Vai al contenuto

anton3

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    1071
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    39

anton3 last won the day on March 21

anton3 had the most liked content!

Reputazione Forum

232 Excellent

Su anton3

  • Rank
    Titanium member

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    L'Aquila

Visite recenti

1995 visite nel profilo
  1. anton3

    Commissione concorso 2018

    Ennesima battaglia presa..... Fai intendere che sei con coloro che perderanno, perché se vinceranno saranno dei condonati
  2. Le altre categorie se la sognano perché anche quando potevano non l'hanno voluto, peggio per loro; i notai ce l'hanno dal 1919, quando non avevano certo i guadagni di oggi. Non sputate sul piatto dove volete mangiare, qui vedo persone che hanno solo voglia di sparlare, senza neanche pensare di sedersi a tavola, come se la cosa non li riguardasse.
  3. anton3

    Commissione concorso 2018

    Fu il primo concorso dopo i quiz; uscì un preliminare di vendita inter vivos (i voti a civile furono bassissimi, pochi sopra il 35), ma soprattutto fece scalpore il trust testamentario e la fiducia statica o dinamica (molti bocciati). Ma se non sbaglio la Corsano fu di commissione nel concorso svoltosi nel gennaio 2001 o sbaglio ?
  4. anton3

    Commissione concorso 2018

    Non mi basta e non ho problema di algebra; e allora se tu giustifichi tutto e gli smaronati basta lamentarsi se poi non si agisci, fai solo chiacchiere e sigillo, uno dei tanti, dei troppi
  5. Anche i medici hanno il loro problemi, come tutte le categorie (e fra l'altro, ora rischiano di non riuscire a far fronte alle attuali necessità a fronte del numero chiuso, al contrario dei notai, che potrebbero fare tutto pure in 1000)). Per quanto riguarda la superiorità etica, mi sembra che i notai parlino piuttosto di superiorità culturale del diritto, quella etica, la riscontro più che altro in certi praticanti (fino a quando non diventano notai). Poi a proposito dell'integrazione al minimo (il redddito di cittadinanza dei notai), ricordo che si può beneficiare al massimo per 10 anni in tutta la carriera e non più di 5 consecutivi (e naturalmente la difficoltà deve essere motivata e non devi avere altri redditi rilevanti). Poi, come calcolato, più volte, anche se fai 5000 euro di onorario repertoriale (ossia una miseria), non becchi più di 1000/12000 euro al mese (e non ci copri neanche le spese). Non ci fate troppo affidamento Un'ultima annotazione: rovinarsi la vita...... se non vinci, ma se vinci la vita te la sei guadagnata
  6. anton3

    CORREZIONE SCRITTI APRILE 2018

    Ma non lo saprai facilmente, perché quello bravo si nasconde e te lo nasconde, anche il suo compito; qui si critica l'egosimo dei notai, ma pure quello dei praticanti ... non scherza
  7. anton3

    CORREZIONE SCRITTI APRILE 2018

    spalancati... per cercare di copiare dal vicino bravo
  8. anton3

    USI CIVICI

    Ottimo studio, come sempre quelli di Casu, ma è di un quarto di secolo fa; oggi il diritto procede a ritmi serrati; e, qualche conclusione (e ciò vale in alcuni studi CNN di qualche anno fa) , non sempre collima con quella poi assunta dalla giurisprudenza (ved. ad. sulle conseguenze della vendita di bene in edilizia agevolata)
  9. anton3

    USI CIVICI

    Preciso che gli usi civici in Italia a differenza della Francia, non sono proprietà comunali, soprattutto i grandi latifondi dal Lazio in giù, ma erano (e sono) di una impersonale collettività (gli aristocratici, offrivano le terre al popolino, ne avevano tante, per sfruttarle come pascolo, silvicoltura, ecc. come atto di magnanimità), di università (le università, in linguaggio medioevale erano i gruppi, associazioni di persone, di mestieri, ecc., non certo gli atenei). Quindi i Comuni che non c'entrano nulla, perché i grandi latifondi meridionali sono di un'entità astratta che non coincide con il comune. E ripeto neanche le regione non possono legiferare sulla loro liquidazione perché è di competenza statale (Corte Costituzionale).
  10. anton3

    CORREZIONE SCRITTI APRILE 2018

    Non ho tratteggiato quel futuro, che per me è solo distopico, ho solo detto che quella è una ipotesi da scongiurare e da combattere, da subito. Guarda, la tua rassegnazione è la stessa che vedevo sulle facce dei notai al decreto renziano liberalizzatore. Qualcuno non si è dato per vinto, ha movimentato qualche associazione consumatori, ha cercato sponde, politici di ogni parte, ecc., e in barba allo stesso gruppo dirigente che stava contrattando la resa, le cose, come ben sai, sono andate diversamente; e gli attifici spingevano per la riforma (presunta) perché sapevano che potevano assoldare frotte di avvocatelli per far fronte alle nuove competenze e arricchirsi ancor più.
  11. anton3

    Commissione concorso 2018

    Vorrei dati statistici sui figli dei notai, se avete da contrapporli a quelli offerti del notariato, bene tirateli fuori, qui leggo solo parole o presunzioni. Thomas quello che tu dici non è nuovo, lo leggo qui dal 2001, allora ho invitato quelli che prima individuavano nel concorso ogni malefatta ad entrare, da notai, nella commissione di concorso: ne sono passati a migliaia di notai dal 2001: hai visto tu qualcosa ? Hanno fatto pulizia ? No, si sono accomodati, con la scusa che devono passare 10 anni dalla nomina..... - delle due l'una, o hanno fatto solo chiacchiere e sigillo (e hanno cancellato tutto), oppure queste percentuali misteriose sono molto, molto più basse. Perché poi mi dovete spiegare come fai a metter d'accordo una commissione di 5 persone, davanti al presidente, e poi soprattutto, devi sapere che sei corretto in quella commissione, con la speranza che quel commissario che ti raccomanda, quel giorno sia presente. Tutto questo senza che mai sia trapelato apertamente nulla e che qualche, dico qualche, commissario dei migliaia passati in commissioni varie abbia mai portato le carte in procura. La verità è che: quando non si vince tutto il male possibile, quando si voce....in fondo in fondo il concorso premia i migliori e io sono tra i migliori, e che prima ero sfortunato. Quante volte l'ho sentito dire e quante volte lo sentirò ancora dire, da amici, e nemici
  12. anton3

    USI CIVICI

    Gli usi civici sono un istituto vecchio, desueto, inutile, in alcuni casi nato prima del regno d'italia; i notai hanno cercato di porvi un rimedio, è chiaro che qualche comune o università (di comune) - che prima rilascia le concessione a costruire - e poi vuole incassare. Ben venga se il notariato cerca rimedio a situazione paradossali e irragionevoli o quantomeno stimola il legislatore a risolvere i problemi che si creano ai cittadini per istituti vecchi e ridicoli
  13. anton3

    CORREZIONE SCRITTI APRILE 2018

    L'esaltazione degli attifici sarà all'opposto della pura astrattezza ma va anche incontro alla peggiore realtà che si può e si deve combattere (e quantomeno limitarla) e indubbiamente vederete che ci saranno risultati nei prossimi anni; gli attifici possono essere il futuro del notariato, ma anche la sua fine perchè, se l'organizzazione dello studio notarile fosse pura impresa, non è necessario che essa sia coordinata da un notaio, che potrà essere confinato al lavoro di un dipendente e di segretario, secondo una gerarchia di nonnismo, ma farà parte di una società azionaria, magari con capitali stranieri. A qual punto, con la competenza nazionale, vi saranno in Italia 4/5 gestori di telefonia notarile, tipo Notafone, Notind e Notiliad. E tutte queste discussioni sulla gestione/obiettività dei concorsi saranno un ricordo che farà sorridere nostalgicamente. Ma con le armi giuste e la grinta tutto ciò si combatte, intanto gli stariffatori/attificatori hanno perso il round alla corte costituzionale
  14. anton3

    Commissione concorso 2018

    Quota di riserva a i figli pari al 50% ? Adesso non esageriamo: ci sono fatti oggettivi: individuatemi, per ogni concorso, quali e quanti sono sono i figli di notai, vediamo se si arriva al 50% degli ammessi
  15. anton3

    USI CIVICI

    La domanda è : se foste notai che fareste ? rischiereste ? non mi porrei il minimo dubbio, no, soluzione rigorosa, che fra l'altro è quella necessariamente indicata da Pigei. Sul punto, qualche tempo fa è uscita una sentenza della Corte costituzionale che ha ribadito che la legislazione in materia è di competenza esclusiva dello Stato
×