Vai al contenuto

Don Chisciotte

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    278
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    1

Don Chisciotte last won the day on July 30 2014

Don Chisciotte had the most liked content!

Reputazione Forum

10 Good

Su Don Chisciotte

  • Rank
    Silver member

Informazioni del profilo

  • Sono
    Femmina
  • Corte d'Appello
    Venezia
  1. Caso: Tizio ha una figlia (Caia)e una convivente(Sempronia). Desidera fare testamento nominando erede universale la convivente e lasciando, con un legato sostitutivo, alla figlia la villa in Capri. Poichè però, per vari motivi, alla figlia vuole "lasciare" il minimo possibile, desidera costituire sulla villa in capri il diritto di usufrutto vitalizio a favore della convivente. Ho elaborato questa formula che però mi lascia perplesso. Che ne pensate? grazie mille "Istituisco erede universale di tutto il mio patrimonio Sempronia . Lego in sostituzione di legittima a mia figlia Caia la proprietà - gravata dal diritto di usufrutto vitalizio a favore di Sempronia- la proprietà della villa sita in capri, via..n.."
  2. Legato in sostituzione e calcolo quota riserva

    Buongiorno! Chiedo lumi in ordine al seguente dubbio. Tizio, coniugato con Tizia, ha due figli (Caio e Sempronio). Vuol fare testamento e desidera lasciare al figlio Caio- con un legato in sostituzione di legittima - una somma di denaro pari alla legittima allo stesso spettante.Il mio dubbio è il seguente: il figlio tacitato con un legato sostitutivo rientra nel novero dei legittimari di cui tener conto ai fini del calcolo della quota di legittima? Se la risposta è positiva, potrebbe andar bene la seguente formula: "Lego in sostituzione di legittima a mio figlio Caio, ai sensi dell'articolo 551, primo comma, c.c. una somma di denaro pari alla legittima al medesimo spettante A tal fine preciso che, ai sensi dell'articolo 542, secondo comma , c.c., detta legittima è pari ad un quarto del mio patrimonio". grazie mille
  3. Acquisto pericoloso?

    Ma l'autorizzazione dei soci ex articolo 2465 non è di per sè sufficiente? Ne occorre un'altra?
  4. Acquisto pericoloso?

    Ho una s.r.l. nella quale uno dei soci è anche a.u. della stessa. Questa società è stata costituita da meno di due anni. Lo stesso socio-a.u. è anche titolare di una ditta individuale "proprietaria" di un bene immobile. Volontà delle parti è quella di far sì che la srl proceda all'acquisto del bene immobile della ditta individuale (ed il corrispettivo è superiore al decimo del c.s.). Si applica l'articolo 2465 ? Il mio dubbio deriva dal non aver ben inquadrato la natura giuridica della ditta individuale. E' soggetto dotato di soggettività giuridica oppure no? scusate per questo dubbio…come perdersi in un bicchiere d'acqua. (Il mio istinto mi dice che l'articolo sopra indicato debba essere applicato)
  5. Costituzione in atto di amministratore di condominio

    Scusate la mia domanda: perché non è necessario costituirlo in atto? Chi rilascia quietanza ? Grazie
  6. Apposizione sigilli

    Se chiamato all'eredità è un minorenne, l'opposizione dei sigilli è stato sempre obbligatoria oppure lo è solo quando vi è un esecutore testamentario che vi deve procedere ex articolo 705 cc ?
  7. Redazione inventario per accettazione beneficiata

    Caso vero: si è aperta la successione di tizio alla quale è chiamata l'unica figlia minorenne. Tizio conviveva con Tizia, madre della minore. Bisogna ora redigere l'inventario dei beni ereditari e si registrano le seguenti problematiche: 1) tizio risulta avere la " residenza anagrafica" nel luogo di ubicazione della famiglia di origine, mentre la residenza " effettiva" risulta essere nella casa di abitazione di proprietà della convivente ; 2) tizio era titolare di una ditta individuale; 3) tizio era titolare di alcuni autoveicoli che risultano essere parcheggiati presso l'abitazione del fratello. Domande che mi pongo: 1) dove deve recarsi il notaio per redigere inventario? Presso la residenza anagrafica, presso quella effettiva o presso entrambe? 2) il notaio deve recarsi anche presso la ditta individuale? Se la risposta è negativa ma in questo luogo vi sono degli oggetti personali di valore ( esempio penna d'oro) , cosa farà il notaio? 3)è necessario che il notaio si rechi anche presso questo luogo ( x far dichiarare allo stimatore il loro valore?) oppure è sufficiente la loro descrizione sulla base del libretto di circolazione? Grazie mille per l'aiuto
  8. Sto cercando di interpretare un testamento olografo e dubbi mi sorgono con riguardo alla suddetta disposizione: lego la somma di euro x a favore della persona che mi assisterà fino alla mia morte. Detta disposizione come la considero? Soluzioni: 1) nulla ex art. 628 c.c. ? 2) valida posto che in essa vi è una relatio formale ( consentita per la determinazione del soggetto beneficiario)? Grazie per l'aiuto
  9. Condominio ed oneri condominiali mai pagati

    Caso: Tizio è proprietario da svariati anni di un appartamentino in una ridente località montana per il quale non ha mai pagato oneri e spese condominiali accumulando così un debito pari ad euro 27.000 . Amministratore del condominio è Sempronio. Caia è intenzionata oggi ad acquistare il suddetto appartamento per la somma di euro 20.000. Venuto a sapere della proposta di acquisto, Sempronio proprone- a Tizio e a Caia- la seguente soluzione: Tizio vende a Caia l'immobile ma il prezz o- Euro 20.000 - viene versato al condominio con l'effetto però di saldare il debito ancorchè di importo superiore - e cioè Euro 27.000 - che Tizio ha verso il condominio; i residui Euro 7.000 andrebbero "spalmati" su tutti i condomini, i quali - peraltro- hanno dimostrato di accogliere una simile soluzione adottando all'unanimità una apposita delibera in sede di assembela condominiale. Soluzione pensata: L'idea è quella di strutturare la fattispecie in termini di vendita tra Tizio e Caia in cui il pagamento avvenga in forma di delegatio solvendi (Caia paga la somma di euro 20.000, anzichè a Tizio, al condominio) con "speciale connotazione" di datio in solutum (il condominio riceve euro 20.000 anzichè 27.000). Mi si pongono però i seguenti problemi: 1) è suffciente una delibera assembleare per legittimare l'amministratore di condominio a porre in essere una simile operazione? ritengo di no e sarei pronto a chiedere una apposita procura rilasciata da ciascuno dei condomini (sono 40 poveri me!); 2) è corretta la costruzione della fattispecie in termini di vendita-delegatio-datio in solutum o è troppo complicata? Ci sarebbe a vostro parere qualcosa di più terra terra per gestire la faccenda? Grazie a chi vorrà aiutarmi
  10. FORMULARIO NOTARILE Genghini - Carbone

    Grazie per l'info! Ma il prezzo indicato sulla copertina a quanto ammonta?
  11. Regolamento condominiale

    In prossimità del concorso sto cercando di colmare lacune che mi trascino da tempo…Una di queste riguarda la differenza tra regolamento condominiale contrattuale e non contrattuale. Quello che segue è il frutto dell'idea che mi sono fatto. Se c'è qualcosa (o anche tutto) che vi rende perplessi chiederei gentilmente il vostro aiuto per migliorare la mia preparazione. Il primo (regolamento contrattuale o di origine esterna) si ha quando la sua formazione deriva dal consenso unanime di coloro che hanno partecipato alla sua formazione. Tale regolamento può disciplinare anche aspetti che sono diversi dall'uso della cosa comune e può importare limitazioni per i diritti dei singoli ( se ed in quanto vi è il loro consenso). Tali limitazioni sarebbero assimilabili a delle servitù ed in quanto tali trascrivibili. In tale tipo di regolamento rientra anche quello formato dal costruttore. Diverso è invece il regolamento condominiale di orgine interna o non contrattuale in quanto la sua formazione discende da una delibera adottata ai sensi dell'articolo 1138 c.c. Esso può disciplinare solo l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese. Non può disciplinare/pregiudicare i diritti di singoli condomini salvo che consti il consenso di questi ed in ogni caso non può mai derogare alle disposizioni espressamente indicate nella parte finale del quarto comma dell'articolo 1138 ( art. 1118 e,1119..). Grazie mille
  12. Ultimi Atti e Casi Notarili

    Anch'io ho capito!!!!! Gentilissimo per la pazienza dimostrata e grazie mille!!!!!
  13. Ultimi Atti e Casi Notarili

    Perdonatemi, sto dando i numeri. Ho capito che, facendo come sopra ho indicato, i 110.000 di Sempronio - rispetto ai 330.00 di Tizio- sono 1/3. E la traccia non vuole questo perché vuole 1/4. Ma quale operazione-passaggio matematico permette di arrivare a 88.000? grazie Marco
  14. Ultimi Atti e Casi Notarili

    Meno male! pensavo di essere l'unico a continuare a non capire…..Ti ringrazio Marco per la spiegazione ma continuo a non capire, perdonami!!!! 1/4 di 440.000 è 110.000 ed è sbagliato ragionare così. ma allora 1/4 di che? 1/4 di 220.000 (Tizio)? pari a 55.000? questi 88.000 proprio non me li spiego..sono 1/5 di 440.000
  15. Ultimi Atti e Casi Notarili

    Caso n. 1 di commerciale. Chiedo venia ma non riesco a capire, con riguardo all'assegnazione non proporzionale tra i soci delle nuove azioni emesse a seguito dell'aumento gratuito, perché a Sempronio ne vengano assegnate 88.000 e a Tizio 352.000. Secondo i miei calcoli a Sempronio ne dovrebbero essere assegnate 110.000 (1/4 di 440.000) mentre a Tizio 330.000 (3/4 di 440.000) . Dove sbaglio? grazie per il chiarimento
×