Vai al contenuto

Tutte le attività

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Mi sa che devo ripassare la novazione... Sta cosa che si nova il titolo e non l'obbligazione non la sapevo...non si finisce mai di imparare...
  3. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Se novi la causa/titolo si, se novi la sola obbligazione no!
  4. Today
  5. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    Sei sicuro che stanno ritenendo valida soluzione regolamento?
  6. Yesterday
  7. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    La soluzione era il Regolamento, però tollereranno anche l'altra soluzione (quindi non bocciano per solo questo motivo), purché sia dia una motivazione, ad es. tipo quella di Andream. Il Regolamento è legge in Italia, e valida quindi anche per gli stranieri residenti; tuttavia, questa legge non risolve eventuali conflitti che si possono creare fra gli eredi (con Stato non membro ), perché ognuno potrebbe far valere la propria normativa, chi di cittadinanza (Usa) chi di residenza (Italia); forse, a tal fine, si poteva fare anche una scelta espressa confermativa del Regolamento per tagliare la testa al toro, come si dice (per l'Italia, quindi si confermava la legge, per gli Usa questa scelta confermativa appariva come una professo iuris)
  8. RT @matteosalvinimi: "Con il tuo razzismo non andrai lontano. Per il momento accetta questo pensiero che ti mandiamo con sincerità. Ripulir…

  9. costituzione/rinuncia servitù

    A) Condivido anche se in realtà non vedo perché non coinvolgere anche il fondo dominante, visto e considerato che la servitù è un rapporto tra fondi... B) La tesi prevalente (ma contra Petrelli) nega che per la rinuncia occorra l'allineamento, sulla base del tenore letterale della norma che parla di trasferimento, costituzione e scioglimento di diritti reali...Io lo farei anche qui...
  10. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    Ma si ha qualche notizia sul se stiano bocciando in merito alla questione DIP o Regolamento?
  11. costituzione/rinuncia servitù

    Ciao ragazzi,due quesiti:A) in tema di costituzione di servitù su immobili è pacifico che vada fatta la dichiarazione dell’allineamento catastale sul fabbricato servente e non sul fabbricato dominante. Condividete? B.1) Invece, in tema di rinuncia alla servitù da parte del titolare del fabbricato dominante l’allineamento catastale va fatto solo per il fondo dominante o anche per il fondo servente? B.2) E poi, tale ipotesi si realizza mediante un contratto (con accettazione del proprietario del fondo servente) o mediante atto unilaterale (del proprietario del fondo dominante) recettizio?Grazie mille
  12. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    dip o regolamento è un testamento pubblico !!! non olografo!!!
  13. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    Ragazzi ma scherziamo, o è zuppa (Regolamento senza dire nulla) o Pan Bagnato (DIP e professio). Mi pregio peraltro solo far notare che il DIP Italiano in materia si disapplica a favore della più forte fonte Regolamentare UE...non lo dico io ma la gerarchia delle fonti...e che come detto dallo stesso Regolamento, la fonte comunitaria si applica anche quando la legge applicabile non è di un paese comunitario, quindi anche agli extracomunitari...
  14. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    Finalmente dopo tante discussioni sul cip e regolamento. Qualcuno che ha centrato il problema. Adottare regolamento senza professio o Dip con professio.
  15. Prelazione agraria e datio in solutum

    Cassazione 629/1986 dovrebbe dire proprio quanto poc'anzi esposto
  16. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Ma io infatti discutevo soltanto di quest'ultimo aspetto, perché se così fosse apporre la condizione risolutiva non sarebbe soltanto inutile ma addirittura sbagliato. In tutta franchezza - a livello logico - mi sembra assurdo che la posizione del coniuge divorziato cambi a seconda che il disponente si risposi o meno.
  17. Prelazione agraria e datio in solutum

    Esattamente come dice Pocholoco! La prestazione oggetto di datio non è fungibile!
  18. Prelazione agraria e datio in solutum

    Che io sappia, anche per la datio si può escludere la prelazione agraria, perché manca la fungibilità della prestazione. In sostanza si dice che se il legislatore ha espressamente escluso la prelazione per la permuta per via del corrispettivo infungibile, la medesima cosa dovrebbe valere per la datio, dove il trasferimento del fondo è effettuato al fine di estinguere una obbligazione, cosa che il prelazionario non potrebbe assicurare. Salvo, in ogni caso, un utilizzo elusivo della datio (parti si accordano per far sorgere una obbligazione e poi l'adempiono non in denaro ma con il trasferimento del fondo, al fine di escludere la prelazione dell'affittuario del fondo)
  19. 3^ prova 25/11 concorso 2016

    Se facevi la professio iuris per il Regolamento cambiava il criterio di collegamento, quindi non saresti riuscito a soddisfare la volontà del testatore. Quindi, come è stato detto sopra o Regolamento senza dire nulla, restando la residenza quale criterio di collegamento o dip. con professio iuris. Io ho adottato quest'ultima soluzione, ragionando sulla circostanza che si trattasse di cittadino extracomunitario, e dell'applicazione, quindi residuale del dip, stante la vigenza del Regolamento che si applica per gli Stati membri.
  20. Il masochismo non ha limiti PDoti Buonisti M5Stalle Sinistroidi vari E tutte le reti RAI TV+RADIO sono impegnate a… https://t.co/VNo2QbovBT

  21. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Infatti, io mi ero pronunciata sulla questione della condizione risolutiva...pensavo che tu sostenessi la necessarietà della stessa, questo è il motivo della mia ulteriore risposta. Sul dovere di restituire quanto ricevuto a titolo di liquidazione, la legge regola solo il caso del sopraggiungere di nuovi legittimari. Dunque, contempla la restituzione solo in presenza di tale circostanza. Sulla restituzione del coniuge, poi divorziato, a prescindere dalla soppravvenienze di nuovi legittimari, io ho delle forti perplessità, è questione non contemplata dalla legge e credo incoerente con la funzione del patto. Però su questo si discute...
  22. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Scusa ma cosa hai compreso da quello che ho scritto? Ho mai fatto riferimento alla separazione? Ho mai scritto che il coniuge separato non è legittimario? Ho mai scritto che ci andava la condizione risolutiva? La sintesi di quello che ho scritto è: - se divorzia deve restituire quello che ha percepito come liquidazione sia nel caso in cui il disponente si sia risposato sia nel caso in cui non si sia risposato. Hai proprio ragione, ognuno ragiona come gli hanno insegnato a fare...
  23. Prelazione agraria e datio in solutum

    La traccia parlava espressamente di vendita, con il pagamento da effettuarsi anche con tale modalità.Allora mi chiedevo se per la parte di prezzo in danaro potesse esservi prelazione. Diversamente anch'io avrei pensato ad una permuta con conguaglio e , quindi, non ci sarebbe prelazione agraria
  24. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    In ogni caso era opportuno non prendere posizione,in assenza di una chiara volontà della traccia e lasciar operare la disciplina di legge.
  25. 2^ prova 24/11 concorso 2016

    Il coniuge non divorziato (separato di fatto, consensualmente, giudizialmente) è considerato alla stregua del coniuge non separato. Dunque, è legittimario a tutti gli effetti. Se tant'è al momento del patto, la condizione risolutiva ( tra l'altro volontaria) non ha senso. Come ho detto, le sopravvenienze sono altra cosa e per giunta regolate dalla legge. Per carità, poi ognuno ragiona come gli hanno insegnato a ragionare...
  26. Prelazione agraria e datio in solutum

    Più che datio in solutum a me sembrerebbe una permuta con conguaglio, se fosse permuta l'art. 8 comma 2 l. 590/1965 espressamente esclude la prelazione. In ogni caso si sostiene che anche in caso di datio in solutum manca un corrispettivo fungibile e quindi non c'è prelazione.
  27. Hand-in-hand… 🤝Congratulations to our beautiful real bride Irene and her husband! Photography by Studio Leta Fotog… https://t.co/LXD69zFoPP

  1. Load more activity
×