Vai al contenuto

Chiaraeffe

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    4
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Informazioni del profilo

  • Sono
    Femmina
  • Corte d'Appello
    Trento

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Grazie mille dell’incoraggiamento...per fortuna il corso per quest’anno è coperto (😊), certo che le spese abitative, i libri e il diletto rimangono comunque da (auto-) finanziare😂 Intanto in bocca al lupo per il tuo addottoramento🙃😉
  2. 🍀🌶🌶🍀. Il problema semmai è che....non troppi di quel 25% stia molto sotto, vista la fatica🤣
  3. Se studiassi per il portafoglio, forse sarebbe il caso di volgersi a lidi diversi dal notariato e dal dottorato, visto che non ho santi in paradiso (i.e. baroni) o ancore di salvezza (i.e. parenti titolari di studi forensi o notarili). 😉
  4. Buonasera a tutti, sono una novella aspirante notaio. Mi laureerò a brevissimo (ottobre) e inizierò a frequentare la Viggiani🤩. Sin dal terzo anno di università, ho iniziato a maturare l'idea di curare ANCHE la carriera accademica che, almeno in Italia, pare essere ancora più aleatoria del concorso notarile (😡). L'ambito che mi interesserebbe è quello del diritto commerciale. In realtà mi sono già iscritta a un paio di concorsi (Cattolica e TN), di cui sosterrò la prova scritta fra pochi giorni con speranze praticamente a zero visto che: 1)non sono una "predestinata"; 2)ho studiato davvero poco a causa dell'impegno richiestomi dalla redazione tesi. Ma al di là di ciò, che mi dite: a) della COMPATIBILITà fra PREPARAZIONE CONCORSUALE (da zero praticamente) e DOTTORATO DI RICERCA in COMMERCIALE...eventualmente, QUANTO e COME si possono sovrapporre? b) ha un SENSO LOGICO? Può essere un connubio proficuo? Grazie a tutti e vi prego abbiate pietà dell' "entusiasmo del principiante"...anche perché sono assai testarda 😂
×
×
  • Crea Nuovo...