enricof

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    632
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    14

enricof last won the day on July 1 2016

enricof had the most liked content!

Reputazione Forum

268 Excellent

Su enricof

  • Rank
    Platinum member
  • Compleanno 29/12/1986

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    Torino
  1. sì esatto
  2. i congressi tanto li fanno nelle sale "belle" non nei bunker
  3. in verità, secondo quanto risulta da notariato.it, è stato nominato a 35 anni (quasi 36)
  4. Le scansioni sono già state fatte al momento della correzione
  5. pur sembrando assurdo è così: negli atti era presente la clausola di conformità esclusivamente della planimetria e non dei dati catastali (la tesi difensiva - anche avvallata da uno studio CNN - sosteneva, sostanzialmente, che la conformità della planimetria implicitamente coinvolgerebbe i dati catastali ivi riportati). Il precedente è la Cassazione 8611/2014 e riguardava sempre un notaio romano. In questo caso gli atti coinvolti erano 280, ma la sanzione di soli 9.800 euro (???). effettivamente nella sentenza si parla anche di due atti totalmente privi della dichiarazione già oggetto di rinnovazione (e non di conferma).
  6. sono stato un po' approssimativo. Comunque, la Cassazione ha confermato la sanzione disciplinare di 214.140 euro per un notaio romano che in 415 atti ha parzialmente omesso la dichiarazione di conformità dell'art. 29 c. 1 bis (nella parte sui dati catastali). In punto nullità, cito: "Questa Corte ha già affermato, nel precedente citato dalla Corte d’Appello di Roma e dallo stesso ricorrente, come la dichiarazione richiesta dal citato art. 19, comma 14, del d.l. n. 78/2010, riguarda la conformità allo stato di fatto non della sola planimetria dell'immobile, ma anche dei dati catastali, questi ultimi costituendo gli elementi oggettivi di riscontro delle caratteristiche patrimoniali del bene, rilevanti ai fini fiscali; l’omissione determina la nullità assoluta dell'atto, perché la norma ha una finalità pubblicistica di contrasto all'evasione fiscale, conseguendone la responsabilità disciplinare del notaio, ai sensi dell'art. 28, primo comma, della legge 16 febbraio 1913, n. 89 (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 8611 dell’11/04/2014)" Cass. 11507 del 3 giugno 2016
  7. tra l'altro la Cassazione ha appena confermato la nullità di 480 atti di un notaio di Roma per il 29/1bis
  8. in tema di ricorso "comparativo", cito dal TAR Lazio: "il Collegio non rinviene la possibilità di procedere a uno scrutinio delle singole affermazioni espresse dalla commissione in relazione agli aspetti della prova della ricorrente fatte oggetto di negativo apprezzamento, come proposto dalla stessa interessata. Tali profili, si ribadisce, attengono infatti alla sfera di giudizio riservata alla piena discrezionalità della commissione, rispetto alla quale non è in alcun modo ammissibile la "sostituzione" dell'organo giurisdizionale, neanche in via mediata. E sono le stesse ragioni da ultimo esposte che non permettono di conferire rilevanza neanche alla richiesta, pure avanzata dalla parte ricorrente, di confrontare il proprio elaborato con le soluzioni prospettate da altri candidati valutati come idonei. Invero, applicando sulla basa delle coordinate giurisprudenziali sopra citate, tale operazione sarebbe possibile soltanto nell'ipotesi di un'assoluta identità degli elaborati da confrontare (cfr. Tar Lazio, Roma, I, 12 aprile 2012, n. 3339), che nella specie non si configura. Peraltro, come eccepito dall’Amministrazione, l’istante fonda la dedotta disparità di trattamento su un paragone non corretto, in quanto propone un paragone non tra due giudizi integralmente considerati, ma tra segmenti di un giudizio più ampio e complesso e isolati riscontri nelle prove di altri candidati, senza tener conto del fatto che nelle valutazioni di natura complessiva, come quelle in esame, è l’insieme degli errori nella loro globalità ad essere valutato e posto in relazione al tenore complessivo tenore degli atti al fine di individuare un possibile equilibrio. Inoltre, l’istante confronta rilievi non del tutto sovrapponibili, senza considerare che una insufficienza può dipendere dalla intensità, ripetitività e dal contesto dell’elaborato in cui è stata individuata."
  9. Io sono abbastanza sicuro siano 60
  10. sono d'accordo con Panni Sporchi e Jamila. Anche con Nuwanda in punto disparità. Il problema è che si può far ben poco al TAR...
  11. sicuro? non 60?
  12. Ciao anton3, ho avuto modo di leggere il compito di cui parla Sebastiano e - purtroppo - non c'è modo di farlo rientrare nella casistica che indichi (motivazione e parte teorica fuse). Anch'io ho fatto una motivazione abbastanza stringata (per mancanza di tempo), ma ho toccato tutti i problemi dell'atto e, come dici, non ho alcun rilievo a riguardo. Qui invece ci sono 3 argomenti di parte teorica, di cui 1 totalmente marginale alla traccia (amministratore di sostegno).
  13. posso avere una definizione di "cognome pesante"? come associate un idoneo a notai in esercizio (?) o altri personaggi? conoscenza personale o omonimia? giusto per capire...
  14. casa mobile e via
  15. RV mi pare si fosse schierato contro in modo palese