro che a noi ci dia il giusto risalto,visto che ha volontariamente annullato una riunione dei presidenti dei Consigli notarili per discutere di quanto successo a Roma a ottobre...mi pare che lei la ha annullata espressamente per il motivo che vista la vicinanza del congresso nazionale,ne avrebbe discusso in quella sede....me lo auguro per tutti noi!!!

Cordialissimi saluti a tutti e buon week-end.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

A pochi giorni dal congresso vorrei chiedere ai più audaci e stimati colleghi con cui spesso ho scambiato opinione, di stilare quella famosa lettera con pochi ma chiari punti di proposte concrete, che avrei intenzione di presentare ad un quotidiano di livello nazionale sperando ce la pubblichino (non so se possiamo riuscire a farla arrivare in sede congressuale, su questo o ci aiutano i notai giovani o non possiamo far nulla). Niente polemiche per favore (lo dico ai vari che ogni volta che scrivo anche di quelle poche cose serie che sò mi devono rompere la palle). Solo proposte: mi ricordo che le proposte di Ubi e Clubi erano le più coerenti e semplici (a me personalmente va molto a genio la biennalità standardizzata e i tempi calendarizzati a priori). Per la riforma delle materie riterrei per adesso imprescindibile proporre le due prove anzichè tre (e non per rendere più facile il concorso ma per sveltire le correzioni), poi quanto all'inserimento di argomenti di tributario se ne potrà parlare in seguito (personalmente lo ritengo addirittura un argomento facilissimo pertanto fate voi).

Diamoci una mossa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

sono daccordo!!

ma vi pare che per loro il concorso sia una priorità?? è inserito nell'o.d.g. giusto per facciata!!!

cazzo,finalmente una Persona,che guarda la merdosa (non sempre...)vita per quel che è!!!Sono contento.Tra via del Corso e Piazza Navona di noi NON FOTTE UNA MINCHIA A NESSUNO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

A pochi giorni dal congresso vorrei chiedere ai più audaci e stimati colleghi con cui spesso ho scambiato opinione, di stilare quella famosa lettera con pochi ma chiari punti di proposte concrete, che avrei intenzione di presentare ad un quotidiano di livello nazionale sperando ce la pubblichino (non so se possiamo riuscire a farla arrivare in sede congressuale, su questo o ci aiutano i notai giovani o non possiamo far nulla). Niente polemiche per favore (lo dico ai vari che ogni volta che scrivo anche di quelle poche cose serie che sò mi devono rompere la palle). Solo proposte: mi ricordo che le proposte di Ubi e Clubi erano le più coerenti e semplici (a me personalmente va molto a genio la biennalità standardizzata e i tempi calendarizzati a priori). Per la riforma delle materie riterrei per adesso imprescindibile proporre le due prove anzichè tre (e non per rendere più facile il concorso ma per sveltire le correzioni), poi quanto all'inserimento di argomenti di tributario se ne potrà parlare in seguito (personalmente lo ritengo addirittura un argomento facilissimo pertanto fate voi).

Diamoci una mossa

per quanto riguarda le mie idee riporto il testo del mio intervento in altra discussione, che già recepiva intervento di ubi e poi veniva sviluppato da clubi, ma differisce dalla proposta di clubi nella questione lunghezza dei tempi e parte teorica. perchè non obbligarli a tempi di correzione che permettano bando annuale? specie se le prove si riducono a due? riporto qui tra virgolette il mio vecchio intervento e saluto perchè ho problemi di collegamento con rr: riesco a collegarmi solo una volta ogni tre giorni.

" Concordo sulle due prove da sorteggiare su tre materie.

La preselezione è stata un fallimento, è già stata scartata, perchè ritornarvi?

Abolizione del limite delle tre prove,perchè assolutamente non adatto ai meccanismi del concorso notarile;

bisognerebbe pensare ad un meccanismo diverso di preselezione che potrebbe consistere in un percorso a tappe, come i corsi di allievo ufficiale, (in cui gran rilievo sia attribuito alla pratica), del quale l'ultima tappa è la prova concorsuale (restituita a tracce che permettano di cimentarsi in raffinati quesiti di carattere giuridico e non pratico: d'accordo non è l'università, ma i notai dovranno pur conoscere e dimostrare di conoscere il diritto civile, a mio avviso).

Se il concorso fosse solo l'ultima tappa di un percorso in cui chi supera le tappe precedenti accede a quella successiva (con, nel frattempo, riconoscimento delle competenze professionali acquisite: introduzione del clerc), il concorso si snellirebbe e sarebbe liberato da quel sovraccarico di interessi ed aspettative che oggi vi si concentrano.

Il proliferare di commissioni e sottocommissioni, specie se radicate o dislocate nelle varie Corti d'Appello, cioè nel territorio di ciascuno di noi, diminuirebbe esponenzialmente l'imparzialità dei risultati, quindi occorrono degli accorgimenti. Ripropongo che ciascun tema sia corretto da una sottocommissione specializzata in ciascuna materia. Le commissioni devono essere centralizzate, altrimenti si finisce dalla padella alla palude più stagnante.

Che i commissari siano retribuiti, premiati, che siano distribuite briosches per tutti e tutti i giorni, che abbiano quello che chiedono, ma per carità, che si impegnino in queste benedette correzioni!

tempi certi:

- data degli scritti fissata fin dal bando.

- termine certo per la fine delle correzioni.

- bando annuale "

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

quando sarò diventato Notaio,cercherò di essere il più altruista possibile con collaboratori,praticanti,etc etc... Ma 'sto congresso mi sembra un buon momento solo per Frecciarossa,Freccia d'Argento,compagnie des wagon-lits ed Alitalia.E basta.Lucerna iuris,illuminali Tu!!! :yawn:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

quando sarò diventato Notaio,cercherò di essere il più altruista possibile con collaboratori,praticanti,etc etc... Ma 'sto congresso mi sembra un buon momento solo per Frecciarossa,Freccia d'Argento,compagnie des wagon-lits ed Alitalia.E basta.Lucerna iuris,illuminali Tu!!! :yawn:

:sorcerer:

...impresa assai ardua mio caro ubi maior!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

ieri alla riunione del consiglio di milano, il presidente De Stefano e il Notaio Setti hanno parlato del concorso, dicendo che è loro opinione che al congresso se ne parlerà parecchio.

Hanno altresì detto che sul breve stanno cercando dei notai di alto livello (giuristri come Mascheroni - Barassi - Guasti e Roveda i quali hanno dato un assenso condizionato - ma non ha detto a cosa) da proporre come commissari per il prossimo concorso (e così pare stiano facendo altri collegi),

sul lungo periodo è loro opinione che sia necessario non decentrare le prove ma le correzioni aumentando i membri della commissione talché essa dopo la determinazione dei criteri di correzione possa procedere in sedi distaccate e decentrate alla correzione.

E' stato altresì detto che quello che è successo a fine ottobre è stato causato da un mancato rispetto delle regole e non solo per quello che riguarda la redazione della traccia.

Devo un sincero applauso a questi notai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ragazzi,

tra pochi giorni a Roma si terrà il Congresso Nazionale dei notai.

Perchè non approfittarne, e, magari con l'approvazione e la supervisione degli amministratori del Forum, stilare un documento "ufficiale" redatto dagli utenti di Romoloromani, che rappresenta moltissimi aspiranti notai in tutta Italia, da sottoporre all'attenzione del Consiglio Nazionale ed a quella del Ministro Alfano, con da una parte l'elenco di tutte le cose che secondo i praticanti non vanno nel concorso e dall'altra parte con proposte serie per una revisione di tutta la procedura del concorso?

Non perdete questa occasione per farvi sentire, soprattutto dopo quanto è successo al concorso un mese fa.

Speriamo che giovani notai come Dario Ricolo (la sua lettera aperta pubblicata qui su Romolo andrebbe incorniciata ed appesa al muro da ogni aspirante notaio) possano portare una ventata di freschezza e di rinnovamento.

L'appello è rivolto dunque anche a tutti i giovani notai che frequentano abitualmente il sito e che sanno cosa vuol dire (soprattutto quelli che ce l'hanno fatta dopo qualche tentativo) passare attraverso il concorso notarile.

A questi, che ne sono usciti vincitori, ci si deve affidare perchè cambi qualcosa, anche poco, ma in meglio.

La speranza è che molti di loro, con un nobile colpo d'ali, possano uscire dal gretto e meschino ragionamento che rischia di impossesssarsi di loro: "Perchè dovre fare qualcosa per cambiare, ora che finalmente, dopo tanta sofferenza, faccio parte di questa elìte del notariato?"

Ci vuole coraggio, ci vuole generosità d'animo per cambiare, soprattutto per cambiare a favore di altri che sono rimasti nella brutta situazione da cui si è appena usciti: l'augurio è che molti abbiano questo coraggio e questa generosità!

Alla lunga il seme che sarà gettato da questi darà il frutto sperato, di cui godranno anche loro stessi, perchè il notariato tutto ne uscirà migliore!

:flowers:

RINNOVO L'APPELLO ai Notai che gestiscono questo sito, che lo frequentano e hanno manifestato in queste pagine il loro interesse per le questioni relative all'accesso al concorso. Siate voi la nostra voce al Congresso, presentate voi i nostri Cahiers de doléances agli Stati Generali, poichè noi non abbiamo voce, non diritti, nè rappresentenza, eppure è del nostro futuro che si discute lì.

C'è modo di rendere note ai Notai riuniti in Congresso le pagine scritte qui sulle ipotesi di riforma del concorso? anche così come sono, senza ridurle a documento unico ufficiale, nella loro poliedricità, nella loro veracità. Molti notai non sanno cosa sia il concorso oggi, perchè non lo frequentano da tempo, nè come candidati nè come commissari; dunque c'è il rischio che le medicine proposte non siano idonee a curare la malattia.

Modificato da lct

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...