Vai al contenuto

anton3

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    872
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    33

anton3 last won the day on July 2

anton3 had the most liked content!

Reputazione Forum

160 Excellent

Su anton3

  • Rank
    Platinum member

Informazioni del profilo

  • Sono
    Maschio
  • Corte d'Appello
    L'Aquila

Visite recenti

1620 visite nel profilo
  1. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Walle, mi piace l'orgoglio, perché l'orgoglio è il miglior antidoto all'invidia. Comunque, cambia la vita, quantomeno perché ci toglie da questa situazione di impasse........; in ogni caso, anche se vi è futuro incerto, nonostante tutto, oggi è sempre una bella professione che dà gratificazioni economiche come poche. Sakuragy, ottima osservazione, e aggiungo che spesso queste "cosucce" le fanno proprio i notai che sono anche molto capaci e hanno vinto bene il concorso, senza nulla "rubare". Porcus, anche se la "pulizia" concorsuale è una degna aspirazione, l'acrimonia, seppur comprensibile per ragioni personali-filiali, può essere controproducente, perché ispira istintivamente, anche nel lettore che condivide, una sensazione di reazione inversa.
  2. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    L'invidia è uno dei più diffusi sentimenti umani, ma anche quello più celato e meno dichiarato. Questo è un concorso che cambia la vita, non si può non essere, umanamente, un pochettino invidiosi
  3. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Mai fasciarsi la testa prima di rompersela, finché non vi è certezza è sempre lecito sperare. I conti si fanno sempre alla fine (e così per un giudizio complessivo sul lavoro della commissione), tutto può succedere anche che ammettano più soluzioni o nullità di sfuggita E poi, ricordiamocelo sempre: la miglior commissione concorsuale è sempre quella che ci ammette agli orali
  4. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Ho detto: Che la commissione intenda fare "veri notai", è un suo dovere, non un capriccio, dato che agisce per interesse dello Stato. Può darsi che i veri notai siano 320 invece che 230 (vedasi concorso del 2007), oppure che siano meno dei posti a concorsi. Non esprimo valutazione nel senso che sia giusto farne di meno o farne di più. Ove mai, fossero di meno, ho aggiunto sarcasticamente - è anche interesse del notariato, ma questo è un "effetto secondario", che si apprezzerà solo una volta divenuti notai e passati dall'altra parte. Quindi, quando saremo notai - e qui sta la vera ipocrisia - faremo tutti il tifo per avere meno notai, altro che 1200 e sedi tutte occupate !.
  5. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Tutti coloro che superano il concorso, dopo il tirocinio, devono essere in grado di fare il notaio; poi si acquista esperienza e si migliorerà sotto l'aspetto pratico e gestionale. Ma al momento dell'iscrizione , non ci sono santi, devi fare gli atti, e devi saper fare il notaio; certo, cambierà tutto, sotto l'ottica della responsabilità, e anche l'atto che sembrava, da praticante, più stupido o di routine, mette ansia. Che la commissione intenda fare "veri notai", è un suo dovere, non un capriccio, dato che agisce per interesse dello Stato. Poi, che ci siano pochi notai idonei è anche interesse del notariato, ma questo è un "effetto secondario", che si apprezzerà solo una volta divenuti notai e passati dall'altra parte.
  6. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Sinceramente, gli atti della commissione dovrebbero essere secretati, nessuno può andare in giro raccontando di errori, contenuto di verbali, anticipando e descrivendo gli errori o esponendosi così in prima persona; ho molte perplessità.............
  7. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    Il vero notaio si vedrà all'azione della professione; magari ci sarà un 105 che farà onore alla categoria, mentre vi possono essere dei 140 che si sentono una cima e pensano di fare soldi a palate con attifici a scala industriale. Ci vuole indubbiamente un mix di buona preparazione e di spessore umano nella professione; un mix di buona preparazione e di fortuna nel concorso: il primo fattore da solo, in ogni caso, non basta mai.
  8. anton3

    correzione scritti Aprile 2018

    montisantomario, se pensi questo del notariato o sei qui per provocare oppure vuoi fare il notaio unicamente, non dico neanche soprattutto, per guadagnare. E francamente di quelli come te il notariato non ha bisogno, se intende rinnovarsi, perché farai esattamente, se non peggio, ove mai diventassi notaio, come quelli (gli attificatori) che critichi (giustamente) e dileggi
  9. anton3

    Invalidità civile

    L'invalidità deve essere tale da impedire il normale esercizio delle funzioni: quindi, penso, invalidità di tipo mentale, cecità, sordità, mutismo Parlo di "normale", quindi si può lavorare anche con ritmi ridotti, in correlazione alle patologie (e quindi alle necessità di cura, penso, ad. es., a coloro che sono in dialisi).
  10. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Antonio, condivido: accettazione non significa, come credo io, abbassare la testa, ma penso che le forme di lotta siano diverse, concrete, dove si arrivi a qualche risultato, non screditare altri, per quanto li possiamo considerare fortunati. Mi oppongo ad esercizi di mero discredito, io penso che se un giorno dovessi vincere non vorrei che qualcuno a posteriori, alle spalle, senza nome, mi facesse le pulci o mi additasse al ludibrio altrui: se lo fa, esca allo scoperto e lo aspetto in tribunale, poi vediamo se di fronte ad una richiesta di risarcimento e ad una denuncia per diffamazione non chiede scusa
  11. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Porcus, per me un "imbecille" è colui che si procura tutti i compiti di coloro che sono passati e sta a pontificare, oltre che a rosicare, come se fosse il primo: sono decenni che se ne parla dei problemi del concorso notarile. Invece di fare la caccia alle streghe e sfogare tutti i tuoi istinti sub bestiali, attivati in qualcosa di produttivo, se ti riesce (ma dubito). Invece, di dire vergogna, vergognati te: svolgi funzioni pubbliche, devi avere contegno e rispetto delle istituzioni (anche se hanno risultati discutibili), pensa a lavorare, se sei in grado di farlo, perché voglio proprio vedere come hai vinto il concorso di Conservatore.
  12. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Non possono restituire il sigillo perché ancora non l'hanno ricevuto. Se fossi in te, Pinturicchio, non metterei nulla a disposizione; hai la coscienza tranquilla, non devi dimostrare niente; anche se fossi passato con nullità, tieniti stretto il futuro sigillo (che pagherai ca. 300 euro, perché non te lo regalano) e passa oltre, che il bello deve ancora venire. Capitasse a me direi: Dio me l'ha data (la buona sorte) e guai a chi me la tocca !! (chi l'ha detto non ha fatto una bella fine, ma è passata alla storia dalla porta principale)
  13. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Lo dici a me che sono antijuventino dalla nascita.............................. Contestazioni immediata è difficile, se non impossibile, (con chi con un avvocato ? e poi si dovrebbe conoscere i nominativi che vengono corretti in quella seduta), e comunque la commissione deve avere sempre un minimo di discrezionalità di valutazione (si può, ad es., contestare pure il 105 o il 110 ?), seppur nel rispetto della parità di condizioni. Di questo passo: si può avere il diritto di contestare pure il compito o il voto degli altri ? A mio parere, si entra in un giro parossistico forse peggiore dell'attuale.
  14. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Cioè che la Juve ha vinto sette scudetti di fila ! e ancora sembra non sia finita .... Tutto cambia affinché nulla cambi
  15. anton3

    La chicca "antigiuridica" del giorno

    Infatti, mi riferivo naturalmente alle covate dei primi anni Duemila. Ma siccome il problema è noto da tempo, le lamentele venivano anche - fuori dal sito - negli anni Novanta. Tenete presente che i primi timidi tentativi di motivazione (succintissima) non ufficiali (ossia la commissione non era tenuta) risalgono alle correzioni del concorso svolto nel 1997; poi, da lì, nel giro di qualche concorso, si è istituzionalizzata la motivazione, perfezionandola (soprattutto nel senso di non far allungare i tempi di correzione). Prima tutto era avvolto nel mistero e nella leggenda, secretato, e si impediva la visione degli elaborati concorsuali. Comunque, resoconti (che illustrano i meccanismi di valutazione e confronto fra i componenti della commissione) di notai commissari ve ne sono, e indubbiamente non nascondono oggettive difficoltà nella correzione e nel fare selezione (e chiaramente non fanno riferimento ad eventuali brogli o accordi sottobanco, che a mio parere, non sono facili per le ragioni sopra indicate nel mio messaggio precedente). Tutte queste informazioni si possono avere parlando con notai di generazioni precedenti, avendo un poco di pazienza nel fargliele tirare fuori, perché per diversi di loro sono vicende dolorose, che hanno poi rimosso in tempi più felici.
×