Vai al contenuto
Amelia Anna Benincaso

preliminare e morte del promittente acquirente

Rate this topic

Recommended Posts

Ciao ragazzi sono in tilt perchè a studio ho questo problema.

Nel 1973 Tizio stipulava con lo I.A.C.P. un contratto preliminare di vendita avente ad oggetto un alloggio di edilizia economica e popolare.

Nel 1975 moriva Tizio lasciando il coniuge e quattro figli.

Nel 1984 veniva stipulato il definitivo tra lo I.A.C.P. e moglie e figli (coniugati in c.l. dei beni ) di Tizio, "quali eredi del de cuius" (così è scritto in atto).

Secondo voi per i figli l'alloggio è caduto in comunione???

Ciao e buona domenica...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Ho capito il tuo dubbio. Tu dici che, siccome i figli partecipano alla compravendita quali successori del padre firmatario del preliminare, il bene da loro acquistato poiché frutto di una posizione contrattuale ereditata e quindi bene personale ex art. 179 c.c. dovrebbe essere personale anch'esso.

Ragionamento suggestivo, ma secondo me non sostenibile sulla base del fatto che non vedo come il bene da loro acquistato possa surrogarsi nella posizione contrattuale derivante dal preliminare. Ergo il bene è caduto in comunione legale per ciascuno dei figli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×