Vai al contenuto

GioDema

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    93
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    9

Tutti i contenuti di GioDema

  1. Rettifica

    Rettifica
  2. Alienazione unico bene delfondo patrimoniale

    Ci sono diverse interpretazioni a riguardo. La verità assoluta se sia giusto in un modo o in un altro non c'è purtroppo, però una scelta la si può fare (sempre ben motivata come del resto alla fine)...personalmente opterei per lo scioglimento del fondo se si vende l'ultimo bene, per prudenza....ma poi tutto dipende anche da cosa ti fa intendere la traccia!
  3. Non sono necessari in quanto la presenza dei testimoni nei verbali di registrazione non è richiesta a pena di nullità dalla legge. Sta di fatto che per prassi e in quanto opportuni si inseriscono anche nei verbali di registrazione di testamenti pubblici. Nessuna nullità.
  4. Menzioni urbanistiche edifici

    necessaria la dichiarazione di vigenza
  5. Divieto di partecipare al funerale

    Il problema di questa richiesta è che può rimanere inattuata in quanto alla redazione del verbale di registrazione del testamento potrebbero aver già fatto il funerale
  6. Conviventi fondo patrimoniale?

    Perchè no?!
  7. Nuovo Bando

    si ipotizza fine marzo (dal 19 in poi) e poi ormai cosa cambia saperlo oggi o fra 10 giorni?! meglio aspettare 10 giorni per avere certezza che stare nel mondo delle ipotesi e delle previsioni.
  8. Nuovo Bando

    si saprà il 19
  9. Certificato di agibilita'

    Si può omettere....nella prassi però si inserisce sempre (rif. art. 1477 c.c.) per evitare eventuali responsabilità. La mancanza del certificato non comporta nullità dell'atto.
  10. Trasformazione omogenea e perizia

    confermo!
  11. Testamenti olografi con stessa data

    Secondo Capozzi l'esistenza di più testamenti uguali coincidenti non comporta la nullità o annullabilità, ma l'incompatibilità di quei lasciti che, avendo ad oggetto il medesimo bene, instaurano una situazione di incertezza sui beneficiari (in questo caso il denaro sul quale potrebbe aprirsi la legittima). Il notaio dovrà pubblicare i testamenti (ex 620 cc)
  12. mutuo sal o per liquidità

    Confermo Marcella!
  13. si esattamente quello che ho detto! non è necessaria, ma opportuna cioè che si può fare o meno se è ben motivata la scelta
  14. DDL per abolizione Tre consegne

    Direi proprio di no...ormai per questo concorso valgono le persone che si sono iscritte e nè tanto meno il Ministero attende che al Parlamento approvino definitivamente il testo. Passerebbero troppi giorni senza avere una scadenza...al massimo se ne riparlerà per il concorso successivo. Poi riaprire i termini significa posticipare il tutto.
  15. La motivazione che riesco a dare in questi due casi che hai prospettato è quella che, nel primo caso, non è necessaria, ma opportuna la revoca esplicita in quanto a seguito del decorso del termine non vi sono allo stato attuale creditori sociali che vantano loro diritti, mentre nel secondo caso, essendo in una situazione di perdite rilevanti ex 2447 c.c., si dovrà in qualche modo garantire i diritti dei creditori sul capitale sociale da re-integrare. In questo caso, quindi, revocando esplicitamente lo stato di liquidazione si riconosce ai creditori una possibilità in più grazie al termine di opposizione.
  16. Personalmente al concorso propenderei ad una revoca implicita dello stato di liquidazione in quanto non è necessaria l'approvazione dell'assemblea, ma basterà far dare atto di questa conseguenza a seguito della fusione. Comunque sostenendo l'una o l'altra tesi non comporta bocciatura secondo me. Farei però una distinzione tra le due ipotesi che hai prospettato: nel primo caso non si specifica che la società si trova in una situazione ex 2447, come quella dopo, tanto da far pensare che la revoca esplicita non sia necessaria, ma opportuna per garantire i terzi creditori. Nel secondo caso, invece, la revoca sarebbe necessaria in quanto si rimuove una delle causa di scioglimento della società, ossia l'art. 2484 n.4 c.c.
  17. riserva da rivalutazione ed utili di periodo

    Concordo con pinturicchio! Se la volontà dei soci è quella di utilizzare anche gli utili, potrai usarli insieme alla riserva straordinaria e parte della riserva da rivalutazione.
  18. Quote di godimento per le SRL???

    Nelle srl non sono previste le quote di godimento come avviene invece nelle spa. In queste ultime si garantisce ai loro possessori la distribuzione degli utili ex 2353 c.c., mentre nelle srl si potrebbe pensare ad una soluzione diversa, ossia quella di riconoscere a determinati soci dei "diritti particolari per la distribuzione degli utili" ex 2468 c.c. da prevedere nello Statuto. Ciao!
  19. DDL per abolizione Tre consegne

    da dove risulta questa cosa??
  20. Si! la stessa norma parla di "proprietario di terreno confinante." Il requisito richiesto per l'applicazione della prelazione è essere proprietario di un fondo confinante, in questo nostro caso, più altre eventuali ipotesi. Quindi se sono una società agricola di persone che gestisce uno o più terreni confinanti ad uno che è in vendita, avrei prelazione nell'acquisto.
  21. L'art. 7 della Legge n. 817/1971 afferma che la prelazione agraria si estende anche al "coltivatore diretto" proprietario di terreni confinanti. L'art. 2, terzo comma del D.Lgs n. 99/2004 afferma, in sintesi, che nella definizione di coltivatore diretto vi rientrano anche le società di persone agricole (se la metà dei soci sono coltivatori diretti) iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese.
  22. E' una fake news!! Confermata anche da alcuni notai! Se vedi bene l'art. 11bis nemmeno esiste....e strano che alcuni giornali abbiano dato una notizia del genere! Sicuramente ci sarebbe stato scalpore nel notariato.
  23. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Tutto dipende, secondo me, da cosa chiede il caso in concreto. Se ad esempio il caso propone di fare un aumento scindibile e poi aggiunge che i soci seduta stante decidono di sottoscrivere l'aumento, allora indicherei il tutto: aumento scindibile deliberato e poi contestuale sottoscrizione da tutti i soci.
  24. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Si nel tuo caso vale quanto hai detto e ti do ragione!
  25. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Se tutti i soci dichiarano in sede di approvazione dell'aumento di volerlo sottoscrivere contestualmente, non ci sarà scindibilità o inscindibilità perchè non viene fissato un termine finale di sottoscrizione dell'aumento, in quanto pagano tutti oggi l'aumento. In caso contrario, invece, si fissa un termine e si valuta se sarà scinbile o inscindibile in base alla volontà dell'assemblea.
×