RosaciclicO

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    12
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutral

Su RosaciclicO

Informazioni del profilo

  • Sono
    Femmina
  • Corte d'Appello
    Bologna

Visite recenti

327 visite nel profilo
  1. Riprendo questa discussione di qualche anno fa per chiedervi se per le parti indecifrabili il notaio nella riproduzione del testamento si limita a saltarle (avendo già descritto la loro collocazione nella descrizione della scheda) oppure inserisce anche qualche riferimento (ad es uno spazio, dei puntini)? grazie
  2. anche a me è piaciuto molto il Casetta.
  3. No, infatti non è necessario farlo! Io spesso lo faccio perchè mi sembra "brutto" non menzionarli quando, come in questi casi, cancello quasi tutti ..... e () e pochissime parole. In ogni caso sto dando una informazione più completa di quella richiesta dalla legge. A scuola non mi è mai stato corretto nè quando li ho menzionati nè quando non l'ho fatto.
  4. Io di solito oltre alle parole conto anche i puntini e le parentesi come "segni grafici", ma non è necessario farlo.
  5. Ciao a tutti, cerco il quesito n. 697-2014/C, Il potere dell’amministratore di condominio di cancellare ipoteca giudiziale iscritta in favore del medesimo condominio. Qualcuno può postarlo? Grazie
  6. A me è arrivata ieri
  7. Anche a me con una e-mail personale Thunderbird dice che la connessione è stata rifiutata... :(
  8. io ci sarò!
  9. tu hai frequentato il corso base? e prima come ti eri preparato? io sono proprio all'inizio e la mia paura non è tanto quella di arrancare all'inizio per la difficoltà delle lezioni, quanto quella di non riuscire da sola a farmi le "basi" (vuoi anche solo perchè non so che testi scegliere...quali argomenti sono da approfondire di più...e magari la guida di una scuola potrebbe tornarmi utile) o di non avere quel minimo di conscenze necessarie per risolvere i casi (o per sapere da dove iniziare cercare una soluzione!).
  10. Anche io vorrei iniziare il prossimo anno scolastico un corso base, ma al contempo non così base da risultare praticamente inutile ai fini concorsuali! per questo pensavo di fare il corso base di genghini, però visto che sono solo 2 ore a settimana ho paura che si concentri solo sulla soluzione e spiegazione del singolo caso. pensavo di provare a frequentare in aggiunta una scuola di un consiglio notarile, ad esampio la anselmo anselmi(che sviluppa il programma su un anno solo...siceramente due anni per avere un'idea generale di cosa dovrò affrontare mi sembrano troppi...prferisco magari fare qualcosa di più specifico più avanti, quando avrò almeno un'idea generale dei "confini" che deve avere la mia preparazione). qualcuno ha già provato questa combinazione? cosa ne pensate? grazie!