Vai al contenuto

alexander1981

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    378
  • Iscritto

  • Days Won

    13

alexander1981 last won the day on May 25

alexander1981 had the most liked content!

Reputazione Forum

85 Excellent

1 Seguace

Su alexander1981

  • Rank
    Gold member

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Torino

Visite recenti

4728 visite nel profilo
  1. Risposta random: solitamente si fa prestare acquiescenza e (contestualmente) rinuncia ad agire in riduzione che, in quanto tali, sono atti suscettibili di revoca da parte degli aventi diritto (es.: creditori del rinunciante o suoi eredi), in ogni caso, ciò che asserisce uno dei figli ritengo non corrisponda al vero (vuole solo rompere le scatole e prendersi la legittima ma non ha il coraggio di ammetterlo, magari sobillato dalla moglie/compagna, come solitamente avviene)...
  2. Ti ho risposto con un messaggio privato, leggilo con calma, è "chilometrico"; se dovessi avere bisogno, scrivimi in pvt. In bocca al lupo per la tua nuova vita all'estero
  3. Contatta il Notaio al quale ti eri rivolto per stipulare l'atto di acquisto e fagli presente - in modo civile e con cortesia - il problema, lui sa bene cosa fare (il costo è di circa 500,00 Euro). In bocca al lupo
  4. Leggo solo adesso: bene, molto bene, continua così e poi speriamo che tu possa tornare a concentrati sul concorso, NON MOLLARE! Un grosso abbraccio Alexander
  5. Anche a me pare un'assurdità, oltre che un abominio giuridico ma quello che più conta, purtroppo, è che molti Notai non sarebbero poi così contrari all'idea perchè gli verrebbero assegnate molte altre funzioni (per es. in ambito di separazione/divorzio) ma avrebbero uno stipendio pari a quello di un magistrato e la relativa responsabilità; proprio lo stipendio sarebbe superiore a quello di molti Notai (infatti quelli contrari a tale eventuale riforma sono i Notai che hanno il giro d'affari maggiore, mi ricordo ancora quanto fosse adirato un Notaio-senatore - quando venne la sera tardi da noi in Studio - al solo parlare di tale ipotesi di riforma). Il problema maggiore sarebbe il ricollocamento del personale degli studi notarili: non potrebbero diventare dipendenti pubblici senza un concorso e sarebbero - loro sì - un peso economico ritenuto "inutile ed eccessivo". In ogni caso, vedremo presto, a settembre/ottobre..
  6. Guarda, fin da quando sono piccolo ho posto ed ho sentito porre - in famiglia e con amici di famiglia - le due seguenti domande: "Ma non è che mettono la patrimoniale?" et "Ma non è che ci riducono a semplici dipendenti pubblici?" ed ogni volta la risposta era un largo sorriso seguito dalle rassicuranti parole "ma figurati, non succederà mai.."; ebbene, negli ultimissimi tempi, la risposta è un semplice scuotere il capo ed uno sguardo che vaga nel vuoto, come dire: "non so cosa dirti, oramai tutto può succedere.." P.S. Nell'ultima settimana, parlando con tributaristi e commercialisti, l'impressione è che si vada verso una patrimoniale ancorata alle giacenze al 31 dicembre 2019 o 1°gennaio 2020, con buona pace di chi vorrebbe "salvare il salvabile", anche i clienti chiamano martellando in continuazione sul punto..
  7. Ciao pearl, leggere le tue parole mi ha fatto ricordare quelle (pressochè identiche) di un mio carissimo amico che ha gettato la spugna perchè non si riteneva all'altezza e perchè scoraggiato dalle limitate aspettative di guadagno a fronte di - a suo dire - eccessive responsabilità professionali, del tutto estranee all'attività di avvocato (che ha preferito intraprendere a Londra). Ti confesso che sarebbe stato un ottimo Notaio (oltretutto, è un amico leale da più di 30 anni) e sapere che il Notariato ha perso un simile elemento, mi fa male.. Non posso fare altro se non esortarti a continuare nel percorso intrapreso anni addietro, concentrarti sull'obiettivo con tutta la rabbia e le forze che hai ancora in corpo, sparare le cartucce che ti rimangono e poi lasciar fare alla sorte (o a Dio, se ci credi..). Se può esserti di aiuto, sappi che, alla luce delle misure draconiane (sempre suggerite dalle istituzioni europee e puntualmente rinviate dai nostri governanti ma che saremo costretti ad attuare, a causa dei forzieri oramai vuoti della nostra amata Repubblica), si parla con sempre maggiore insistenza della riduzione a meri pubblici ufficiali dei Notai, con conseguente acquisizione della florida Cassa da parte del nostro sistema previdenziale pubblico (in sostanza, i Notai perderanno l'aurea di imprenditori ma avranno la certezza di uno stipendio mensile, alla stregua dei giudici). So che molti hanno iniziato questo percorso - giustamente, dal loro punto di vista - mossi dal desiderio di guadagni copiosi e certi (non so se tale ragionamento valga anche per te) ma, purtroppo, le aspettative sono mutate e, a dire di alcuni, non necessariamente in peggio.. In ogni caso, se vuoi avere ragguagli circa i guadagni effettivi dei Notai, sappi che molto difficilmente un Notaio ne parlerà con onestà in pubblico: sarà portato a sproloquiare per non fare la figura dello "sfigato" e per non perdere la faccia davanti agli altri; ti basti sapere che un mio amico - compagno di studi concorsuali - quando mi ha telefonato per darmi la buona nuova della nascita del suo secondogenito, mi ha confessato che l'unica cosa di cui si pente è l'aver mollato lo studio legale avviato con il fratello per fare il Notaio ma mi ha detto che se lo ammettesse pubblicamente, verrebbe deriso e perderebbe anche l'invidia sociale, che una volta era tanto odiata dai Notai ma, oggi, è "una delle poche cose belle rimaste della Professione". In sostanza: fregatene di cosa dicono gli altri, passa 'sto concorso (come direbbero a Roma) e poi decidi - con tutta calma - cosa fare. Importante: non permettere che questo concorso ti annulli come persona e, soprattutto, non permettere che ti allontani dalle persone a te care, l'unica cosa che conta veramente a questo mondo;-) Un abbraccio, in bocca al lupo ADGH
  8. Le possibili opzioni sono: -vergogna/senso del pudore -buonsenso (magari non ne hanno strettamente bisogno - per il momento - grazie a risparmi che hanno accumulato nel tempo o all'aiuto delle rispettive famiglie) -paura di ricevere un accertamento dall'Agenzia delle Entrate (probabile) -magari già ricevono l'integrazione da parte della Cassa -si sono dimenticati di fare la domanda -sono arrivati tardi ed il sito era già andato in crash..
  9. Ciao, scusa per il ritardo: l'ho consigliato a Valerio perché ha detto di essere all'inizio del suo percorso di studio. Il codice commentato è importante perché - soprattutto nella fase iniziale dello studio - permette (se si conosce dove cercare) di avere un sunto dell'istituto (senza perdersi in decine di pagine sui manuali), delle posizioni dottrinali ma, soprattutto, delle pricipali sentenze (specie di Cassaz.). Per me è stato importante quando ho dovuto risolvere i problemi pratici di Studio da novello praticante neo-laureato (mi ricordo il primo quesito che mi sottoposero i miei notai: donazione con condizione di riversibilità ed un ulteriore patto limitativo aggiunto) ed i primi problemi della specializzazione di societario. Man mano che si approfondisce la propria preparazione, naturalmente, lo si abbandona (sperando di avere già tutto in testa) e, infatti, non ne ho mai acquistato uno (anche perché con il primo stipendio da "Dottorino di studio" non me lo sarei potuto permettere, costano parecchio, usa quello della biblioteca dello Studio ove svolgi la pratica).
  10. Se si è fatta l'università come si deve, è più opportuno non perdersi nello studio di monografie che rischiano di essere eccessivamente dispersive. Dei vari tomi riportati, è più che sufficiente studiarne (bene) 4 o 5, oltre ai volumi di casi sistematici (percorsi giuffrè), una rivista onnicomprensiva e consultare un formulario (quello dello Studio ove si fa pratica) e - eventualmente - un codice commentato.. Impara a sfruttare al meglio il tempo che hai a disposizione, recati in Studio il meno possibile (e quando ci vai cerca di essere una "spugna") ed evita di seguire in contemporanea varie scuole (scegline una e seguila senza cambiarla, rischieresti di approdare ad una scuola che ha una diversa visione prospettica, il che ingenererebbe ulteriore confusione oltre a quella che naturalmente affolla la mente di un candidato). Benvenuto ed In bocca al lupo ADGH
  11. @pearl2: perdonami per il ritardo nel risponderti. La prima persona con la quale ho parlato me lo ha detto di sua sponte, mentre la seconda me lo ha confermato, dietro mia espressa domanda in tal senso. Tieni conto del fatto che erano telefonate per farci i rituali auguri e scambiarci opinioni sull'andamento della professione (e non mirate ad avere notizie sul concorso) con persone che "non parlano per il piacere di farlo" e, quindi, credo loro ciecamente. In ogni caso, avremo già una conferma/smentita tramite quanto verrà deciso per il prossimo concorso di magistratura. Spero di esserti stato utile. A presto, buon lavoro
  12. Le due persone con le quali ho parlato non me ne hanno fatto alcun cenno; in linea tendenziale, sarei propenso ad escludere un'eventuale riapertura dei termini, mi dispiace
  13. Scrivo questo post pubblico anche per rispondere ai tanti che mi hanno scritto in pvt. Ad oggi nemmeno i componenti del CNN sanno con certezza quando e dove si terrà il prossimo concorso; a febbraio l'ipotesi degli scritti a fine giugno/inizio luglio non era poi così peregrina, mentre pochi giorni fa mi è stato detto che (nello stesso interesse del Notariato, alla luce della gravissima crisi che colpirà - purtroppo - anche la categoria) sarebbe opportuno rinviare gli scritti il più possibile (cioè ottobre 2020 o aprile 2021 e coinciderebbe con quanto aveva scritto "Condono" qualche giorno fa sullo slittamento non casuale dell'entrata in servizio dei neo-Notai) e che gli scritti si dovrebbero tenere - in ogni caso - alla Nuova Fiera. In sostanza: il rinvio si fa sempre più probabile e gli scritti si dovrebbero tenere a fine ottobre/inizio novembre (l'alternativa è fine marzo/inizio aprile 2021) alla Nuova Fiera di Roma; questo è quanto, non ho avuto modo di fare il solito giro di telefonate per avere ulteriori conferme, mi dispiace.. Per cortesia, non avendo modo di consultare il forum continuativamente, Vi prego di non scrivermi in pvt. Un abbraccio a tutti i i ragazzi del forum, state accanto ai vostri cari
  14. Naturalmente no (altrimenti mi toglierebbero il saluto fino alla fine dei miei giorni); in ogni caso, sono studi (inter-professionali) che hanno decine di dipendenti ciascuno e - in condizioni normali, prima della crisi Covid-19 - fatturano milioni di Euro ed i cui seniores hanno guadagni nell'ordine di più di un milione di Euro l'anno ciascuno (te lo posso garantire)
  15. Cmq, non per fare terrorismo ma per rendere l'idea dell'impatto sul mondo notarile, sappiate che i tre maggiori studi a livello nazionale (di due città diverse) stanno mettendo in cassa integrazione il personale...
×
×
  • Crea Nuovo...