Vai al contenuto

GioDema

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    74
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    8

GioDema last won the day on July 26

GioDema had the most liked content!

Reputazione Forum

11 Good

Su GioDema

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Lecce

Visite recenti

312 visite nel profilo
  1. Si! la stessa norma parla di "proprietario di terreno confinante." Il requisito richiesto per l'applicazione della prelazione è essere proprietario di un fondo confinante, in questo nostro caso, più altre eventuali ipotesi. Quindi se sono una società agricola di persone che gestisce uno o più terreni confinanti ad uno che è in vendita, avrei prelazione nell'acquisto.
  2. L'art. 7 della Legge n. 817/1971 afferma che la prelazione agraria si estende anche al "coltivatore diretto" proprietario di terreni confinanti. L'art. 2, terzo comma del D.Lgs n. 99/2004 afferma, in sintesi, che nella definizione di coltivatore diretto vi rientrano anche le società di persone agricole (se la metà dei soci sono coltivatori diretti) iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese.
  3. E' una fake news!! Confermata anche da alcuni notai! Se vedi bene l'art. 11bis nemmeno esiste....e strano che alcuni giornali abbiano dato una notizia del genere! Sicuramente ci sarebbe stato scalpore nel notariato.
  4. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Tutto dipende, secondo me, da cosa chiede il caso in concreto. Se ad esempio il caso propone di fare un aumento scindibile e poi aggiunge che i soci seduta stante decidono di sottoscrivere l'aumento, allora indicherei il tutto: aumento scindibile deliberato e poi contestuale sottoscrizione da tutti i soci.
  5. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Si nel tuo caso vale quanto hai detto e ti do ragione!
  6. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Se tutti i soci dichiarano in sede di approvazione dell'aumento di volerlo sottoscrivere contestualmente, non ci sarà scindibilità o inscindibilità perchè non viene fissato un termine finale di sottoscrizione dell'aumento, in quanto pagano tutti oggi l'aumento. In caso contrario, invece, si fissa un termine e si valuta se sarà scinbile o inscindibile in base alla volontà dell'assemblea.
  7. datio e comunione legale

    Direi che ha ragione il tuo notaio è una vendita che la società fa ai suoi soci....prezzo non c'è perchè c'è compensazione. Per la comunione legale si dice in dottrina che i frutti della quota potrebbero cadere nella comunione de residuo ex 178 cc, ma legittimato ad intervenire è il socio.
  8. Aumento di capitale scindibile e inscindibile.

    Nel silenzio l'aumento si intende sempre inscindibile, mentre se richiesto può essere scindibile. Cosa cambia: inscindibile --> l'aumento sarà attuato quando ci sarà l'intera sottoscrizione dell'aumento di capitale deliberato; scindibile --> l'aumento sarà, man mano, attuato per un importo pari alle sottoscrizioni ricevute dai soci . Il tutto entro un termine finale di sottoscrizioni. Aumento scindibile con sottoscrizione contestuale alla delibera significa che dai la possibilità ai soci di sottoscrivere, pagando, un aumento anche per un importo inferiore a quello deliberato, sempre da aversi entro un termine finale. Diversamente si intenderà sempre inscindibile.
  9. Trasmissione

    Per la teoria prevalente è la delazione ad essere indiretta, in quanto con essa si trasmettono tutte le posizioni giuridiche che spettano all'erede.
  10. Documentazione e menzioni formali atto

    Direi: Cdu (da allegare) + estratto di mappa del terreno No conformità catastale, no ape
  11. Si, così come è ammissibile la vendita di cosa altrui, lo è anche il preliminare...si trascriverà ex art. 2645-bis c.c.
  12. cooperativa per azioni ed emissione di azioni

    Ti riferisci al D.Lgs n. 1577/1947 art. 24 così come modificato dalla Legge n. 59/1992 in tema di valore di azioni o quote? P.s. purtroppo non ho una bella clausola al riguardo :/
  13. In tema di scissione, il 2506-ter c.c. non fa applicare il 2505-quater c.c.
  14. "trasformazione" società cooperativa da SRL a SPA

    Ciao, per quanto riguarda la denominazione lo stesso art. 2515 c.c. prevede che debba essere menzionata "società cooperativa", quindi mi atterrei a questo. Inoltre, se la società Alfa è gia una cooperativa in partenza, direi di mantenere la medesima denominazione , tranne che per srl, che sarà quindi "ALFA SCARL S.p.a., società cooperativa". Per quanto riguarda invece la trascrizione e volturazione è vero che nella trasformazione non si fa perchè si considera una mera modificazione dello statuto (prev.dottrina). Tuttavia per prassi si effettua una comunicazione al Pra per l'intestazione delle auto, e, pertanto, in atto scriverei che "ai fini delle volturazioni, si effettuerà comunicazione al competente ufficio Aci"
  15. Azione di restituzione

    Più che ex 563 c.c. applicherei il 561 in quanto si riferisce anche ai legatari. Il 563 fa riferimento ai trasferimenti compiuti dai donatari e non dai legatari.
×