Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'trasformazione'.



More search options

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Forums

  • I Forum Giuridici
    • Quid Iuris?
    • Temi ed Esercitazioni
    • Tecniche Contrattuali
    • Riviste, Testi e Recensioni
  • Attualità & Prassi
    • Concorso Notarile
    • Convegni
    • Imposte e Formalità
  • I Notai di Romoloromani
  • Archivio di RomoloRomani.It
    • Novità legislative
    • Massimario
    • Studi CNN
  • Forum di Servizio
    • Help!
    • Prima pagina

Trovato 8 risultati

  1. In una sas in cui è morto ab intestato l'unico socio accomandatario, i tre accomandanti superstiti, unici eredi del de cuius, senza aver pubblicizzato la nomina dell'amministratore provvisorio nè l'intervenuta causa di scioglimento ex 2303 cc, non avendo ricostituito la duplice categoria di soci dopo i 6 mesi, dopo essersi avvalsi della clausola di continuazione facoltativa prevista in statuto, intendono a maggioranza trasformare la sas in srl ex 2500ter. Problema: mettereste in chiusura d'atto un'apposita clausola di revoca dello stato di liquidazione ex 2487ter? A me pare che, pur dando conto in premessa dell'intervenuta causa di scioglimento ed esprimendo i soci la volontà di trasformare la sas in srl proprio al fine di eliminarla, seguendo l'orientamento J.A.11 del Triveneto - "[...] E’ pertanto possibile, qualora si sia avverata una causa di scioglimento della società senza che essa sia stata pubblicizzata nel registro delle imprese, rimuovere la causa di scioglimento stessa senza l’osservanza delle disposizioni di cui all’art. 2487 ter c.c., poiché l’applicazione di tale ultimo articolo presuppone necessariamente che la società si trovi in stato di liquidazione per effetto di causa di scioglimento già pubblicizzata al registro delle imprese" - non si debba inserire una clausola di revoca ex 2487ter e posticipare gli effetti decorsi i due mesi senza opposizione. Per inciso, come risulta da perizia di stima, la società non ha alcun debito verso terzi. La revoca dello stato di liquidazione sarebbe una "superfetazione" (espressione cara al prof. Castronovo!) o è per voi necessaria ai fini della legalità dell'atto nonostante Triveneto? Schema atto continuazione della società con gli eredi del socio defunto presa d'atto dell'intervenuta causa di scioglimento della società trasformazione di sas in srl Grazie.
  2. Domanda: presentata domanda di concordato, una spa vuole trasformarsi in snc. Che io sappia, la legge non la prevede, ma ritenete necessaria (o solo OPPORTUNA) la condizione sospensiva dell'omologa? i soci diventano illimitatamente responsabili, per cui chi può opporsi?? Non rispondete "lo dice Firenze", ma argomentate grazie Negli studi/quesiti che ho trovato dicono "opportuna"
  3. Perizia di stima nei conferimenti

    Buonasera…. Stavo facendo mente locale sulla disciplina delle società di capitali: per fare il punto della situazione e mi trovo con un dubbio: se trasformo una spa in srl (o viceversa) NON mi serve una perizia di stima... se trasformo una snc in spa (o srl) SERVE... se conferisco in spa (o srl) una quota snc SERVE la perizia... DOMANDA: se conferisco in spa (o srl) quote di srl (o azioni spa) serve questa perizia? è un conferimento in natura (quindi direi di sì) (lasciamo perdere casi "limite" di quotate, fair value, ecc). Secondo me la perizia servirebbe, ma in caso di trasformazione no… quindi?
  4. trasformazione da spa a snc

    una spa ha: 1- emesso un prestito obbligazionario convertibile non ancora scaduto 2- acquistato azioni proprie ora vuole trasformarsi in snc allora: circa il p.o.c.: in atto come scrivo che c'è il consenso degli obbligazionisti alla novazione in prestito ordinario? devo allegare qualcosa? o è una semplice dichiarazione del presidente? circa le azioni proprie: come mi regolo? riduco il capitale annullandole?
  5. Buongiorno a tutti, Alfa snc si vuole trasformare a maggioranza in Alfa srl. Vuole che la trasformazione non sia efficace dall'iscrizione nel RI, ma dopo 50 giorni. Allora, presupposto che anche nella trasformazione si possa porre il termine iniziale, la mia domanda è: IL RECESSO ex 2500 ter: 1) ha effetto subito o dopo i 3 mesi? perchè, altrimenti, questo recesso, lo considero "per giusta causa"? 2) i 6 mesi per liquidare la quota li considero: A) dalla data della decisione B) dalla data di iscrizione C) dalla scadenza del termine iniziale
  6. Buonasera, Premetto che sono nuovo del forum e pertanto, se ho sbagliato ad inserire il topic nella sezione sbagliata chiedo scusa. Ho un problema: la società in cui risulto dipendente sta per essere trasformata da Srl in Snc, per sistemare il discorso debiti. Attualmente i soci sono 5 e nessuno di loro ha la maggioranza. La mia domanda è questa: è possibile innanzittutto, che alcuni soci possano ritirarsi dalla società in trasformazione? Se si, come vengono redistribuite le quote societarie? Grazie.
  7. Generalmente si afferma che la riduzione reale contestuale alla trasformazione è soggetta ai termini di cui agli art. 2445, 2304 e 2482, atteso che in tema di trasformazione non vi è alcun termine di opposizione, al contrario di quanto avviene in tema di fusione e scissione, ciò da cui deriva che la riduzione in questione si traduca in una delibera ad hoc, logicamente antecedente alla trasformazione stessa. Mi chiedevo se lo stesso principio operi anche con riferimento alla trasformazione eterogenea, stante il disposto dell'art. 2500-novies, o se invece, in tal caso, la riduzione possa essere deliberata contestualmente e ritenersi soggetta a tale ultimo termine di opposizione. Grazie a chiunque voglia rispondermi!
  8. Ciao a tutti, secondo voi, nel caso in cui in una s.n.c. che intende trasformarsi in una s.r.l. vi sia un soggetto che "durante societate" è stato dichiarato incapace (interdetto), quali autorizzazioni servono perchè presti il suo consenso alla trasformazione della società? - Io ipotizzavo, in primis, un'autorizzazione ex 371 ult. co., tuzioristicamente, in quanto, anche se per alcuni non sarebbe necessaria alcuna autorizzazione per la sopravvenuta incapacità del socio di snc, secondo me è più prudente comunque farlo autorizzare in quanto, sarebbe comunque soggetto a responsabilità illimitata, esposto al fallimento ecc..anche se solo per un'istante logico prima della trasformazione. - A questo punto mi chiedo, quale ulteriore autorizzazione è necessaria per fargli prestare il consenso alla trasformazione da s.n.c. a s.r.l. (posto che mi sembra più prudente aderire alla tesi per cui l'autorizzazione ex 371 non comprende anche i singoli atti di impresa)? Io pensavo al 374 co.1 perchè forse la fattispecie si potrebbe ricondurre ad un acquisto di beni... (quota s.r.l.). Grazie!!!
×