Vai al contenuto

Leaderboard


Popular Content

Showing most liked content since 13/10/2017 in all areas

  1. 3 points
    ma chi te l'ha detto? Così però inventi, non dai risposta ai problemi della traccia che erano già numerosi Allora potevi presupporre 10 contratti di locazione in essere.
  2. 2 points
    No... Comm, IV, MC Quanto alla chiusura, sempre a febbraio si andrà secondo me!! Certo è che viviamo alla giornata!
  3. 2 points
    un persona di media intelligenza oggi sceglie un'altra strada. Te lo dice uno che l'ha intrapresa 15 anni fa
  4. 2 points
    Gli agenti immobiliari sono i primi a piangere, dato che, almeno nella mia zona, il mercato é in stasi. Alla fine l'ottenimento del sigillo diventa una sfida con se stessi... Io lo voglio: non mi importa se e quanto si guadagna!!😣
  5. 1 point
  6. 1 point
  7. 1 point
    L'aumento misto era la soluzone preferibile ... almeno così mi è stato riferito: era questo che voleva la commissione! Anche se - ad essere sincero - nei giorni immediatamente successivi al concorso ho sentito di tutto!! Ma - come ben sappiamo - di rado le commissioni sono "monolitiche": non è un quiz, ma un concorso. Molto probabilmente ammetteranno anche l'aumento oneroso, soprattutto se una buona percentuale di candidati (direi, 15-20%) si è orientata in tal senso. Del resto, l'esperienza insegna questo. Basta pensare a (non risalendo troppo indietro): - al concorso 2013, dove nell'inter vivos sono passate: a) la proposta irrevocabile di divisione; b) la divisione obbligatoria; c) la (mostrosuità) della divisione sotto condizione sospensiva di un condividente; d) divisione con tutti i compartecipi... lasciando perdere quello che si è visto nel mortis causa; - concorso 2014 (tenutosi nel 2015), dove, inseriti i dati catastali delle soffitte, è passata qualunque cosa: a) rinunzia al contatto di locazione (sic!); b) riserva di usufrutto a favore del terzo (??); c) sciglimento sel contratto di locazione e rinunzia a prelazione agraria; d) rinunzia a prelazione agraria ma non scioglimento del contratto di locazione; e) il mitico "bloccone" (come viene "deriso" a Napoli ... se ho capito bene, trattasi di vendita unitaria di due immobili siti in comuni differenti, al fine di "frodare" le prelazioni); f) vendita cumulativa di tutto, terreno e singole unità immobiliari; g) vendita in blocco del fabbricato e vendita autonoma del terreno. Poi, tutto può essere, ma speriamo nel bene di tutti coloro che "sudano" per raggiungere l'obiettivo
  8. 1 point
    Alla fine la perizia non abbracciava solo il credito, se esistente, etc., ma riguardava la complessiva operazione, affinché essa non ledesse l'integrità e l'effettività del capitale sociale e non fosse in frode ai creditori... Io così ho motivato, senza farmi il problema delle sentenze che citi tu che esistono sì ma fanno riferimento a casi in cui la preordinazione non emergeva.
  9. 1 point
    La perizia era grandemente opportuna non perché il debito non fosse certo, liquido ed esigibile (cosa che comunque la perizia doveva attestare) ma proprio per escludere che vi fosse una preordinata violazione della normativa in materia di conferimenti in natura.
  10. 1 point
    Domanda ma se studio vi chiedono di imputare la riserva conto futuro aumento cs a capitale mediante aumento gratuito e sono anche presenti tutti i soci...voi cosa dite all avv? No non si può?.....non è una posta di netto...bah....
  11. 1 point
    Concordo con te Blasco e aggiungo che una tale riserva per formarsi e per essere utilizzata, in tutto o in parte, ha necessità dell'assenso, uti singuli dei singoli soci, elemento questo che dalla traccia, proprio per come detto appena sopra, non era affatto presente. Anzi, il tenore della traccia era quello del tipico aumento gratuito ex art. 2442 cod. civ. La scindibilità era riferita alla porzione di aumento da offrire in opzione ai soci.
  12. 1 point
    Secondo me non dire nulla non può essere considerato un errore grave. Trovano applicazione l'art. 2558.1 e l'art. 36.1 l. 392/78- Certo, sarebbe stato opportuno menzionare l'onere di comunicazione al locatore della cessione ex art. 36.1. In ogni caso, era da escludere che l'immobile fosse aziendale, almeno per semplicità redazionale.
  13. 1 point
    pensa che mentre loro adesso guadagnano 500 euro al mese, tra 2/3 anni ne guadagneranno probabilmente 800-1000, mentre tu starai ancora sui libri a studiare... è questa l'amara verità...a te la scelta, se pensi di riuscire a resistere altri 5/6 anni senza guadagnare un soldo, allora intraprendi la strada del concorso notarile, altrimenti scegli diversamente... nessuno può dirti che con magistratura ci vorrà meno tempo, ma tieni presente che i bandi (almeno rebus sic stantibus) sono più frequenti, e lo studio è molto più spendibile in altri settori (facevi l'esempio di altri concorsi pubblici...)
  14. 1 point
    Io a concorso ho fatto il gratuito perché mi sembrava quella la volontà (l'assemblea voleva imputarla a capitale) e, detto questo, secondo me la riserva della traccia era targata (non nel senso di personalizzata ma nel senso di oggettivamente destinata a uno scopo). Il mio ragionamento è stato che se tutti i soci vogliono imputare non c'è destinazione che tenga, lo si può fare. Il fatto però che non si possa usare quella riserva per l'aumento oneroso sulla base di presunti principi generali che avrebbero acquisito persone che studiano da dieci anni è a mio avviso assurdo. A livello normativo, verosimilmente, una clausola di quel tipo può violare il 2345 (espressione del principio in forza del quale i soci non possono essere obbligati a ulteriori versamenti in denaro oltre ai conferimenti) ma siccome siamo nella "terra di nessuno" ritengo che nessun notaio di fronte a una clausola del genere ne disapplicherebbe il contenuto con così tanta tranquillità. In più c'è una cosa da dire, se si ritiene illegittima la previsione e se il ragionamento di chi è cos' convinto delle proprie convinzioni si fonda su queste premesse sarebbe stato necessario modificare lo statuto rettificando la clausola "incriminata". La verità è che il diritto civile nonostante tanto studio non può essere dominato e astrattamente è sostenibile tutto nel caso in cui non ci siano precedenti giurisprudenziali, che nel caso di specie mancano del tutto. Le tracce inoltre non dovrebbero essere di difficile interpretazione ma dovrebbero essere quanto meno intellegibili per permettere che la selezione si fondi sulle cognizioni giuridiche e non sul caso. E' un mio pensiero.
  15. 1 point
    però, fino ad oggi, mi risulta che non ci sia stato alcun notaio che abbia rinunciato alla professione per fare l'agente immobiliare... dai su! Come puoi paragonare il lavoro del notaio con quello di un agente immobiliare?? bah
  16. 1 point
    Il mio consiglio è quello di non studiare 8 ore al giorno, ma di alternare un giorno di studoi ad un giorno di pratica notarile ad un giorno di una scuola notarile. Se farai così e sei una persona intelligente, tra due anni sarai in grado di sederti al concorso e tentare la tua prima consegna. Non studiare con il pensiero che andrai solo a sederti per non consegnare, studia con l'obiettivo di fare la tua prima consegna, altrimenti corri il rischio di adagiarti sugli allori...
  17. 1 point
    Credo che dipenda molto da cosa si è scritto nell'assertiva e in motivazione. Non penso comunque che chi ha fatto la perizia sul credito (soluzione corretta secondo me) abbia detto che trattavasi di conferimento del credito verso terzi. Eravamo, invece, in presenza di un conferimento per compensazione mediante la reciproca elisione dei crediti certi liquidi ed esigibili. A stretto diritto nemmeno ci voleva la perizia, poiché il debito da prezzo della società proveniva da un atto gestionale dell'Amministratore unico, destinato a essere contabilizzato. Quello di cui sono sicuro è che non trattavasi di conferimento in natura dell'immobile. Faccio notare, inoltre, che la massima 125 quando adombra la necessità della perizie sul bene compravenduto precedentemente dalla società, pare far riferimento al caso dell'operazione in frode alla disciplina degli acquisiti pericolosi o comunque dei conferimenti in natura. Qui invece eravamo in una situazione nettamente diversa, poiché l'immobile acquistato era inferiore al decimo del capitale sociale e non vi era alcuna frode, in quanto l'aumento oneroso non era preordinato ad aggirare alcunché, essendo l'acquisto di un mese prima e l'assemblea non convocata e totalitaria...
  18. 0 points
    No tranquillo..... e' l' eta' che avanza
×