Vai al contenuto

Ellis Island

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    3
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutral

Su Ellis Island

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Roma
  1. Scelta Scuola Notarile

    Ciao Antonio, sto per laurearmi in giurisprudenza e da un po' ho pensato di intraprendere la strada notarile, piu' che altro perche' -puo' sembrare strano- non mi e' mai piaciuto il mondo del tribunale e della "lite" per parafrasare Carnelutti. Meno che meno le procedure. Mi interessano piu' figure di garanzia. Conosco di nome il notaio Sabatelli. Conosco la storia del grande Maestro Capozzi, e so che era conosciuto per la sua grande chiarezza. Volevo, pero', che mi togliessi una curiosita': cosa si intende precisamente per metodo capozziano? P.s ovviamente so che lo studio personale debba essere la base della propria preparazione, io stesso non ho mai trovato alcun giovamento dalla lezioni universitarie. A casa da solo, invece, ho quasi sempre capito il 95% di quanto leggevo. Forse non ho memoria uditiva, non lo so 😂
  2. Consigli a studente di Giurisprudenza

    Vi ringrazio delle risposte. Essendo di Roma ho letto pareri positivi sulla scuola del notaio Palazzi, in quanto pare che insegni bene a leggere la traccia: ho percepito che al concorso e' fondamentale non uscire troppo fuori dal seminato. Inoltre potrei rimanere nella mia citta'. Allo stesso modo mi hanno parlato bene anche di Genghini, che avrebbe anche un corso base. Pare che invece qui la forza della scuola siano tracce "impossibili" per abituarsi a casi estremi. Senza voler scendere in discussioni stile squadre di calcio, voi cosa ne pensate delle suddette scuole? P.s l'impostazione dello studio da me riportata e' del Notaio Dario Ricolo, mi sono informato anche su di lui, ma credo abbia solo corsi online
  3. Consigli a studente di Giurisprudenza

    Un saluto a tutti, scusatemi se da semplice studente di giurisprudenza del quarto anno mi intrometto tra voi, ma desideravo avere un confronto con voi praticanti. Ho 22 anni, mi mancano pochi esami alla laurea (di fondamentale mi manca solo procedura penale). A istinto posso affermare di non essere attratto in maniera particolare dal mondo processuale, nutrendo, invece, particolare interesse per una figura di garanzia quale quella del notaio (il famoso "tanto piu' notaio, tanto meno giudice"). Sono informato sul mondo dei concorsi, per quanto resti un concorso davvero selettivo, attualmente pare che statisticamente sia piu' difficile vincere quello per la magistratura ordinaria, che inoltre essendo teorico trovo che sia meno oggettivo: ho conosciuto un assistente universitario idoneo che ha candidamente espresso di essere rimasto sorpreso dal risultato. Dato che ho le idee chiare, sempre con un occhio agli ultimi esami, vorrei prendere vantaggio sui miei coetanei ancora indecisi sul post lauream. Ho letto un articolo di un Notaio famoso nell'ambiente, arrivato primo nel concorso che vinse, che consigliava -contrariamente a chi dice di partire da Contratti e Obbligazioni- di iniziare lo studio dalle Successioni e Donazioni e contestualmente iniziare sin da subito a redarre atti mortis causa, perche' -a suo detta- rappresenta la tipologia piu' semplice. In secondo luogo attaccare con Civile, tenendosi qualche momento per ripassare successioni, e iniziare con atti molto base inter vivos. Alla fine passare a commerciale, iniziare con verbali di Assemblee ecc e ripassare le prime due materie. Voi che ne pensate di questo approccio? Ho fissato bene in testa che e' importante scrivere fin da subito, perche' quando "arrivera' la mia ora" a Roma dovro' redigere un atto privo di nullita' , completo di motivazione e parte teorica, quindi e' importante non solo la teoria, ma tanta tanta pratica (e infatti credo che scegliero' una scuola incentrata su questo). Secondo voi, fermo nel volermi imbarcare in questa impresa titanica -conosco bene anche le dinamiche dei giovani notai, pare che la professione non sia come un tempo- faccio bene ad anticiparmi, e come impostereste il mio percorso? P.s. Ovviamente tutto questo alla luce dei 18 mesidi pratica che dovro' fare. Un grazie a chi mi rispondera'
×