Vai al contenuto
il duca

postilla dell'autentica

Rate this topic

Recommended Posts

come si postilla l'autentica di firma??

Dopo il locus loci, al posto della firma del notaio, faccio la postilla?+

e chi l'approva, il notaio da solo, visto che l'autentica è solo "sua"???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Beh ora che c'è la lettura da parte del notaio, di quanto precede la firma, scrivi che la postilla è stata letta ed approvata dal comparente.

Ciao duca.... posso venire a pranzo da tua suocera? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

mhmmm, ciao ally, dico alla suocera di preparare anche per te.. :p

la postilla non riguarda il testo della scrittura ma proprio una cappellata nell'autentica.

:(

Modificato da il duca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

La postilla dell'autentica è di esclusiva competenza del notaio e non ha bisogno di approvazione da parte del/dei comparente/i (che ha sottoscritto solo ed esclusivamente per il testo precedente l'autentica), pertanto si appone senza menzionare alcuna approvazione. Dopo la postilla in questione, si ripetono luogo e data; segue, infine, firma del notaio.

ilrogitolampo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

In effetti l'autentica non viene letta al comparente.

L'autentica si considera però in sè un atto notarile, perciò credo tu debba rispettare le medesime formalità.

Probabilmente devi limitarti a contarla (una postilla) e a precisare se cancella parole.

In effetti l'approvazione del comparente è sovrabbondante.

P.S. Porzione contenuta, sono a dieta :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
La postilla dell'autentica è di esclusiva competenza del notaio e non ha bisogno di approvazione da parte del/dei comparente/i (che ha sottoscritto solo ed esclusivamente per il testo precedente l'autentica), pertanto si appone senza menzionare alcuna approvazione. Dopo la postilla in questione, si ripetono luogo e data; segue, infine, firma del notaio.

ilrogitolampo

:ok: :ok: :ok:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

problema ulteriore:

ci sono due postille anche nel testo della scrittura.

V'è poi la postilla nella autentica, una soltanto.

Come si fa il conteggio??

separato per scrittura e aut. oppure complessivo??

Ossia:

dopo il letto confermato e sottoscritto della scrittura aggiungo:

1 adde.....

2 adde.....

due postille lette e approvate

poi segue l'autentica con

1 dele.......

una postilla.

Oppure

1 adde

2 adde...

due postille

poi la autentica con

3 dele....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

tieni presente che il testo dell'atto è "predisposto dalle parti" quindi le correzioni potrebbero anche non avvenire per postilla e certamente non dovrebbe farle il notaio, ma le parti stesse.

Quindi in quel caso, sebbene vengano fatte con le modalità notarili, nulla vieta di farle in altri modi.

Le postille all'autentica invece sono vere e proprie postille notarili e come tali unicamente esse vanno trattate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

E' esatto; la scrittura e l'autentica sono due "entità" diverse e solo l'autentica è atto formalmente del Notaio per cui le postille nell'una (non necessariamente formali anche se si usa compilarle alla maniera notarile) e nell'altra (necessariamente formali e notarili) procedono su strade autonome e separate anche nella numerazione progressiva; in sostanza nell'autentica le postille ripartono da "1" e devono rispettare le prescrizioni della legge notarile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

:swear:

Ragazzi scusate ma non concordo la regola per cui il notaio deve riepilogare il numero delle postille e le parole cancellate vale solo per l'atto pubblico ma non per l'autentica.

Il boss si regola apponendo le postille in maniera semplificata.

ES.

1) dele l'incasellato, adde ...

2) adde ....

Postille approvate.

il tutto prima della sua sottoscrizione e senza ripetere locus loci, data e lettura.

Nessun rilievo mai in sede di ispezione in tanti anni da svariati conservatori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
:swear:

Ragazzi scusate ma non concordo la regola per cui il notaio deve riepilogare il numero delle postille e le parole cancellate vale solo per l'atto pubblico ma non per l'autentica.

Il boss si regola apponendo le postille in maniera semplificata.

ES.

1) dele l'incasellato, adde ...

2) adde ....

Postille approvate.

il tutto prima della sua sottoscrizione e senza ripetere locus loci, data e lettura.

Nessun rilievo mai in sede di ispezione in tanti anni da svariati conservatori

Credo che si stia facendo confusione o forse sono io a non essermi spiegato.

Nell'autentica io faccio le postille prima della firma del solo notaio indicando anche il numero totale delle postille (dell'autentica)e il numero delle parole cancellate; non mi sono mai sognato di ripetere locus loci, data, apprvazione e lettura!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi
Ospite
Rispondi...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...