Groovy

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    138
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    3

Groovy last won the day on April 3

Groovy had the most liked content!

Reputazione Forum

38 Excellent

Su Groovy

  • Rank
    Member
  • Compleanno 28/07/1989

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Milano

Visite recenti

406 visite nel profilo
  1. Sei stato gentilissimo. Ultima cosa, hai uno schema o un formulario da indicarmi? In atto si indica la presenza e l'attività estimativa svolta dal commercialista?
  2. Quindi il notaio non si reca in loco? L'indicazione dei beni è fatta per categorie? Grazie!
  3. Come si procede all'inventario di un'azienda compresa in eredità accettata ex artt. 484 e seguenti c.c.? Ci si reca in loco e si procede all'indicazione della tipologia, del numero e del valore di ogni bene (ogni singola vite o bullone)? Si nomina un commercialista (o un perito) come stimatore? Grazie a chi vorrà aiutarmi!
  4. Concordo, la legge impone soltanto l'accettazione con beneficio ma non si premura di assicurare la permanenza di questo, mancando una norma simile a quella prevista per gli incapaci (art. 489 cc).
  5. Ciao Pirlone! :-) Perché dici che non è aggiornato? Il testo TOP a mio avviso è quello della collana "Notariato" di IPSOA, autore Trapani, "I diritti edificatori".
  6. Se sei interessato solo agli aspetti notarili ti consiglio "le menzioni urbanistiche negli atti notarili", collana officina del diritto, giuffrè. Se sei interessato all'urbanistica in generale e cerchi un testo sintetico ma abbastanza completo, ti consiglio il compendio Simone di diritto amministrativo (io uso quello, almeno). Se poi ti interessa un aspetto specifico (es. Diritti edificatori), allora il discorso cambia.
  7. Secondo me non uscirà prima di novembre.
  8. Per quello che ho potuto vedere (non ho esperienza diretta, perchè ne ho quasi 28) l'avvocato, cominciando dal basso in qualche studio in cui si facciano civile e commerciale.
  9. Attenzione! La Cassazione dice esattamente l'opposto: in caso di condizione risolutiva si applica l'art. 1757.2 c.c. e la provvigione è dovuta. Infatti rigetta il ricorso della ricorrente (cioè la signora che aveva pagato le provvigioni, soccombente nella sentenza di appello). Cassazione 24399 - 2015.pdf
  10. Infatti non ho detto che è una nullità, però è un errore banalissimo e se lo fai sei già con mezzo piede fuori.
  11. Le nullità possono esserci sempre, non bisogna sopravvalutarsi (il sottoscritto in primis): una distrazione, un'imprecisione, un'errata lettura della traccia (pensate solo alle soffitte dell'anno scorso che strage hanno fatto). Ho un'amica in gamba, correttrice, che non ha consegnato perché si è resa conto di non aver scritto (nella fretta di ricopiare) "REPUBBLICA ITALIANA": errore banalissimo, direte, ma le statistiche delle scuole dicono che circa il 30% dei compiti ha un motivo di nullità.
  12. Bisogna vedere i compiti. Anche io penso che dovrebbero assegnarli tutti (astrattamente anche di più, come a magiatratura, perché in ipotesi potrebbero bocciare agli orali), ma non possono nemmeno far passare nullità.
  13. E meno male che qualcuno riportava voci di irrigidimenti nelle correzioni e bocciature a tutto spiano (1/6)! Avanti cosí!
  14. Grazie della gentile risposta, Elia, e grazie anche per il post di questo giugno in cui hai dato la tua testimonianza, che è stata fonte di grande ispirazione per me.

    Ogni bene!

  15. Buongiorno ragazzi, se si è smarrita la documentazione relativa al concorso è un problema o si può risolvere?