Maveri

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    206
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

16 Good

Su Maveri

  • Rank
    Silver member
  1. La tesi prevalente la ammette (Perlingieri). Al concorso credo sia meglio considerare l'accordo intervenuto tra le parti non già come compensazione vera e propria, bensì come volontà di remissione da parte del titolare del diritto all'adempimento dell'obbligazione civile "collegata" alla esistenza di un dovere morale o sociale dello stesso nei confronti dell'altra parte. L'obbligazione naturale come tale non è vincolante e dunque tecnicamente si avrebbe una remissione piuttosto che una compensazione.
  2. Grazie a papà...(p.s. non so di chi stiate parlando ma vi posso assicurare che in più di 8 anni di concorso ne ho viste davvero troppe!) Ciao
  3. La trasmissione del diritto di accettare l'eredità (e non il legato) non opera in caso di legato che si acquista senza bisogno di accettazione. Pertanto, qualora sussistano i presupposti per la rappresentazione e sempre che non si tratti di legato di usufrutto, il legato sarà acquistato dal rappresentante. Maveri
  4. La società Alfa acquista un credito del valore di 10 garantito da ipoteca iscritta per 20 (capitale + interessi) senza effettuare l'annotazione prevista dall'art. 2843 c.c. Successivamente il creditore iscritto (con il benestare del cessionario) rilascia consenso alla riduzione dell'ipoteca da 20 a 5 e viene iscritta la relativa annotazione. Oggi la società Alfa intende annotare la cessione. Da qui il quesito: l'imposta ipotecaria pari al 2% si calcola sul valore dell'ipoteca iscritta (cioè 5) o sul valore del credito garantito + interessi (cioè 20) ? Grazie a chi vorrà cimentarsi. p.s. la questione, posta all'attenzione di due notai, ha avuto risposte differenti.
  5. Locazione 3+2 ovvero transitoria fino a 18 mesi (se nn ricordo male).. Maveri
  6. La condizione di riversibilità è condizione risolutiva si praemoriar..ricordati di specificare che la premorienza è riferita al solo donante. Maveri
  7. Non si sa più a che santo votarsi!! Comincio ad accusare un pò di stanchezza..
  8. E si infatti l'ha devoluta con un tasso di interesse del 9% annuo!!
  9. Mi spiace che tu non abbia colto il senso del mio discorso. A mio parere non vale la pena arroccarsi su posizioni che ad oggi non possono essere più sostenute..Ad esempio: all'indomani della semplificazione in materia di cessione di quote di srl il notariato con alcuni degli esponenti più in vista, primo fra tutti Petrelli, ha inteso spendere fiumi di inchiostro per spiegare come la competenza ai commercialisti non escludesse l'autentica notarile. Il tutto incoraggiato da un giudice veneto che interpretando la norma (scritta male) diede ragione ai notai i quali si affrettarono ad organizzare convegni in cui portare la toga illuminata a spiegare le motivazioni della sua decisione. Orbene tutto ciò non fece altro che indebolire il notariato lanciatosi, a mio avviso inavvertitamente, in una guerra tra poveri. La ratio della norma andava infatti verso un effettiva semplificazione in materia. Orbene il legislatore è intervenuto nuovamente, come sappiamo estendendo elpicitamente ad altre categorie la possibilità provvedere alla cessione di quote nelle srl senza la necessità dell'autentica. In quella occasione sarebbe stato forse più proficuo un dibattito sulla responsabilità dei notai (diversa da quella dei commercialisti) in caso, ad esempio, di cessione in spregio di vincoli alla circolazione e sulle diverse e maggiori garanzie in caso di cessione fatta dal notaio. Tutto ciò per dire che a volte, posta l'insostituibilità della funzione notarile, non è utile ed anzi secondo me anche dannoso cercare di difendere ad ogni costo le competenze in settori in cui il legislatore ha inteso o intenderà estendere ad altri soggetti, ma sarebbe più opportuno puntare sulla qualità e l'efficenza del servizio reso. Per il resto, a parte la considerazione per cui nelle file di SEL e PD credo ci siano molti esponenti di quella che tu chiami "vera sinistra" non credo davvero che la funzione notarile sia seriamente minacciata, come tu paventi, da un Bersani, Vendola o chiunque andrà al governo (forse ad eccezione di Grillo). Cordialmente. Maveri
  10. Quoto in pieno m.10 che meglio di me ha saputo esprimere il punto della questione. In verità caro notaio Dario credo sia del tutto fuori luogo vedere nella sinistra una minaccia così pesante poer il notariato. Gli avvocati ed i commercialisti che sarebbero beneficiati dalle paventate riforme sono più di destra che di sinistra, mi creda. Ricordo ancora un articolo di qualche anno fa a firma di Oliviero Diliberto (non proprio un fascista!) e pubblicato su notariato in cui si definiva come insostituibile la figura del notaio e si riconosceva la centralità e l'importanza della funzione notarile. In più spero davvero che chiunque vinca cerchi di avere una visione di insieme mettendo mani non tanto per favorire l'uno o l'altro professionista o categoria. c'è un paese da rimettere in piedi e non conviene a nessuno arroccarsi in un castello d'avorio utilizzando come vessilo la preparazione e gli anni di studio per superare il concorso o l'affidabilità dei notai. Se fuori da quella torre d'avorio c'è solo desolazione nulla potrà salvare il notariato e prima ancora il paese da un default che avrà (quello si) effetti catastrofici. Occorre altresì capire che quello che sinora sembrava un porto sicuro per il notariato si è rivelato uno tsunami per il paese e pertanto, a mio avviso è ora di cambiare. Queste le mie riflessioni condivisibili o meno. Con stima. Maveri.
  11. Con grande rispetto per le opinioni altrui credo che questo catastrofismo volta ad affermare l'ipotetica fine del notariato qualora vinca la sinistra credo sia davvero fuori dal comune e del tutto fuori luogo Pertanto o il Notaio vuol fare campagna elettorale ovvero sa qualcosa che noi non sappiamo e mi piacerebbe sapere dove reperisce le sue informazioni. Maveri
  12. A non è leso nella quota di legittima. Quindi niente riduzione anche se la moglie rinunzia all'azione,poiché seguendo la Cassazione la quota spettante alla moglie si accresce alla disponibile di cui il morto ha già disposto. Circa i diritti successori "futuri" (a parte acquistare il diritto di agire in riduzione) non credo possa fare alcunché fintanto che la madre sia ancora in vita. Maveri