Vai al contenuto

Unmask

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    173
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    6

Unmask last won the day on May 23

Unmask had the most liked content!

Reputazione Forum

46 Excellent

Su Unmask

  • Rank
    Member

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Ancona

Visite recenti

497 visite nel profilo
  1. Avevo pensato anche questa soluzione, ma alla banca (a parte le difficoltá di spiegare ai funzionari cosa sia l azione di restituzione) teme che possano venire fuori figli naturali della mamma defunta non noti (cm se la signora, venendo fuori da un film in tipico stile anni '80, dopo anni trascorsi sul marciapiede, prima di abbandonare la "vita di strada", avesse messo alla luce un figlio e lo avesse abbandonato all i gresso di un orfanotrofio in una cesta senza mai far parola con nessuno dell accaduto). Pertanto, la rinunzia da parte della figlia non sarebbe sufficiente. C é sempre il rischio dell erede che viene da lontano... Ps: a parte il fatto che, se proprio proprio, é piu facile che sia il padre/marito ad avere figli non noti, ma x fortuna nn han pensato a questa evenienza 😅
  2. É un problema che mi son posto, tuttavia, a differenza della fattispecie che ricorre nell ipotesi normale del contratto con se stesso, qui manca un rappresentato, ovvero un soggetto in nome e per conto del quale viene posto in essere l atto ed a cui faccia capo un interesse che possa confliggere con quello della figlia 🤔 Ovviamente il tutto parte da una banca che non concede il mutuo se non si fa la risoluzione...non voglia mai saltino fuori figli nati al di fuori del matrimonio della madre defunta 😰 Peró, al di la del caso specifico, la questione mi sta dando da pensare piú del dovuto...
  3. Vi sottopongo un problema (probabilmente banale) che mi ha dato parecchio da pensare. Se si deve procedere alla risoluzione x mutuo dissenso di una donazione, avente ad oggetto un bene caduto in comunione legale, effetuato dai genitori alla figlia, cosa accade se nel frattempo la mamma é defunta ? Si puó fare ? Non si puó fare ? In tal caso chi interviene al posto della mamma defunta ? La figlia ed il coniuge in qualitá di eredi a lei subentrati anche nelle posizioni contrattuali facenti capo ? Anche nel caso la donazione abbia giá prodotto tutti i suoi effetti ? 🤔
  4. Meglio sicuramente, a mio avviso, di altri testi altrettanto blasonati... Se peró é come dici tu, senza prima ridurre e poi aumentare il capitale sociale, non riesco a capire come si faccia a mantenere le proporzioni partecipative tra i soci. Ad esempio, siam soci per quote uguali io, Tizio e SivioSantoSubito. Deliberiamo la trasformazione da snc a spa, ma con il voto contrario di Tizio. A seguito della relazione di stima si scopre che il valore del patrimonio netto é inferiore al minimo del capitale sociale richiesto di 3000 euro; servirebbero pertanto 3 versamenti da 1000 euro ciascuno, ma Tizio nn ne vuole sapere, mentre SilvioSantoSubito che é molto ricco si offre di versarne 2000, sopperendo cosí alla mancanza del versamento di Tizio. Si puó fare de plano, oppure é piú corretto ridurre il capitale e riaumentarlo offrendo in opzione le azioni agli altri soci (io e Silvio) ? Secondo me la seconda opzione, ma dal testo sembrerebbe intendersi diversamente...
  5. Chiedo lumi sulla seguente questione: In caso di trasformazione da societá di persone in societá di capitali, qualora in sede di revisione della stima risulti che i valori effettivi del patrimonio della societa di partenza siano inferiori di un valore che superi il quinto del capitale della societá di arrivo, sul Capozzi viene prospettata, quale alternativa alla riduzione del capitale, la possibilitá di versare la differenza. In ordine ai soggetti interessati, testualmente il libro parla di "soci che abbiano deliberato la trasformazione ed accettato il conseguente onere". Al di la delle possibili interpretazioni che si possono dare all espressione, per fugare ogni dubbio, non sarebbe piú corretto parlare di tutti i soci che, seppur dissenzienti, non abbiano esercitato la facoltá di recesso e che siano ancora in societá al momento della revisione ? O la riduzione puó essere evitata (senza il doppio passaggio riduzione ed aumento oneroso) anche se il versamento venga effettuato dai soli soci che abbiano votato favorevolmente la delibera ? Se cosí fosse mi sembra strano...
  6. Xche tutti vogliono fare il notaio imprenditore che fattura milioni, ma se lo fan tutti é la fine.
  7. Hai ragione su tutta la linea, ma secondo me, quel che walle e condono intendono dire e ripetono, é che il guadagno non é piu proporzionato allo sforzo. Resti parcheggiato chissa per quanto sui libri, mentre gli altri, magari meno bravi e preparati, lavorano. Un mio conoscente dell universitá, sul lavoro, in varie situazioni, mi ha chiesto perché non fare un prestito al posto di un mutuo gratuito che gli avevo suggerito far concludere; mi ha chiesto se per fare una procura era necessario che chi conferiva i poteri si recasse dal notaio o bastava solo il procuratore; mi ha chiesto la differenza tra una donazione di usufrutto ed una donazione con riserva della nuda proprietá. Lui peró gira in mercedes, io ancora no. Forse vogliono dire che dovendo studiare tanto é piu conveniente indorizzarsi verso altre strade. Cio non toglie che il notariato sia molto piu stimolante delle altre professioni legali sul piano intellettuale se si ama il diritto. In tal caso, ben venga, se c e la passione c e tutto. Io, personalmente, per tanti motivi, ho perso gran parte della mia.
  8. Oggi sono riprese le correzioni, che si svolgeranno di persona, di magistratura e di qualche altro concorso che adesso non ricordo.
  9. Grazie per le indicazioni; @pinturicchio81 il tuo non ancora, ma é tra i prossimi acquisti
  10. Buongiorno; da un punto di vista concorsuale, come suggerite di redigere le disposizioni indicate nel titolo ? Più precisamente, in ordine al legato di cosa di un terzo, il testo di casi a cui faccio riferimento (come altresì la traccia da svolgere) specifica nella disposizione che l'anello X è proprietà di Tizia. Tuttavia, non sarebbe meglio dire semplicemente che il testatore è consapevole che il bene non si trova nel suo patrimonio, senza null'altro specificare, in ossequio alla fondamentale regola che chi meno scrive meno sbaglia ?; in ordine alla disposizione avente ad oggetto un immobile, il testo cui facevo riferieimento lo indica nella disposizione facendo riferimento ai dati catastali. Tuttavia, anche qui, non sarebbe meglio limitarsi ad una descrizione del bene, tenendo conto che nella realtà lavorativa, al fianco del letto del testatore moribondo, difficilmente si hanno a disposizone i dati catastali ? Grazie
  11. Cos é tutta questa omertá...cosa é accaduto ???
  12. Cos é questa omerta costruita sul detto non detto...cos é accaduto ?
  13. Per ora, leggevo proprio pochi miniti fa, i test di ammissione a medicina, noti per l elevata affluenza di persone, son stati fissati i orimi di settembre. Il che lascia presumere che la situazione virus non ha piu, al momento, ha grosso rilievo circa la fissazione delle date. Per cui tutto puo essere e calibriamo lo studio/ripasso sul 10% di novembre cui faceva riferimento qualcun altro piu sopra.
  14. Ero un misto tra l ironico e l irresponsabilmente ottimista... E cmq i notai vecchi stampo, che credono nella personalita della prestazione, e che di "clerk" conoscono solo il Kent, sono in crisi da una vita oramai. La botta forte la prenderanno gli attifici...magari alzano gli onorari per compensare i numeri minori e si ritorna a respirare...chissá
  15. Si, cm dicdvo sopra, c é poco da ragionare. C é un dl che prescrive cautele (tuttavia, facoltative) per certi concorsi fino a fine anno; al contempo, allo stato attuale, son fissati per fine estate/inizio settembre i test di ammissione a medicina; mi pare anche un concorso x polizia o cose simili é calendarizzato per i primi di settembre. Le incognite sono troppe. L unica é aspettare e navigare a vista. Passo e chiudo.
×
×
  • Crea Nuovo...