janus67

Fusione Inversa Tra Sas E Srl

Rate this topic

2 risposte in questa discussione

Ritorno sul tema della fusione inversa per incorporazione, su cui ho già aperto un topic sulla perizia di stima e sulla individuazione del documento a cui essa deve essere allegata, per cercare di chiarirmi le idee, se possibile, sulle concrete modalità operative.

Riepilogo brevemente la fattispecie: una sas, formata da tre soci, possiede il 100% del capitale di una srl; le società vogliono ora attuare una fusione inversa in cui cioè la srl dovrà incorporare la sas. Il capitale della srl non verrà modificato. Tralasciando alcune problematiche di agevole, mi pare, soluzione quale la possibilità di applicazione dell’art.2505 sulle semplificazioni procedurali, le rinunzie all’unanimità a vari termini ecc., mi soffermerei sulle tecniche di esecuzione della fusione; in un articolo su Riv.Not. 1/2008 a firma di P. Castellano, vengono indicate queste tre tecniche:

- aumento di capitale e accoglimento integrale nel patrimonio delle azioni proprie;

- assegnazione in sede di fusione della azioni proprie e contestuale aumento di capitale solo per la parte eventualmente residua;

- annullamento delle azioni proprie e contestuale aumento del capitale sociale.

Alla luce del fatto che nel caso specifico il capitale non sarà aumentato nonché dell’art.2474 c.c che vieta alla srl di acquistare partecipazioni proprie, la fusione come verrà realizzata? Forse mediante assegnazione diretta del capitale della srl, già interamente posseduto dalla sas, ai tre soci di detta sas con conseguente annullamento delle quote da essi posseduti nella società personale?

Grazie a chi vorrà rispondere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Trattandosi di Srl va esclusa ogni modalità che preveda che all'esito l'incorporante detenga partecipazioni proprie; trattandosi di inversa "pura" (il controllo è totalitario), va esclusa l'esigenza di un aucap dell'incorporante.

restano quindi solo due tecniche:

1. annullamento delle quote della sas senza concambio e contestuale attribuzione ai soci della sas (nelle misure in cui ne erano soci) delle quote della Srl; è la tecnica più semplice e più seguita.

Se, tuttavia, per qualche motivo (esempio di motivo giuridico: il notaio ritiene che non sia possibile perchè ritiene che, seppure per un solo momento, le quote della Srl transitino nel patrimonio di questa con violazione del divieto di legge - obiezione che comunque io non condivido; esempio di motivo pratico: c'è un pegno sulle quote sas e il creditore pignoratizio si oppone all'operazione come sopra perchè si dovrebbe fare un nuovo pegno), puoi seguire la tecnica

2. annullamento delle quote della Srl (in quanto "quote proprie") e annullamento delle quote della sas CON concambio e quindi con contestuale aumento di capitale della Srl (da zero a quello precedente) da assegnare in sede di concambio ai soci della sas; è una tecnica che ottiene gli stessi risultati per una via a mio parere inutilmente complessa.

Trovi comunque degli scritti di Perrotta (ricordo un articolo non recente e una monografia) sulla fusione inversa che si occupano specificamente anche delle tecniche di realizzazione.

Modificato da l'abc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora