Vai al contenuto

politicalscorrect

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    267
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

11 Good

Su politicalscorrect

  • Rank
    Silver member
  1. trasformazione con socio d'opera

    Mi hai sgamato!!!! Comunque sono d'accordo sulla prostituzione concorsuale, ma per ragionare, ogni tanto, qualcosa la si può dire!!! Se tutto è parametrato agli utili, che senso ha dover "capitalizzare" il socio d'opera? Se il capitale della s.n.c. fosse diviso in parti uguali tra due soci di cui uno d'opera e a quest'ultimo fossero attribuiti utili nella misura del 70%, in sede di trasformazione a quale quota ritieni giusto paramentrare l'assegnazione delle quote??? Per quel che vale, riterrei agli utili...e se così fosse...che senso ha pensare al capitale della s.n.c.?
  2. trasformazione con socio d'opera

    se ritieni di dover aggiungere qualcosa...leggi la massima di Milano 55 Si, infatti, mi riferivo alla norma oggetto della discussione: La trasformazione con socio d'opera.
  3. trasformazione con socio d'opera

    .
  4. SCUOLE NOTARILI: DITE LA VOSTRA...

    e che dubbio c'è??? Notai Santangelo, Romano e Luongo...ma sono di parte!!!
  5. SCUOLE NOTARILI: DITE LA VOSTRA...

    Ne sono convinto, più si impara e più si ha necessità di nuove fonti, ma il problema è metodologico: preferisci chi ti insegna a risolvere i problemi o chi ti dà la soluzione al singolo problema? Personalmente, ma è soggettivo, preferisco di gran lunga chi mi aiuta nel ragionamento...i corsi solo casistici sono adatti per ripetere e approfondire singoli profili problematici...ma è solo la mia idea
  6. SCUOLE NOTARILI: DITE LA VOSTRA...

    Ritornando all'oggetto del sondaggio, per me la scuola ideale è la Casale di Napoli con i suoi due corsi di perfezionamento in societario e successioni. I notai Santangelo e Romano sono due Docenti (con la D maiuscola) unici.
  7. Termini ricorso?

    Non sono sicurissimo, ma non credo si applichi la sospensione feriale. Il termine decorre, sicuramente, dalla pubblicazione dei risultati, ma attenzione: il 7 giugno erano già pubblici con affissione al Ministero.
  8. Qualcuno ha vita notarile del 1996?

    Sto cercando un articolo di Palazzo (I trusts in materia successoria) pubblicato in Vita notarile 1996, pg. 671 e ss. Se qualcuno fosse in grado di aiutarmi... Grazie mille!!!
  9. vizio occulto e condominio

    E già, il dubbio è proprio questo e la giurisprudenza citata non lo risolve. Prima di girarVi il quesito, infatti, ho fatto un pochino di ricerca giurisprudenziale, ma sullo specifico punto...il deserto dei tartari!!! Comunque, il mio problema non è di tipo "avvocatizio", non devo rendere un parere pro veritate, nè iniziare una causa...ma, quale praticante, dovrei dare una risposta sensata (nei limiti delle mie capacità) ad un cliente. Certo, da un punto di vista di "giustizia", se è possibile chiedere una riduzione del prezzo nel caso di vizio occulto del bene venduto, sembrerebbe "giusto" poter chiedere una riduzione del prezzo nel caso in cui a causa di un vizio occulto del condominio l'acquirente sia tenuto a sopportare spese non prevedibili!!! Tuttavia, da un punto di vista del diritto, in assenza di un dato testuale come l'art. 1490 e in assenza (forse) di orientamenti giurisprudenziali...dovrei dire che sono cavoli dell'acquirente...res perit domino!!! Mi sa che devo fare una più approfondita ricerca in dottrina!!!
  10. vizio occulto e condominio

    Grazie del contributo di ciascuno, ma il mio dubbio, sostanzialmente, è il seguente: Così come il l'acquirente può ottenere dal venditore una diminuzione del prezzo in caso di vizio occulto del bene venduto, può l'acquirente rivolgersi al venditore anche per il caso in cui il vizio occulto si riferisca a parti condominiali? Oppure, l'acquirente subisce inevitabilmente il maggior onere condominiale, nonostante che tale maggior onere derivi da un vizio occulto del condominio? Grazie mille
  11. vizio occulto e condominio

    Ho il seguente caso da sottoporvi: --- Tizio acquista da Caio la proprietà di un appartamento, facente parte di un condominio; --- Tizio, pochi giorni dopo la vendita, si accorge di un grave danno al tetto condominiale; --- Tizio denuncia la scoperta del vizio; --- l'assemblea delibera la riparazione del tetto. Mi e Vi chiedo, gli oneri per la riparazione del vizio sono a carico dell'acquirente Tizio, ovvero del venditore Caio?
  12. scissione asimmetrica

    Ma la società X, che fine fa?
  13. H.G.22 triveneto

    Secondo me, dipende dalla corrispondenza della proposta contenuta nel versamento in conto futuro aumento all'accettazione contenuta nella delibera di aumento. Se proposta ed accettazione coincidono il contratto è concluso. Il contratto è anche concluso qualora le parti abbiano espressamente previsto l'efficacia dello stesso nonostante la non perfetta coincidenza di proposta ed accettazione.
  14. Collazione e lesione di legittima

    Su quest'altra avrei qualche dubbio, forse Primo deve rinunciare all'eredità. Quando l'art. 737 dice che non ci deve essere lesione di legittima si dovrebbe riferire alla dispensa da collazione che è efficace nei limiti della legittima.
×